Alimentazione

Frutta e legumi ricchi di potassio per abbassare la pressione



pressione
Frutta e legumi ricchi di potassio aiutano ad abbassare la pressione

Aumentare l’apporto giornaliero di potassio comporta una riduzione della pressione arteriosa con una conseguente riduzione del rischio d’ictus del 22% e del 26% di problemi cardiovascolari in genere. A rivelarlo è una ricerca della Società Italiana per l’Ipertensione Arteriosa (SIIA) condotta su circa 250mila persone seguite dai 5 ai 19 anni.

“Si tratta della dimostrazione scientifica di un effetto protettivo del potassio su uno dei maggiori rischi correlati all'ipertensione, ovvero la maggior probabilità di ictus e infarto. Ed è la conferma 'sul campo' delle capacità antipertensive del potassio”, ha spiegato l'autore dello studio Pasquale Strazzullo, direttore dell'Unità di Medicina Interna, Ipertensione e Prevenzione Cardiovascolare dell'università Federico II di Napoli e membro del direttivo SIIA.

“Il meccanismo protettivo del potassio va anche oltre il 'bilanciamento' del sodio – sottolinea Strazzullo –. Il potassio infatti migliora la funzionalità dell'endotelio, il tessuto che riveste l'interno dei vasi sanguigni e produce sostanze vasodilatatrici, importanti per mantenere la pressione bassa; inoltre sembra avere anche un effetto antiossidante diretto. Tutti e tre questi motivi spiegano perché il potassio, riducendo la pressione e proteggendo le arterie, possa diminuire anche il rischio di ictus”.

La dose giornaliera di potassio raccomandata è pari a circa 4 grammi. Via libera quindi ai legumi e alle banane ma anche ad alcuni frutti tipicamente estivi come le pesche e le albicocche, ricchi di potassio.

L'alimentazione è al centro della Giornata Mondiale dell'Ipertensione Arteriosa, che si celebra oggi 17 maggio. Come ha spiegato il presidente SIIA Alberto Morganti, “in questa giornata la SIIA organizzerà in molte città italiane punti di accoglienza dove verrà offerta ai cittadini la possibilità di misurare gratuitamente la pressione arteriosa”.

“Inoltre – ha aggiunto Morganti - saranno date informazioni su come prevenire i danni dell'ipertensione arteriosa con uno stile di vita più accorto. Attenzione particolare sarà posta sull’alimentazione, raccomandando la riduzione dell'apporto di sale e l'aumento dell'assunzione di potassio presente nella frutta e nei vegetali”.

Tuttavia, malgrado le raccomandazioni dei medici, i piatti degli italiani continuano ad essere troppo salati. Nove italiani su dieci introducono infatti ogni giorno in media 10 grammi di sale, il doppio della quantità giornaliera raccomandata. Solo il 14 per cento delle donne e appena il 4 per cento degli uomini non oltrepassano il limite di quotidiano di 5 grammi di sale. Delle regioni esaminate fino ad oggi, tutte hanno un consumo superiore ai 9 grammi negli uomini e a 7 grammi nelle donne adulte (35-79 anni). Maglia nera al Sud: in Basilicata, Calabria e Sicilia si introducono in media 2 grammi di sale in più al giorno, rispetto alla media dei 10 grammi.

Eppure con un cucchiaino da tè in meno di sale ogni giorno e si potrebbero evitare 67 mila casi di infarto all'anno, 40 mila ictus, con vantaggi sulla salute molto elevati.










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessia Ferla

A Milano il primo ospedale dedicato alla salute delle donne 4 DIC 2019 SALUTE
Sugar e plastic tax: cosa ne pensano gli italiani? 2 DIC 2019 ATTUALITà
Il Messico nega l'ingresso di mille tonnellate di glifosato nel Paese 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza e prima infanzia: buone pratiche più diffuse ma si può migliorare 27 NOV 2019 INFANZIA
Gli adolescenti di tutto il mondo sono troppo sedentari 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le aree verdi in città allungano la vita 22 NOV 2019 SALUTE
Gli animali domestici allontanano ansia e depressione 20 NOV 2019 ANIMALI
I cambiamenti climatici colpiranno la salute dei bambini che nascono oggi 18 NOV 2019 INFANZIA
I contraccettivi ormonali aumentano il rischio di ansia e depressione 18 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Leggere e scrivere protegge dalla demenza e rafforza il cervello 15 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione 28 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Tatuaggi: sostanze tossiche o cancerogene nel 20% degli inchiostri 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieta giapponese: i benefici per la salute dell'alimentazione del Sol Levante 9 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Pesticidi: l'esposizione sul posto di lavoro aumenta il rischio di malattie cardiache 7 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Quanta plastica beviamo con una tazza di tè? 4 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Quasi un milione di celiaci in Italia: si indaga sulle cause ambientali 30 SET 2019 SALUTE
Tumori in calo in Italia. È la prima volta 27 SET 2019 RICETTE

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione