Omeopatia - Casi Clinici

Hepar sulph - L'antibiotico omeopatico



omeopatia

La chirurgia ripara e rimodella il corpo con bisturi e punti. È un'arte a sé, la si può imparare e adottarla in base alle proprie esigenze e prestazioni. Le prove archeologiche e storiche suggeriscono che le persone da migliaia di anni vengono sottoposte a interventi chirurgici.

 

Utilizzo della medicina omeopatica per evitare la chirurgia

- Appendicite da calcoli renali
- Tumori dell'uretra
- Iperplasia prostatica benigna ed emorroidi
- Fessura dell'idrocefalo
- Fistola da tetano
- Osteomielite da cancrena

 

Utilizzo della medicina omeopatica in caso di intervento chirurgico

- Flatulenza post-chirurgica
- Dolori post operatori
- Cattivi effetti dell'anestesia
- Febbre settica
- Ricorrenza di tumori, calcoli renali o dell'uretere
- Menorragia o metrorragia dopo dilatazioni e raschiamento
- Piaghe da letto
- Emorragie
- Shock chirurgico
- Itterizia
- Dopo un trapianto d'organo

Ecco un breve caso di ascesso che viene inciso chirurgicamente ma la formazione di pus continua; a questo punto si ricorre a un trattamento olistico con la medicina omeopatica.

 

Nome: Mrs SK

Età: 45 anni

Sesso: femminile

Occupazione: Casalinga

 

Disturbi riferiti:

- Gonfiore doloroso e ulcera della parete addominale
- Febbre con brividi da diversi giorni

 

Dettagli dei disturbi riferiti:

I disturbi sono iniziati due settimane fa. Inizialmente c'era un foruncolo doloroso sull'addome. Il giorno dopo, la paziente ha rimosso da sola il pus schiacciando il foruncolo senza adottare alcuna precauzione asettica, quindi a causa dell'infezione si sono presentati nell'area dolore e gonfiore. Ha quindi consultato un medico e questi le ha prescritto alcuni farmaci e unguenti. Dopo 12 giorni tuttavia, la condizione stava peggiorando. Alla fine c'è stata un'enorme ulcerazione con secrezione di pus. L'intera area coinvolta era molto sensibile, con rischio di rotture, ed era quindi molto difficile fare i lavori domestici. Come risultato dell'infezione secondaria, è sopraggiunta febbre alta con brividi.

Considerato che non vi erano stati problemi in passato, il caso è stato riferito alla rimozione dell'ascesso, ma la suppurazione non era ancora corretta nonostante la cura post-operatoria. La paziente stava avendo la febbre alta con brividi e c'era anche un'infezione secondaria. Alla fine decisero di ricorrere all'omeopatia, perché anche dopo l'escissione dell'ascesso persisteva la tendenza alla suppurazione. Quindi siamo stati consultati.

 

Storia passata: ascesso al seno 5 anni prima, trattato chirurgicamente. La paziente è stata anche operata per ernia iatale due anni prima.

Storia familiare: marito e figli godono di buona salute a parte alcuni problemi allergici. Il padre soffre di distrofia miotonica (DM).

 

Segni vitali:

frequenza: 110/min;
temperatura: 38,3°C;
frequenza respiratoria: 22/min;
pressione: 120/80.

 

Esame locale:

Ulcerazione profonda sulla parete addominale con scarico di pus. I bordi dell'ulcera sembrano malsani senza segni di tessuto di granulazione. Anche il tessuto adiposo è visibile. C'è una durezza e una lassezza attorno all'ulcera dovuta alla cellulite. Il pus era maleodorante.

 

Generalità fisiche

Appetito: scarso
Sete: normale
Intestino: irregolare
Urine: minzione bruciante
Desideri: cibi caldi
Temperatura: peggioramento a freddo, vuole coprirsi.

 

Generalità mentali

Molto irritabile. Di solito tende a sopraffare i membri della famiglia.

Analisi dello spazio di vita: viene fondamentalmente da una famiglia povera ma ora il marito ha una buona situazione familiare. Vive felicemente con il marito e quattro figli. Si preoccupa eccessivamente per la salute dei membri della famiglia.

Sintomi evidenti:

- Ascesso aperto con scarico di pus
- Pus maleodorante
- Molta sensibilità al tatto
- Molto freddo
- Facile suppurazione a partire da un piccolo foruncolo

Diagnosi della malattia: ascesso della parete addominale con cellulite.

 

Diagnosi correttiva: Hepar sulph.

1) Prima visita (1-3-2017): Hepar sulph 200, 3 dosi al giorno, per 7 giorni.
Alla paziente è stato consigliato di mantenere l'area pulita ed evitare di indossare abiti stretti. Le è stato chiesto inoltre di riferire eventuali cambiamenti della situazione, in particolare riguardo alla temperatura e alla condizione dell'ulcera.

2) Seconda visita (8-3-2017): l'ulcera appare in salute con la presenza di tessuto di granulazione. Non c'è pus, tranne l'acqua che trasuda. Anche la febbre è diminuita.

3) Terza visita (17-3-2017): il processo di guarigione è buono, tranne che per una piccola porzione al centro della parte. La paziente ha iniziato a fare lavori domestici.

4) Quarta visita (28-3-2017): si è formata la crosta. Il paziente ha occasionalmente un leggero prurito.

5) Quinta visita: la lesione è completamente guarita. Si nota alla vista una leggera decolorazione (non sono state fatte foto).

 

Discussione

Per questo caso non è stata eseguita alcuna repertorizzazione. Hepar sulph è stato prescritto sulla base dei disturbi riportati.

C'era ipersensibilità, alterazione della temperatura e persino il pus aveva un odore maleodorante come quello del di formaggio vecchio. Quando la lesione ha iniziato a migliorare, è stata fatta una prescrizione ed è stato chiesto alla paziente di riferire i progressi. La paziente non ha riportato fino ad oggi nessun disturbo e anche la tendenza alla suppurazione è diminuita... Dove tutto fallisce l'Omeopatia interviene con successo!

 

Bibliografia

Concise Textbook of Surgery:- Dr. S. Das
Homoeopathic Therapeutics- Dr. Samuel Lilanthal
The Prescriber- Dr. J.H. Clarke



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione