Salute

Gravidanza, occasione unica per prendersi cura di sè

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Salute , Omeopatia

gravidanza
La gravidanza è una fase di cambiamento rivoluzionario nella vita di una donna

La gravidanza è una fase di cambiamento rivoluzionario nella vita di una donna. È un periodo in cui tutto l’organismo tende alla salute e alla crescita. Il corpo deve compiere un grande sforzo procreativo e così la mente della donna deve trasformarsi da quella di una ragazza in quella di una madre. Se è vero che la salute passa anche attraverso il cibo, non c’è momento migliore della gravidanza per informarsi su quello che
mangiamo.

L’alimentazione in questo periodo deve sostenere un fabbisogno aumentato: ogni settimana il feto richiede nutrienti adeguati alla crescita.

L’apporto proteico si duplica ed è consigliabile aggiungere una fonte di proteine a ogni pasto. I carboidrati indicati sono quelli a basso indice glucidico (cioè quelli che non fanno innalzare troppo l’insulina), come il farro, il kamut, il grano saraceno e le farine integrali. Si consiglia un’alimentazione varia, che preveda cibo biologico e di stagione, verdure cotte e crude, insieme a legumi e frutta. Tuttavia, è importante non
appesantire il processo digestivo con cibi troppo lavorati, zuccherini o chimici. Inoltre, è necessario sfatare il luogo comune per cui la gravida debba “mangiare per due”. Una donna che inizia la gravidanza con giusto peso corporeo (né sottopeso, né sovrappeso) dovrebbe prendere 10-12 kg complessivamente e tale aumento ponderale dovrebbe essere correttamente progressivo: 1-2 kg alla fine del 3° mese; 3,5-5 kg al 5° mese; 9,5-14 kg al termine della gravidanza. In altri termini, l’aumento di peso non è costante: fino al quarto mese s’ingrassa, in genere, poco (2-3 chili), poi l’incremento diventa più rapido.

È importante ridurre il consumo di caffè e abolire del tutto gli alcolici. È dimostrato che l’alcol assunto in gravidanza possiede un effetto tossico sul feto e può produrre danni a carico del sistema nervoso con conseguenze anche gravi, fino a un vero quadro di futuro ritardo cognitivo del neonato (sindrome feto-alcolica). Il fisico della madre si prepara naturalmente ad affrontare il parto durante i nove mesi di gestazione grazie a stimoli ormonali specifici della gravidanza. Si realizza un vero rimodellamento muscolo-tendineo, soprattutto a carico delle strutture del bacino. Si possono, però, allenare i muscoli e la respirazione della madre con lo yoga o corsi di acquaticità, che aiuteranno a rilassarsi e ad alleggerire
il peso del pancione. Inserirsi in una rete di supporto come un corso di preparazione al parto già dalle prime settimane aiuta la futura mamma a ricevere informazioni più precise e ad accettare il cambiamento in atto, soprattutto attraverso il confronto con altre “mamme”.

La neo-mamma sentirà il bisogno di prendersi cura di sé, di settimana in settimana il mondo esterno e lavorativo sembreranno passare in secondo piano, la donna in gravidanza cammina con la testa tra le nuvole e il punto di vista sul mondo inizia a capovolgersi… Spesso questo impulso fisiologico è contrastato con tenacia per ambizioni carrieristiche e/o a causa del costume sociale vigente: ciò, talora, è causa di sintomi e “problemi” come l’eccessivo protrarsi (oltre il terzo trimestre) di nausea gravidica o la sensazione di non essere a proprio agio nel corpo, che spingerà la donna a prendere peso mangiando eccessivamente. L’uso di farmaci in gravidanza costituisce un argomento spinoso per le madri e per i medici. L’armamentario farmacologico convenzionale si riduce drasticamente per il rischio di tossicità fetale e i dati sulla sicurezza d’impiego di molti principi attivi sono parziali. Per contro, la terapia omeopatica è efficace e sicura in gravidanza.

Con l’omeopatia si possono risolvere i fastidi più comuni, come le nausee gravidiche, un eccessivo senso di fame, le alterazioni dell’alvo, ma anche trattare condizioni patologiche più severe, come le infezioni o i malposizionamenti fetali. I medicinali omeopatici, in mani esperte, sono poi di grande ausilio per assicurare un parto spontaneo e ridurne le complicanze. Soprattutto, la terapia omeopatica durante la gravidanza può avere valenza di trattamento preventivo sul nascituro. Attraverso la madre si possono somministrare medicinali omeopatici ad azione profonda, che agiscono sul terreno costituzionale del feto, ancor prima della sua nascita. Come per ogni altra medicina, anche in omeopatia è sconsigliata l’auto prescrizione: ogni medicinale va assunto obbligatoriamente dietro consiglio medico.

Quella che segue è solo una breve lista di alcuni tra i molti medicinali omeopatici utilizzabili con sicurezza ed efficacia, su prescrizione medica, per la nausea gravidica nei primi tre mesi.

Nux vomica: nausea al risveglio con eruttazioni e rigurgiti. Si è ipersensibili agli odori e profumi ed è spesso associata la stitichezza.
Arsenicum album: nausea intensa con disgusto per gli alimenti, anche all’odore e alla vista del cibo. Stomaco irritato con vomito subito dopo aver bevuto e mangiato, ma la sete è intensissima di piccole quantità e spesso.
Sepia: grande rimedio della gravidanza, presenta nausea alla vista e odore del cibo, non sopporta il latte. Ha una sensazione di fame insaziabile insieme a profonda stanchezza che migliora solo temporaneamente mangiando, purché cibi semplici. In gravidanza possono comparire chiazze estrogeniche (chiazze marroni = cloasmi): oltre a proteggere la cute con protezione totale, Sepia può essere il rimedio del caso.
Ignatia amara: sensazione di vuoto con sospiri accompagnati da tristezza e cupezza con avversione ai cibi ordinari; peggiora con forti emozioni e dispiaceri.
Sulphur. Rimedio tra i più importanti: la nausea lo porta a non digerisce nulla, anche cibi più semplici. Ha fame incontenibile e molta sete in continuazione.

Per saperne di più:
Sterno D. N. - Nascita di una madre: come l’esperienza della maternità cambia una donna. – Mondadori, Milano 2000.
Kitzinger S. - Il bambino, l’attesa e la nascita – Mondadori, Milano 1991.
Malvagna E. - Partorire senza paura – Red Edizioni, Como 2008.
Balaskas J. - Manuale del parto attivo – Red Ed., Como2003.
Odent M. - Ecologia della nascita – Red Ed, Como1990.
Odent M. - The farmer and the obstetrician - FreeAssociationBooks, Londra 2002.
Odent M. - The scientification of love - FreeAssociationBooks, Londra 2001.
Braibanti L. - Parto e nascita senza violenza - Red Ed, Como1993.
Verny T. - Bambini si nasce: le sfide della genitorialità dal concepimento attraverso l’infanzia – Bonomi Ed, Pavia 2003.
Gaskin I.M. - La gioia del parto: segreti e virtù del corpo femminile durante il travaglio e la nascita - Bonomi, Pavia 2003.
Dolto F. - Come allevare un bambino felice e farne un adulto maturo - Mondadori, Milano1992.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Martina Fiochi

L'allattamento 21 FEB 2014 INFANZIA
Omeopatia, gli aiuti nell'allattamento 24 GEN 2014 INFANZIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione