Vaccinazioni

Il grande flop del vaccino anti-A. 'Non sappiamo dove stoccare le dosi in più'


CATEGORIE: Vaccinazioni

Si è rivelata un flop, in Piemonte, la vaccinazione contro l’influenza A. Né gli allarmismi diffusi, né le apparizioni di Topo Gigio, né i continui inviti del viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio (l’ultimo ieri: «Solo la vaccinazione ci protegge dal virus incattivito da eventuali mutazioni») hanno dato risultati. Dal 29 ottobre a oggi, nella nostra regione, il numero di persone che hanno aderito alla campagna contro il nuovo virus è minimo, in ognuna delle categorie definite «a rischio». Complessivamente non supera il 5 per cento. Così ora, a poco più di un mese di distanza dai timori della Regione («Sono arrivate molte meno dosi del previsto, si procede al contagocce»), il vero pericolo per il Piemonte è l’esatto opposto: che ne restino grandi quantità in eccesso. «Se a giorni arriveranno le 80-90 mila dosi previste - ammette il direttore della Sanità pubblica, Vittorio Demicheli - non sapremo dove stoccarle».


I numeri parlano chiaro. L’ultimo bilancio della Regione non lascia dubbi: gli operatori sanitari e socio-sanitari vaccinati sono circa 6 mila rispetto ai 65 mila potenziali, esclusi gli operatori nelle Rsa. La copertura, quindi, non supera il 10 per cento. Pochissime anche le future mamme al secondo e al terzo trimestre di gravidanza che hanno scelto di proteggersi e proteggere il nascituro: 350. Anche i timori di madri e padri che nei primi giorni della pandemia hanno intasato i centralini dei pediatri non si sono poi tradotti nella corsa dal medico: i bambini e i ragazzi a rischio da 6 mesi a 17 anni vaccinati finora sono 1644 rispetto agli oltre 11 mila potenziali: la copertura sfiora appena il 14 per cento. Anche gli adulti fino a 65 anni di età con patologie croniche non si sono fidati: 7373 su oltre 206 mila, circa il 3,6 per cento di adesioni.

Vittorio Demicheli: «L’impressione evidente è che siamo ai minimi storici della fiducia nei confronti di una vaccinazione. In settimana completeremo la quinta e ultima fase della campagna riservata alle cosiddette categorie a rischio, ma le dosi somministrate sono molto al di sotto di quanto potessimo immaginare». Campagne e organizzazione dei servizi non sono certo mancate, neppure in Piemonte: «Contatteremo il ministero; estendere la vaccinazione a tutti i giovani rischia di essere inutile, l’epidemia è in fase di regressione», conclude Demicheli.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione