Alimentazione

I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Alimentazione

primizie lingotto
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto

A conclusione del viaggio, un piccolo tour tra le primizie presentate durante l’ultimo Salone del Gusto organizzato da Slow Food a Torino. Una testimonianza della ricchezza gastronomica (spesso poco nota) delle regioni italiane.

A proposito di eccellenze territoriali, abbiamo deciso di agganciare un’ultima – breve – tappa al nostro viaggio nel Made in Italy alimentare. Un piccolo tributo a quanti cercano di tutelare la nostra tradizione gastronomica e di inventarsi nuove nicchie di mercato. Gironzolando per gli stand dello sconfinato Salone del Gusto di Slow Food abbiamo scovato cinque “chicche”. Dietro di loro, la passione di altrettanti produttori innamorati, nonostante le difficoltà, della propria terra e dei propri prodotti.

Chinotto ligure
Sembrava destinato all’oblio a causa della lunga procedura di lavorazione, le minime quantità disponibili e ricavi insufficienti. Invece, anche grazie al presidio Slow Food, questo agrume, coltivato in Liguria dal 1500, è tornato a nuova vita. I produttori lo trasformano in marmellate e gelatine gustosissime (amarognole, ma molto indicate con formaggi stagionati). E una sinergia con l’acqua Lurisia sta aumentando gli sbocchi economici per i pochi savonesi che ancora lo coltivano (a proposito: provate a indovinare qual è il colore reale del chinotto? Chi sta pensando a quello scuro di alcune bibite è sulla strada sbagliata).

Patate viola
Davanti a noi, un gruppo di inglesi le hanno mangiate crude, per errore. Pensavano fossero fette di salame. Questo tubero, tipico dell’Alta Langa, descrive invece la caparbietà di contadini convinti delle sue potenzialità. Ricche di antiossidanti, capaci di crescere quasi senz’acqua. «Coltivarle è faticoso perché il loro colore le fa confondere con il terreno», ci spiega Silvana Riggio. Una scelta di vita, la sua. Un ritorno alla terra che le ha donato una consapevolezza: «Da soli non si va da nessuna parte. Serve un nuovo tessuto di relazioni per vendere insieme le nostre specialità».

Cavolo trunzu
Dietro questo ortaggio, che nulla ha a che vedere con l’odore e il gusto del cavolo tradizionale, c’è l’ostinazione di Enzo Pennini. L’unico produttore a far parte per ora del Presidio attivato da Slow Food. Una battaglia solitaria ma nobile: tutelare questa varietà, in pericolo per la coltura intensiva del suo cugino più noto: anche tre raccolti l’anno grazie all’uso di concimi chimici. (Una curiosità: il nome “trunzu” deriva dall’epiteto con cui i catanesi apostrofano gli abitanti di Aci, area d’elezione del cavolo).

Peschiole nettarine
Vedendole, nove persone su dieci le confonderebbero con olive verdi. Sono invece una specialità di Vairano Patenora (Caserta), dove queste “mini-peschenoci” sono raccolte quando misurano un paio di centimetri e il nocciolo è ancora morbido. Le peschiole vengono quindi lavate, cotte in acqua, aceto e spezie, infine conservate in barattoli di vetro. Una delizia al palato: croccanti, compatte, un sapore decisamente caratteristico, che ha aperto a questo frutto le porte dei ristoranti specializzati in prodotti tipici.

Panettone all’aceto balsamico
L’azienda modenese che ce lo ha fatto assaggiare al Salone (La vecchia dispensa) ci ha permesso di ricordare che probabilmente il migliore abbinamento gastronomico ancora non è stato inventato. Per loro, l’accostamento tra il sapore del dolce natalizio per eccellenza e l’aceto di Modena è stata l’occasione per costruirsi una nicchia di successo, in Italia e all’estero. Tanto da aver provato un paio di esperimenti sulla carta ancora più arditi: i cioccolatini ripieni di balsamico e parmigiano e il sale di Trapani all’aceto. Il risultato? Ça va sans dire.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE
Gas contro biogas: uccidono l'agricoltura 13 GEN 2012 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione