Alimentazione

G20 Agricoltura. Un fallimento annunciato

Fonte: Valori (Rivista)



agricoltura
Agricoltura

Il consesso internazionale non è riuscito a fornire risposte al fenomeno più problematico e preoccupante: quello delle speculazioni. L’accordo è al ribasso, nonostante la presidenza francese vi avesse puntato fortemente.

Si trattava di uno degli appuntamenti più attesi per la presidenza francese del G20, che si concluderà nel prossimo novembre a Cannes. Ma è stato un mezzo disastro. Il consesso del Venti dedicato all’agricoltura non è riuscito a fornire una risposta a una delle questioni che maggiormente preoccupano chi ha a cuore l’economia reale di tutto il mondo: le speculazioni che negli ultimi mesi hanno colpito i beni alimentari sui mercati internazionali.

A vincere sono stati gli interessi nazionali
La riunione dei ministri dell’Agricoltura, che si è tenuta alla fine di giugno a Parigi, aveva infatti come principale obiettivo quello di concordare una strategia per combattere la volatilità dei prezzi alimentari e aumentare la trasparenza nel settore. Ma già dopo gli incontri preparatori il ministro delle Politiche agricole parigino, Bruno Le Maire, aveva parlato di “profonde divergenze”, lasciando intendere che difficilmente si sarebbe potuto trattare di un incontro “storico”.

Una sconfitta anche per il presidente Nicolas Sarkozy, dal momento che era stata proprio la Francia a premere per decisioni importanti. Alla fine il Gotha dell’agricoltura globale è riuscito a trovare un compromesso solamente su cinque punti.

Il primo riguarda la “produzione agricola e la produttività” e prevede in particolare maggiori investimenti per la ricerca e lo sviluppo, oltre a non meglio precisati “trasferimenti di tecnologia dal Nord al Sud del mondo”.

In secondo luogo, si punterà a “incrementare la trasparenza e le informazioni nei mercati fisici”, grazie a una nuova raccolta dati che sarà affidata alla Fao. Quest’ultima dovrà, infatti, creare un database globale e monitorarne l’andamento, provvedendo poi (entro il 2012) alla pubblicazione di un primo rapporto.

Il terzo punto riguarda invece un “maggiore coordinamento delle politiche internazionali”, al fine di prevenire misure commerciali simili alla moratoria sulle esportazioni che è stata decisa unilateralmente dalla Russia nell’estate del 2010. Il Cremlino, in quell’occasione, aveva dichiarato un embargo totale del suo export di grano, in seguito alla siccità e agli incendi che avevano devastato vaste porzioni del suo territorio. Il che provocò immediatamente una forte volatilità nel mercato (a dimostrazione di quanto i prodotti alimentari siano sensibili agli scossoni).

Il quarto impegno assunto dal G20 Agricoltura è legato alla “riduzione degli effetti sulla vulnerabilità”, che si tradurrà nell’introduzione di “riserve d’emergenza” di cibo e in facilitazioni nell’accesso al credito garantite dalla Banca mondiale.

Ma è l’ultimo punto, quello legato alle nuove regole che avrebbero dovuto essere applicate ai mercati finanziari, a deludere fortemente: su tale questione i Venti sono rimasti estremamente vaghi. La responsabilità dei controlli è stata delegata ai ministri delle Finanze e ai governatori delle Banche centrali: ovvero ricalcando esattamente l’attuale sistema di vigilanza. Per questo la stampa internazionale ha parlando senza remore di “fallimento annunciato”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Andrea Barolini

Il clima rovente affamerà il mondo 30 MAG 2016 ATTUALITà
Fukushima, il disastro costa 50 miliardi 10 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi: le alternative esistono (e funzionano) 30 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Le centrali a carbone "rischiano" di farla franca 10 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
In Bretagna l’eolico è cittadino e cooperativo 8 APR 2015 ATTUALITà
In Giappone si coltiva al chiuso. Vicino a Fukushima 21 GEN 2015 ALIMENTAZIONE
Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti? 17 DIC 2014 ATTUALITà
Antartico, in mille anni mai così a rischio 4 SET 2013 ATTUALITà
Gioco d'azzardo. Se il banco lo tiene la mafia 7 GIU 2013 ATTUALITà
Il solare da record negli Emirati Arabi 21 MAG 2013 ATTUALITà
Energia pulita al servizio del sociale 15 MAG 2013 ATTUALITà
Chi continua a puntare sull’energia pulita? 2 GEN 2013 ATTUALITà
Lo sporco business delle cavie umane 12 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Privatizzare non ci salverà dalla crisi 6 DIC 2012 ATTUALITà
Le attività umane prosciugano il Pianeta 28 NOV 2012 ATTUALITà
CO2: emissioni sottostimate in Cina 15 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA
A Portland il primo edificio a 'triplo zero' 4 SET 2012 ATTUALITà
Brasile, nelle favelas cibo in cambio di rifiuti 23 AGO 2012 ATTUALITà
Banche nere come il carbone 8 GIU 2012 DENUNCIA SANITARIA
Patagonia cilena, la rivolta contro il carbone 5 GIU 2012 ATTUALITà
Africa: gli speculatori all’attacco della terra 4 OTT 2011 ETICA
Gli scheletri finanziari della banca pubblica europea 4 LUG 2011 ETICA
Diversificare e allarmare. Big Pharma cerca nuove vie per il profitto 24 AGO 2010 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione