Alimentazione

Grassi: quali evitare per vivere più a lungo


CATEGORIE: Alimentazione

cibo salute
Troppi grassi a tavola accorciano la vita

Burro, il lardo, i latticini e carne rossa. Troppi grassi a tavola accorciano la vita. Viceversa, chi segue una dieta povera di grassi saturi, vive mediamente più a lungo.

A confermarlo è uno studio condotto dai ricercatori del dipartimento di salute pubblica dell’Università di Harvard e pubblicato sulla  rivista «Jama Internal Medicine». Secondo gli autori, si tratta “dell’indagine più dettagliata condotta finora per valutare l’effetto che i diversi tipi di grassi hanno sulla salute.

In precedenza diversi studi avevano mostrato un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiovascolari da parte chi seguiva una dieta squilibrata. Nessuna ricerca sinora condotta, tuttavia, aveva correlato il consumo di grassi direttamente ai tassi di mortalità.

Quest'ultimo studio ha ora preso in considerazione oltre 126mila persone sane (83mila donne e 43mila uomini)  che hanno preso parte alla ricerca e sono state osservate per tre decenni, con controlli dietetici a cadenza biennale o quadriennale.

Al crescere del due per cento del consumo di alimenti ricchi di grassi saturi e trans, principalmente di origine animale ma anche quelli realizzati con alcuni oli vegetali, è risultata aumentare del sedici per cento la probabilità di morire prematuramente.

Inoltre i tassi di mortalità sono risultati inferiori, di una quota compresa tra l’undici e il diciannove per cento, nelle persone che nel corso dell’indagine avevano sostituito il consumo di pietanze o ingredienti ricchi di grassi saturi con altri in cui prevaleva la quota di grassi mono e polinsaturi.

Via libera quindi a olio extravergine di oliva, olio di soia, pesce e frutta secca. L’effetto protettivo è stato osservato anche a basse dosi, se sostituendo appena il cinque per cento della chilocalorie assunte giornalmente da alimenti ricchi di grassi saturi con altri impreziositi dai polinsaturi il rischio di morte prematura è risultato (nella media) più basso del ventisette per cento.

Per quanto riguarda i grassi saturi, molto acceso è il dibattito sull'olio di palma, che vede schierate le aziende alimentari contro il fronte crescente di chi si oppone al largo impiego che si fa di questo ingrediente. Ferite alla biodiversità, lavoro forzato e dubbi sanitari:  in un articolo che abbiamo pubblicato di recente vengono segnalate le controindicazioni all'uso dell'olio di palma che ha invaso l'industria del cibo e alimenta quella dei biocarburanti.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Sovrappeso e glicemia: ecco come ridurli 25 MAG 2018 ALIMENTAZIONE
Borotalco cancerogeno: nuova condanna per la Johnson&Johnson 25 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
La salsa di pomodoro fa bene all'intestino 23 MAG 2018 ALIMENTAZIONE
Il 22% della popolazione mondiale nel 2045 sarà obesa 23 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Perché stare svegli e lavorare di notte fa male alla salute 23 MAG 2018 SALUTE
I residui di antibiotici contaminano il terreno e le acque 21 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Scuole, aziende e ospedali: ecco i decaloghi contro lo spreco alimentare 21 MAG 2018 ALIMENTAZIONE
Depressione: in Italia cure fai da te con psicofarmaci 21 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Corruzione: rinviato a giudizio il colosso Novartis 21 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Musicisti e bilingue? Hanno un cervello più efficiente 18 MAG 2018 SALUTE
Aifa: i farmaci scaduti possono essere mortali 18 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
“Aboliamo i vaccini obbligatori, misura inaccettabile”: presentata proposta di legge 16 MAG 2018 VACCINAZIONI
Omeopatia inefficace? Omeoimprese invita Garattini e Burioni ad un confronto 15 MAG 2018 OMEOPATIA
L'omeopatia resta nelle farmacie australiane. Così ha deciso il governo 15 MAG 2018 OMEOPATIA
Danni da vaccino. La Cassazione: “Risarcimento legittimo anche per quelli non obbligatori” 14 MAG 2018 VACCINAZIONI
Rughe: la prevenzione inizia a tavola 14 MAG 2018 ALIMENTAZIONE
Farmaci antiepilettici in gravidanza: quali rischi? 14 MAG 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Tutte le vittime dell'antibiotico-resistenza 11 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Nelle acque italiane oltre 250 pesticidi 11 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Dieci regole per combattere lo stress 11 MAG 2018 SALUTE
Obesità in gravidanza? Figlie a rischio di pubertà precoce 9 MAG 2018 SALUTE
Raffreddori: perché non bisogna curarli con gli antibiotici 9 MAG 2018 SALUTE
Test animali per i cosmetici: Parlamento Ue chiede divieto mondiale 7 MAG 2018 ANIMALI
Big Pharma: quasi 3 miliardi di multe in due anni 4 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Demenza: ecco i farmaci che possono aumentare il rischio 4 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Veneto: calo delle iscrizioni alle scuole materne per i vaccini obbligatori 4 MAG 2018 VACCINAZIONI
Il 90% del mondo respira aria inquinata 2 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'amianto continua a minacciare la salute degli italiani 2 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Troppo lavoro fa male: ecco il decalogo del benessere 30 APR 2018 SALUTE
Il nostro mare soffoca sotto una montagna di plastica e microplastica 30 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione