Salute

Fumare: piacere da morire

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Salute

fumo
L’immagine sociale del fumatore ha un’incidenza enorme sulla diffusione del fenomeno

L’abitudine di respirare volontariamente ciò contro cui protesteremmo con rabbia se ci venisse imposto da altri è una cosa che, per l’essere assai diffusa, non è per questo meno strana e, se ne si considera l’illogicità, non facilmente comprensibile.

Certo, il fumo è una droga e questo spiega in parte l’attaccamento che per esso ha chi lo pratica. Una volta presa l’abitudine, esso non è più un piacere, ma è un dispiacere astenersene e smettere non è facile. Tuttavia sotto i 3 o 4 pacchetti al giorno, la quantità di droga presente nelle sigarette giustifica solo in parte, a livello fisiologico, le vere e proprie crisi di astinenza che incontra spesso chi desideri perdere un’abitudine che è dannosissima fisicamente e brucia più quattrini che tabacco (peggio: li regala al fisco).

Lo smettere un’abitudine inveterata, quale che sia, è difficile. Smettere un gesto che si compie ogni pochi minuti lo è molto di più; a quel gesto, infatti, sono legati:
1) l’assunzione di un po’ di droga;
2) l’attaccamento a una ritualità che difende, sotto il livello cosciente, il soggetto dalla propria insicurezza: tutto ciò che fa, dice o pensa potrebbe essere ridicolo o sbagliato, però la sigaretta si accende, si fuma e si butta secondo gesti ritualizzati, pressoché uguali per tutti.
3) un prezioso diaframma che il soggetto interpone tra sé e gli altri, che così sono tenuti un po’ lontani, ma non troppo né troppo palesemente. 4) Un riflesso condizionato, proprio come quello del cane di Pavlov: se si prende l’abitudine di lavorare o di esorcizzare il nervosismo o di compiere una qualsiasi attività associandola al fumare, compiere quell’attività sarà facile fumando e difficile senza fumare. Si noti poi che il fumare impegna più di un organo di senso: il gusto, il tatto e l’olfatto; in parte anche la vista, se vi si ricomprende, un po’ abusivamente, l’immagine di sé: l’intera persona dunque ne partecipa e ne è legata.

Ma perché si comincia?
Se riflettiamo sul fatto che la stragrande maggioranza dei fumatori ha cominciato da ragazzo, la risposta è oggi quella di ieri: per imitare chi è ciò che vorremmo essere; a quell’età, l’adulto, che l’adolescente ritiene, Dio sa quanto a torto, spigliato e padrone di sé. Non ultimo, paga papà.
L’immagine sociale del fumatore ha un’incidenza enorme sulla diffusione del fenomeno: negli Stati uniti qualche decennio fa il consumo delle sigarette stava sensibilmente calando: all’Humphrey Bogart virilmente cinico, con impermeabile, bavero e sigaretta, si era sostituita l’immagine, più realistica, del povero fumatore sfigato, puzzolente e frustrato, appartenente alle classi inferiori.

Ma le principali multinazionali del fumo corsero ai ripari; e l’immagine sociale, benché falsa, riprese rapidamente quota.
Volete smettere anche voi? Ma no, via! È così bello, per chi non fuma, sapere che c’è chi paga – con giuliva spontaneità - le tasse anche per lui!…



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Vincenzo Policreti

Il Benessere e la Violenza 24 FEB 2014 ATTUALITà
Dolore o depressione? 15 GEN 2014 SALUTE
A che serve la follia? 23 NOV 2012 SALUTE






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione