Salute

La fitoterapia erboristica


CATEGORIE: Salute

fitoterapia
La fitoterapia erboristica non ha alcun limite di applicazione

Con il termine "Fitoterapia" si definisce ogni trattamento basato sull'utilizzo di vegetali (erbe, piante, fiori, e/o frutti), mentre con quello di Fitoterapia erboristica ho cercato di definire gli usi medicamentosi che possono essere fatti utilizzando vegetali tagliuzzati a pezzetti, raccolti freschi in natura o acquistati essiccati in erboristeria.

Oggi questa tecnica terapeutica è molto in voga, ma, a causa di un uso non sempre molto corretto, sono frequentissimi i casi in cui si perdono i molti benefici potenziali. A tale scopo è opportuno conoscere bene le modalità di raccolta, conservazione e preparazione delle piante medicinali. Trascurare questa parte significa quasi sempre perdere buona parte dell'aiuto che la fitoterapia può donare. Se una persona non ha la pazienza e la voglia di seguire con attenzione queste note introduttive, è meglio che lasci perdere l'erboristica e che si limiti ad assumere le soluzioni fitoterapiche idroalcoliche che sono già state preparate con la più corretta metodologia. Una differenza tra queste due tecniche è che, per esperienza di tutti coloro che possono veramente vantarsi di averla, le guarigioni più spettacolari, specie se la patologia è grave, si possono avere molto più facilmente con le erbe raccolte fresche.


Indicazioni

La fitoterapia erboristica non ha alcun limite di applicazione potendo essere usata in ogni tipo di malattia, in ogni condizione fisiologica (durante la gravidanza ci sono solo poche precauzioni da prendere) e in ogni età.

Oltre all'uso terapeutico (eseguito cioè durante la patologia) è molto valido e raccomandabile quello preventivo (da eseguire quando la patologia non si è ancora instaurata, ma ci sono sospetti sufficientemente validi per sospettarne lo sviluppo futuro). Io mi permetto di insistere in modo particolare proprio su questo punto, perché è certo che la stragrande maggioranza delle patologie umane potrebbero essere evitate da una corretta igiene di vita oppure, nei casi in cui questa non è attuabile al 100%, potrebbero essere evitate da trattamenti preventivi non farmacologici che compensino i danni apportati dal non rispetto di certe norme comportamentali. Ecco allora che in tale condizione la fitoterapia, analogamente a tanti altri approcci naturali, è di grande utilità. Quante volte, infatti, abbiamo letto o ci è stato riferito dai nostri genitori o nonni che in passato molte malattie non comparivano in persone che erano solite seguire alcuni insegnamenti della cultura popolare? È noto, ad esempio, che una tisana di vischio (preparata con il metodo della macerazione) può ostacolare l'insorgenza dell'infarto miocardico in una persona a rischio, ma ancora sana, che l'assume per 3 settimane consecutive 2 volte all'anno.


Controindicazioni

Non conosco vere controindicazioni generali, mentre esistono delle controindicazioni particolari con certe piante in alcune condizioni fisiopatologiche (come età neonatale, gravidanza, scompenso cardiaco, insufficienza epatica, insufficienza renale, ritenzione urinaria).


Effetti indesiderati

In genere, il solo effetto poco desiderato che si manifesta con le tisane che vengono assunte in gran quantità è l'incremento della diuresi che limita l'autonomia della persona tenendola relativamente vincolata ad una toilette. Oltre a ciò, alcuni disturbi sono dipendenti dalla dose di principi attivi che viene ingerita. Se si rispettano le posologie consigliate è difficile lamentare disturbi reali, ma in alcuni soggetti particolarmente sensibili o in quelli che hanno assunto dosaggi eccessivi, alcune piante, seppur molto raramente, possono causare:

- disturbi gastroenterici: bruciori di stomaco, nausea, diarrea, meteorismo;

- disturbi cutanei: prurito, arrossamenti maculo-papulari, reazioni simil-allergiche, sudorazione.


Precauzioni particolari

Va ricordata la precauzione generale di limitare la quantità di tisana nei pazienti con scompenso cardiaco o con insufficienza renale, perché un eccessivo introito di liquidi può far precipitare una crisi cardiaca acuta.

Va ricordato pure che tutte le piante svolgono la loro azione terapeutica proprio perché contengono sostanze farmacologiche di effetto non trascurabile. La moderna farmacologia, infatti, fino a poco fa era basata sull'utilizzo di molecole estratte dalle piante (e poi adeguatamente purificate) oppure su molecole chimiche sintetizzate in laboratorio copiando la struttura molecolare di quelle presenti nella piante. Solo recentemente la farmacologia più avanzata ha iniziato a modificare la struttura chimica di tali molecole per potenziarne gli effetti o ridurne la tossicità. In questo ultimo decennio, però, la ricerca farmaceutica sta puntando nuovamente sulla natura cercando di isolare o sintetizzare nuove molecole di estrazione vegetale che possano allargare gli orizzonti terapeutici (il tassolo, principio attivo della pianta Tasso [Taxus baccata] che pare essere di eccezionale potenza contro il cancro ovarico, è un esempio piccolo ma noto già a molti).

Da ciò si può intuire che le piante non sono tutte innocue, perché, a parte quelle chiaramente velenose, anche quelle comuni vanno assunte secondo le regole prescritte dato che ogni pianta contiene una gran numero di sostanze chimiche vegetali che, in particolari condizioni, in particolari organismi e a particolari dosaggi, possono indurre effetti non desiderati.


Posologia e modalità di somministrazione

La dose va decisa caso per caso, in base al tipo di pianta e in base alla patologia del paziente e le sue condizioni fisiopatologiche. In linea generale, però, va ricordato che:

- tanto più la patologia è grave, tanto maggiore deve essere la quantità di tisana da assumere quotidianamente (sempre che non ci siano controindicazioni a ciò),

- l'assunzione a sorsi di piccole ma frequenti dosi di tisana è molto più efficace dell'assunzione di una grande quantità tutta in una volta,

- l'assunzione a digiuno è generalmente preferibile perché permette una maggiore assorbimento gastroenterico,

- l'assunzione di una pianta per volta è sempre preferibile alle associazioni di molti tipi, perché non si possono escludere interazioni farmacologiche tra i vari componenti chimici dei fitoterapici (a ciò fanno eccezione molte miscele già "collaudate" da decenni o secoli di esperienza).


Efficacia

Tutti i prodotti fitoterapici hanno un'efficacia abbastanza buona, ma la loro azione resta sempre sintomatica e quindi qualitativamente inferiore a quella dei prodotti omeopatici ad alte diluizioni. Dato comunque che questi ultimi non possono essere assunti al di fuori del controllo medico, è comprensibile e lecito che una persona ricorra alle autoprescrizioni fitoterapiche che, tra l'altro, sono certamente da incoraggiare e da preferire rispetto a quelle farmacologiche. Infatti, se quelle fitoterapiche sono sempre anche innocue (oltre che medicamentose), quelle farmacologiche sono sempre anche tossiche.

L'efficacia della fitoterapia erboristica, analogamente agli altri ausili terapeutici appartenenti al medesimo gruppo, dipende da alcuni fattori e in particolare può essere ritenuta tanto maggiore quanto:

- il paziente è intossicato (da farmaci, cibo, vizi, stress, ecc.),

- la patologia è di lieve entità e di breve comparsa,

- il paziente, insieme alla terapia fitoterapica, riesce a modificare le abitudini errate e riesce a vivere la sua giornata tenendo conto delle più comuni e normali norme igieniche.

Più in generale, comunque, possiamo affermare che, se da una parte abbiamo le terapie ad azione fisica potente (farmacoterapia) e dall'altra abbiamo le terapie ad azione energetica potente (omeopatia ad elevate diluizioni), bisogna convenire che la fitoterapia erboristica appartiene ad un gruppo intermedio sicuramente meno potente sia della farmacoterapia che dell'omeopatia, perché non ha la concentrazione dei principi attivi della prima e neppure la potenza energetica della seconda.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccini: per il 20% degli italiani non sono sicuri 17 FEB 2017 VACCINAZIONI
Omeopatia. Antonella Ronchi (Presidente Fiamo) risponde a Ricciardi 16 FEB 2017 OMEOPATIA
Omeopatia: dal sen. Romani proposta raccolta di firme per legge ad hoc 15 FEB 2017 OMEOPATIA
Obbligo vaccinale "atto illegittimo": il Codacons diffida la Regione Lazio 15 FEB 2017 VACCINAZIONI
Cereali integrali: sai perché aiutano a dimagrire? 13 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Arriva la mutua per cani e gatti 13 FEB 2017 ANIMALI
4 Marzo 2017 – Convegno “La gemmoterapia nelle patologie primaverili” 13 FEB 2017 CONVEGNI
Meningite: la Procura della Repubblica apre un'indagine per procurato allarme 13 FEB 2017 VACCINAZIONI
Il Consiglio di Stato francese obbliga il Ministero della Salute a rendere disponibili entro 6 mesi i 3 vaccini obbligatori 10 FEB 2017 VACCINAZIONI
A Roma la presentazione del calendario Cemon 2017 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Medicine non convenzionali: la scelta di quasi 13 milioni di italiani 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Aspirina: ritirati dal mercato alcuni lotti 10 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: ecco come puoi evitarlo 8 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Lo smog espone i bambini a danni neurologici 8 FEB 2017 INFANZIA
Vino e olio: ecco come conservarli al meglio 6 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Colazione, sai perché non devi saltarla? 3 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Mal di schiena? I farmaci antinfiammatori non aiutano 3 FEB 2017 SALUTE
Come prevenire la metà dei tumori 3 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Disabile dopo il vaccino: Cassazione conferma risarcimento 3 FEB 2017 AUTISMO
Piercing e tatuaggi: cosa devi sapere per evitare i pericoli 1 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro al seno: lo smog aumenta il rischio di mortalità 1 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Infezioni in ospedale? Uccidono più degli incidenti stradali 1 FEB 2017 SALUTE
Cellulari pericolosi? Ecco cosa dobbiamo sapere 30 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Resistere all'obbligo vaccinale: a Livorno un comitato per la libera scelta! 30 GEN 2017 INFANZIA
Inquinamento: la Pianura padana è prima in Europa 30 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pubblicato studio del Dr.Montanari: sono presenti inquinanti tossici nei vaccini 27 GEN 2017 VACCINAZIONI
Una legge nazionale per l'obbligo vaccinale? Codacons annuncia battaglia 27 GEN 2017 VACCINAZIONI
I vaccini causano l'autismo? I dubbi di Trump e Kennedy 27 GEN 2017 AUTISMO
Il segreto della felicità? Fare attività fisica 27 GEN 2017 SALUTE
Glifosato: parte la raccolta firme per la messa al bando 25 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione