Etica

Haiti: a due anni dal terremoto consegnata solo la metà degli aiuti

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Etica , Attualità

haiti
Nel gennaio del 2010, Haiti, il Paese più povero del continente americano, fu devastato da un terremoto di magnitudo 7 che provocò la morte di oltre 300 mila persone

Nel gennaio del 2010, Haiti, il Paese più povero del continente americano, fu devastato da un terremoto di magnitudo 7 che provocò la morte di oltre 300 mila persone causando danni incalcolabili.

A due anni di distanza dal sisma, tuttavia, la popolazione dell’isola ha ricevuto poco più della metà dei finanziamenti esteri promessi, circa 2,38 miliardi di dollari contro i 4,5 programmati.

Lo ha raccontato in queste settimane il quotidiano britannico Guardian citando i dati diffusi dalle Nazioni Unite. In questa situazione di grave carenza degli aiuti, denunciata da molte Ong presenti sul territorio, emergono in modo particolare i ritardi nei finanziamenti da parte di Stati Uniti e Venezuela, gli stessi Paesi, ricorda il quotidiano, che avevano promesso di “fare la parte del leone negli aiuti”.

Gli Usa hanno inviato il 30% della cifra (278 milioni), il Venezuela appena il 24% (223 milioni). Non si è comportata particolarmente meglio la Germania, che ha fornito poco più di un terzo degli aiuti in programma (18,9 degli oltre 52 milioni previsti), mentre alcuni Paesi, come Belgio, Kuwait, Corea del Sud e Qatar, non hanno versato nemmeno un centesimo del denaro promesso (altri, come l’Italia, non hanno partecipato direttamente agli aiuti).

Poche nazioni hanno versato l’intero ammontare (ma sono cifre contenute, non si va oltre gli 8 milioni di dollari della Russia), mentre l’organizzazione degli Stati americani (Oas) ha erogato meno del 2% di quanto accordato.

Due Paesi, Giappone e Finlandia, hanno versato addirittura una cifra lievemente superiore a quella programmata. Ad oggi, ha denunciato Oxfam, 500 mila haitiani sono privi di un’abitazione, il 70% non ha un lavoro regolare mentre resta tuttora vasta la diffusione del colera.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Matteo Cavallito

Latte. L'oro bianco che non conosce la crisi 11 MAR 2015 ALIMENTAZIONE
Frumento e riso sfamano il mondo. E il mercato 2 FEB 2015 ALIMENTAZIONE
Genetica, farmaci e oligopoli alla base della filiera di massa 10 DIC 2014 DENUNCIA SANITARIA
Così la carne diventa business globale 28 NOV 2014 ALIMENTAZIONE






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione