Alimentazione

G20 agricoltura: raggiunto accordo contro la volatilità dei prezzi


CATEGORIE: Alimentazione

agricoltura
G20 agricoltura: raggiunto accordo contro la volatilità dei prezzi

I ministri dell'agricoltura del G20, riuniti a Parigi, hanno adottato ieri un piano d'azione contro la fame e la volatilità dei prezzi dei beni sui mercati nazionali, schizzati a livelli record all'inizio di quest'anno. L'accordo prevede in primo luogo la creazione un sistema internazionale di informazioni sull'andamento dei mercati per colmare i cronici cali di prodotti e scorte che determina la volatilità dei prezzi.

Il piano d'azione comprende cinque punti. Il primo riguarda la “produzione agricola e la sua produttività”: i ministri dell'agricoltura del G20 chiedono maggiori investimenti nella ricerca e lo sviluppo e un'intensificazione dei “trasferimenti tecnologici Nord-Sud e Sud-Sud” del mondo.

Il secondo punto prevede la creazione di una banca dati internazionale che sarà gestita dalla Fao con la finalità di dare maggiore trasparenza alle informazioni sulla produzione e il consumo degli stock delle materie prime agricole.

Con la terza priorità, il G20 intende garantire maggiore “coordinamento della politica internazionale” al fine di prevenire misure di ritorsione commerciale simili a quelle adottate dalla Russia nell'estate scorsa. Il 15 agosto 2010, infatti, Mosca impose una moratoria di sei mesi sulle sue esportazioni cerealicole motivando tale decisione con la necessità di evitare un balzo di prezzi nel mercato nazionale, mantenere intatto il numero del bestiame e costituire le scorte per il 2011. Oltre a provocare un forte rialzo dei prezzi del granoturco sul mercato internazionale, la decisione della Russia fu duramente contestata per la sua natura unilaterale.

A Parigi, i ministri dell'agricoltura del G20 hanno ribadito la loro volontà di “ridurre gli effetti della volatilità dei prezzi che colpiscono i più vulnerabili” con la creazione di “riserve di emergenza” e una “scatola di strumenti” per facilitare l'accesso al credito attraverso i finanziamenti della Banca Mondiale. Sull'ultimo punto riguardante la regolazione dei mercati finanziari il testo è rimasto molto vago.

“Oggi è un grande giorno - ha dichiarato  il ministro francese dell'agricoltura, Bruno Le Maire , “perché abbiamo raggiunto un accordo storico”. “È stato un vero e proprio tour de force della comunità internazionale”, ha aggiunto il ministro francese, assicurando che l'accordo contiene “misure concrete” lontane dalle “dichiarazioni di principio”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Pfas anche nel Po. Un'emergenza nazionale sempre più grave 17 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini e autismo: a giugno in Veneto un evento con Andrew Wakefield 17 APR 2019 VACCINAZIONI
Bimbo di due mesi muore all'improvviso dopo un vaccino 16 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gravi effetti collaterali: allerta dell'Aifa su antibiotici di uso comune 16 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Scandalo Novartis in Grecia: tangenti per medici, politici e giornalisti 12 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il 17% degli italiani si cura con l'Omeopatia 12 APR 2019 OMEOPATIA
I lacci emostatici sono contaminati da batteri 12 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
25-28 settembre 2019: 74 LMHI Congresso Mondiale Omeopatico (Sorrento, NA) 10 APR 2019 OMEOPATIA
Il cioccolato fa bene al corpo e alla mente. Sfatiamo i falsi miti! 10 APR 2019 ALIMENTAZIONE
Un fungo misterioso resiste ai farmaci e fa strage nel mondo. I giornali? Tacciono 8 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Rischio tumore: protesi al seno ritirate in Francia 5 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini: “Permettere a tutti i bambini di andare a scuola” 3 APR 2019 VACCINAZIONI
Creare una dipendenza con un farmaco, curarla con un altro 3 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Pfas: “Una tragedia nazionale. Chi inquina deve pagare” 1 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Ancora troppi cesarei per le mamme italiane 1 APR 2019 SALUTE
Vaccini: presentato emendamento che cancella l'obbligo di certificazioni 1 APR 2019 VACCINAZIONI
Il Conte Lippe. Un Maestro della Materia Medica Omeopatica! 29 MAR 2019 OMEOPATIA
Berrino: “La dieta non basta: ecco la via della leggerezza” 29 MAR 2019 ALIMENTAZIONE
L'appello di pediatri e cardiologi contro le bevande zuccherate 27 MAR 2019 ALIMENTAZIONE
Tatuaggi: ritirati inchiostri cancerogeni 27 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi in frutta e verdura: ecco la “Sporca Dozzina” 26 MAR 2019 ALIMENTAZIONE
Medici genovesi finanziati dalle case farmaceutiche: indaga la Corte dei Conti 26 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Autismo: rischio più alto per i bambini esposti a pesticidi 26 MAR 2019 AUTISMO
Il glifosato causa il cancro. Nuova condanna per Bayer-Monsanto 22 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci omeopatici: “Resta il principio attivo, anche se ultradiluiti” 22 MAR 2019 OMEOPATIA
Obesità: la prima minaccia per gli adolescenti 20 MAR 2019 SALUTE
Sperimentazioni cliniche: oltre 885 "deviazioni" dalle linee guida in 2 anni 20 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Allergeni in quasi tutti i farmaci 20 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Militari vaccinati contraggono la parotite: nave USA in quarantena 18 MAR 2019 VACCINAZIONI
Omeopatia, convegno SIOMI: "Esiste una sola Medicina" 18 MAR 2019 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione