Alimentazione

G20 agricoltura: raggiunto accordo contro la volatilità dei prezzi


CATEGORIE: Alimentazione

agricoltura
G20 agricoltura: raggiunto accordo contro la volatilità dei prezzi

I ministri dell'agricoltura del G20, riuniti a Parigi, hanno adottato ieri un piano d'azione contro la fame e la volatilità dei prezzi dei beni sui mercati nazionali, schizzati a livelli record all'inizio di quest'anno. L'accordo prevede in primo luogo la creazione un sistema internazionale di informazioni sull'andamento dei mercati per colmare i cronici cali di prodotti e scorte che determina la volatilità dei prezzi.

Il piano d'azione comprende cinque punti. Il primo riguarda la “produzione agricola e la sua produttività”: i ministri dell'agricoltura del G20 chiedono maggiori investimenti nella ricerca e lo sviluppo e un'intensificazione dei “trasferimenti tecnologici Nord-Sud e Sud-Sud” del mondo.

Il secondo punto prevede la creazione di una banca dati internazionale che sarà gestita dalla Fao con la finalità di dare maggiore trasparenza alle informazioni sulla produzione e il consumo degli stock delle materie prime agricole.

Con la terza priorità, il G20 intende garantire maggiore “coordinamento della politica internazionale” al fine di prevenire misure di ritorsione commerciale simili a quelle adottate dalla Russia nell'estate scorsa. Il 15 agosto 2010, infatti, Mosca impose una moratoria di sei mesi sulle sue esportazioni cerealicole motivando tale decisione con la necessità di evitare un balzo di prezzi nel mercato nazionale, mantenere intatto il numero del bestiame e costituire le scorte per il 2011. Oltre a provocare un forte rialzo dei prezzi del granoturco sul mercato internazionale, la decisione della Russia fu duramente contestata per la sua natura unilaterale.

A Parigi, i ministri dell'agricoltura del G20 hanno ribadito la loro volontà di “ridurre gli effetti della volatilità dei prezzi che colpiscono i più vulnerabili” con la creazione di “riserve di emergenza” e una “scatola di strumenti” per facilitare l'accesso al credito attraverso i finanziamenti della Banca Mondiale. Sull'ultimo punto riguardante la regolazione dei mercati finanziari il testo è rimasto molto vago.

“Oggi è un grande giorno - ha dichiarato  il ministro francese dell'agricoltura, Bruno Le Maire , “perché abbiamo raggiunto un accordo storico”. “È stato un vero e proprio tour de force della comunità internazionale”, ha aggiunto il ministro francese, assicurando che l'accordo contiene “misure concrete” lontane dalle “dichiarazioni di principio”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Glifosato: la Commissione Ue respinge le richieste dei cittadini 15 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Demenza: l'obesità aumenta il rischio 15 DIC 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Corte Costituzionale: risarcimento danni anche per vaccini non obbligatori 15 DIC 2017 VACCINAZIONI
L'inquinamento influenza la fertilità maschile 13 DIC 2017 SALUTE
Filippine: sotto accusa il vaccino contro la dengue. Il Governo lo sospende 13 DIC 2017 VACCINAZIONI
Così la tecnologia compromette la salute degli adolescenti 13 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Troppo zucchero e caffeina nelle bevande energetiche 11 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Demenza: entro il 2050 i casi triplicheranno 11 DIC 2017 SALUTE
Sport: ecco perché protegge dalle malattie infiammatorie intestinali 6 DIC 2017 SALUTE
Tumori testa-collo: fumo e alcol aumentano le probabilità di morte 6 DIC 2017 SALUTE
Il Governo cede i nostri dati sanitari alle multinazionali (senza il nostro consenso) 6 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bambini: troppi giochi limitano la creatività 6 DIC 2017 INFANZIA
Natale sostenibile: cosa portare in tavola? 4 DIC 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini contaminati, Codacons: 13 morti sospette di bambini 4 DIC 2017 VACCINAZIONI
Cancro: 800mila nuovi casi legati a diabete e obesità 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Fumo: quali rischi per gli occhi? 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci: 1 su 10 contraffatto nei Paesi a basso o medio reddito 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pillole: ecco perché non bisogna spezzarle 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Via libera Ue al glifosato: “regalo alle multinazionali” 29 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Obesità e sindrome metabolica: mangiare velocemente aumenta il rischio 27 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
L'inquinamento danneggia anche le ossa 27 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Cani in corsia per aiutare i malati di Sla 27 NOV 2017 SALUTE
Estratto di zafferano, una potenziale arma contro l'Alzheimer? 24 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cannella, un'arma contro l'obesità 24 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Lo sport favorisce anche la memoria 24 NOV 2017 SALUTE
Fertilità maschile: ecco i cibi alleati 22 NOV 2017 SALUTE
Milano: i bambini fanno il pieno di smog 22 NOV 2017 INFANZIA
Verde urbano e gite fuori porta: i benefici della natura 20 NOV 2017 SALUTE
Vivere con un cane allunga la vita 20 NOV 2017 SALUTE
La frutta secca col guscio protegge il cuore 17 NOV 2017 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione