Alimentazione

04/03/2020

Gli usi e le proprietà benefiche del finocchio

di Alessia Ferla


CATEGORIE: Alimentazione

finocchio

INDICE

1. Una verdura per quattro stagioni

2. Le varietà del finocchio

3. Tisane al finocchio

4. Estragolo nel finocchio: cos’è

5. Le proprietà benefiche del finocchio

6. L’uso del finocchio in medicina e fitoterapia

 

1. Una verdura per quattro stagioni

In ogni stagione abbiamo un buon motivo per portare a tavola il finocchio: protegge la nostra digestione dai pesanti pasti invernali, ci dà leggerezza per affrontare al meglio la primavera, ci rinfresca nell’estate bollente e infine, in autunno, ci rinforza contro i primi malanni grazie alle sue molteplici proprietà.

Il finocchio è presente sui banchi dei mercati tutto l’anno e proprio per questo è definito il “termometro prezzi” di tutte le verdure, come un po’ la mela per la frutta. In ogni stagione infatti vi è una precisa tipologia di finocchio, anche se i consumatori spesso non ne sono consapevoli.

 

2. Le varietà del finocchio

Le diverse varietà, il romanesco, il grosso di Sicilia, il gigante di Napoli, differiscono tra loro sia per il luogo e per il periodo dove vengono prodotti, sia per le dimensioni e la croccantezza del prodotto, molto meno per il sapore, pressoché identico in tutte le tipologie di finocchio. È una verdura, che insieme a poche altre, si coltiva ancora a cielo aperto e non in serra, per questo è maggiormente soggetta ai cambiamenti climatici e ambientali.

Esistono finocchi maschi e il finocchio femmina. Il primo, dall’aspetto più rotondo e panciuto, ha un sapore più tenero e più croccante, quindi è ottimo per mangiarlo crudo in insalata o per il pinzimonio. Il secondo invece, il finocchio femmina, ha un aspetto più sottile ed allungato, duro e coriaceo, perfetto per la cottura, come per esempio nella parmigiana di finocchi!

Quindi aguzzando l’occhio si può scegliere il finocchio giusto per ogni pietanza che si vuole preparare.

Al di là della tipologia, comunque, bisogna stare attenti alla freschezza del prodotto e quindi preferire i finocchi dalle foglie lucide, non macchiate e non avvizzite.

 

3. Tisane al finocchio

Quando i finocchi vengono mondati, bisogna stare attenti a non buttare la parte superiore e verde della foglia, è molto utile per fare delle ottime tisane digestive, soprattutto in inverno, in cui per difenderci dal freddo mangiamo pietanze più pesanti.

Le tisane possono anche essere preparate utilizzando i semi. In questo caso basta far bollire per 5 minuti in una tazza d’acqua un cucchiaino di semi di Finocchio selvatico; lasciar riposare 5 minuti, filtrare e bere durante la giornata. Questa bevanda è utile per le persone che lamentano disturbi gastroenterici, specie se associati a gonfiore addominale, meteorismo e flatulenza.

Ma non solo: una tisana con i semi di finocchio contiene una moltitudine di sostanze che prevengono l’insorgenza dei tumori. Tali sostanze, peraltro, bloccano le SULT, ovvero le Sulfotransferasi, enzimi responsabili dell’attivazione tossica dell’estragolo.

 

4. Estragolo nel finocchio: cos’è

L’estragolo è una sostanza considerata cancerogena e, dal momento che la contengono, i semi di finocchio sono stati messi sotto accusa dall'Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione . A tal proposito il dottor Fabio Firenzuoli, Direttore del Centro di Medicina Naturale dell’Ospedale S. Giuseppe di Empoli, spiega che la tisana a base di finocchio contiene antiossidanti e anticancerogeni (anetolo e flavonoidi) cento volte più dell'estragolo, che viene peraltro metabolizzato in percentuali infinitesimali. Inutile dunque alimentare allarmismi: un rimedio naturale non può essere giudicato valutando solo i singoli elementi in esso contenuto ma bisogna piuttosto considerare la pianta come una sapiente miscela di composti utili al nostro organismo.

5. Le proprietà benefiche del finocchio

Siamo abituati a pesare tutto ciò che mangiamo, anche la verdura? Con il finocchio possiamo stare tranquilli! Ha un modesto valore calorico ed è un’ottima fonte di vitamine e di sali minerali.

Tra le vitamine presenti in questo ortaggio, la vitamina C è quella maggiormente rappresentata, seguita dalla A e dalla vitamina B6, oltre all'acido folico e alla vitamina K. Tra i minerali quelli presenti in maggiore quantità sono il calcio, il magnesio, il ferro e il potassio… così si può dormire anche meglio la notte senza rischiare di essere svegliati dai crampi!

Inoltre per chi sta a dieta è un ottimo riempi-stomaco prima dei pasti. Ma ancora... masticare il finocchio è un modo alternativo per pulire denti e gengive, soprattutto se non si ha a portata di mano lo spazzolino e il dentifricio.

Un’ultima raccomandazione: non vi lasciate infinocchiare come succedeva a molti avventori delle osterie che mangiavano finocchi e bevevano vino cattivo senza accorgersene... il finocchio crudo possiede anche la proprietà di migliorare il gusto del vino che si beve!

 

6. L’uso del finocchio in medicina e fitoterapia

Le varietà di finocchio di interesse farmaceutico sono due: quella dolce (il finocchio da insalata) e quella amara. L'impiego fitoterapico è pressoché simile. I frutti (semi) di finocchio vengono da sempre impiegati, non solo nell'adulto ma anche in pediatria, nei disturbi dispeptici, nel meteorismo e negli spasmi del tratto gastrointestinale. Grazie alle proprietà stimolanti-aromatiche manifestano un'influenza positiva a livello gastroenterico, aumentano la motilità e la secrezione gastrica, salivare e la coleresi, migliorando il tono di tali apparati e favorendo così i processi digestivi. Presentano inoltre un'importante azione spasmolitica in grado di ridurre gli spasmi a livello gastroenterico.

A livello dell'apparato respiratorio favoriscono la detersione delle mucose respiratorie in quanto attivano il movimento ciliare dell'epitelio che riveste la mucosa bronchiale. L'olio essenziale, presente nel fitocomplesso, manifesta inoltre azione secretolitica (anetolo) e batteriostatica. Preparati a base di finocchio, pertanto, possono risultare utili come espettoranti nelle flogosi dell'apparato respiratorio.

Il finocchio è tradizionalmente usato per trattare la dismenorrea e per stimolare la lattazione e per questo viene spesso utilizzato dalle neo-mamme per favorire l'allattamento al seno . Questi impieghi possono essere spiegati, almeno in parte, con l'azione estrogenica del finocchio.

La ricerca ha evidenziato inoltre che estratti del frutto presentano in vitro proprietà antiossidanti, mentre la radice è diuretica.





Prodotto Consigliato
Gonfiore addominale. Un aiuto dalla natura  Enrica Campanini   Tecniche Nuove

Gonfiore addominale. Un aiuto dalla natura

Enrica Campanini

Nei paesi occidentali il gonfiore addominale è uno dei sintomi gastrointestinali più comuni a tutte le età e colpisce dal 10 al 30% della popolazione generale. Questa guida è uno strumento di conoscenza e comprensione del ruolo di Fitoterapia, Gemmoterapia e Omeopatia in tale ambito. L'uso mirato e attento delle suddette metodiche terapeutiche può contribuire a lenire la sintomatologia e svolgere… Continua »
Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Tecniche Nuove
5,90 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (4)

Articoli di Alessia Ferla

India: scelta l'Omeopatia contro il Coronavirus 31 GEN 2020 OMEOPATIA
Gli Usa vietano le sigarette elettroniche (con alcune eccezioni) 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Le sigarette elettroniche aumentano il rischio di malattie respiratorie 20 DIC 2019 SALUTE
I benefici del peperoncino per la salute di cuore e cervello 20 DIC 2019 ALIMENTAZIONE
Fegato: i problemi possono essere causati dai farmaci 11 DIC 2019 MEDICINA PREVENTIVA
A Milano il primo ospedale dedicato alla salute delle donne 4 DIC 2019 SALUTE
Sugar e plastic tax: cosa ne pensano gli italiani? 2 DIC 2019 ATTUALITà
Il Messico nega l'ingresso di mille tonnellate di glifosato nel Paese 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza e prima infanzia: buone pratiche più diffuse ma si può migliorare 27 NOV 2019 INFANZIA
Gli adolescenti di tutto il mondo sono troppo sedentari 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le aree verdi in città allungano la vita 22 NOV 2019 SALUTE
Gli animali domestici allontanano ansia e depressione 20 NOV 2019 ANIMALI
I cambiamenti climatici colpiranno la salute dei bambini che nascono oggi 18 NOV 2019 INFANZIA
I contraccettivi ormonali aumentano il rischio di ansia e depressione 18 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Leggere e scrivere protegge dalla demenza e rafforza il cervello 15 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione 28 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Tatuaggi: sostanze tossiche o cancerogene nel 20% degli inchiostri 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla


Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione