Alimentazione

I furbetti del latte - Società di comodo per aggirare le quote

Fonte: Valori (Rivista)



formaggio
"La concorrenza sleale viene, in questo caso, da molti di quei produttori che l’opinione pubblica ha imparato a conoscere come i 'Cobas del latte' o milk warriors"

Se i prezzi del latte in Italia non remunerano adeguatamente i produttori non è solo colpa degli alti costi dei mangimi e delle filiere troppo lunghe. Come spesso accade, c’è sempre qualcuno (più di qualcuno in verità) che si crede più furbo degli altri. E danneggia gli allevatori onesti.

«La concorrenza sleale viene, in questo caso, da molti di quei produttori che l’opinione pubblica ha imparato a conoscere come i “Cobas del latte” o milk warriors», rivela Daniele Rama, direttore dell’Osservatorio latte dell’università Cattolica di Milano. In sostanza, quelli che hanno bloccato strade, stazioni, aeroporti e hanno sempre rifiutato il regime delle quote latte (il sistema di prelievo supplementare previsto dall’Ue che impone agli allevatori un prelievo finanziario per ogni chilo di latte prodotto oltre un limite stabilito).

Come funziona? I produttori disonesti creano una serie di società di comodo, che acquistano il loro stesso latte e lo rivendono alle industrie di trasformazione senza rispettare le norme europee (senza effettuare le trattenute a carico delle produzioni fuori quota).

Tali società acquistano enormi quantità di latte fuori quota, che non avrebbe dovuto essere nemmeno prodotto. Il latte dei “furbetti” viene “ripulito” e finisce nel mercato. Generando flussi economici di decine di milioni di euro e costruendo una sorta di mercato parallelo. A tutto danno degli allevatori che producono latte rispettando le quote a loro disposizione. «Contro questi produttori scorretti finalmente sono iniziati i processi», spiega Rama. «Ma non c’è dubbio che i loro comportamenti hanno inciso, soprattutto negli anni passati, sui prezzi del latte».

Un’incidenza tutt’altro che marginale: «Chi produce fuori quota ha costi inferiori. In Lombardia, nel quinquennio 2003-2008 la differenza di costo è stata calcolata in 9 centesimi al litro. Ai quali vanno aggiunti i 2-3 centesimi per la diminuzione del prezzo del latte causato dalla maggiore offerta».

Ora le maglie dei controlli si sono strette e questi comportamenti sono più sanzionati. Ma le beffe non sono finite: «Le multe delle quote latte infatti le ha pagate l’intero settore agricolo, perché la Ue le ha trattenute dai soldi destinati all’Italia dalla Pac (Politica Agricola Comune, ndr). Di fatto, chi è stato svantaggiato dalle azioni illecite, è stato danneggiato due volte».



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione