Denuncia sanitaria

Farmaci per pena di morte: l'Unione europea rafforza i controlli



pena-morte
La pena di morte è vietata nell'Unione europea e dal 2008 i suoi 27 membri ne hanno chiesto l'abolizione in tutto il mondo

Oggi l'Unione europea ha rafforzato i controlli sull'esportazione dei farmaci che possono essere somministrati per eseguire le condanne a morte, riducendone così l'offerta sul mercato e contribuendo a rallentare le esecuzioni negli Stati Uniti.

“Controlli rigorosi” vengono imposti dalle aziende produttrici dei medicinali utilizzabili nei cocktail letali: le case farmaceutiche devono assicurarsi che nessuno di questi farmaci esca dall'Unione per essere impiegato in “esecuzioni capitali, torture o altre pratiche punitive crudeli, inumane o umilianti”.

Le aziende europee che producono farmaci come il tiopental sodico, un sedativo utilizzato nelle iniezioni letali Usa, dovranno fornire garanzie che i loro prodotti non saranno usati nelle esecuzioni capitali, per poterli esportare.

Il tiopental sodico è il primo di tre farmaci somministrati nelle iniezioni letali, che servono a bloccare il respiro e a fermare il cuore. Il sedativo è richiesto in tutti i protocolli di morte delle carceri Usa.Un funzionario dell'Unione europea ha spiegato che aziende in Gran Bretagna, Italia, Germania, Austria e Danimarca sono diventate le principali produttrici di tiopental sodico, che invece scarseggia negli Stati Uniti da quando l'unico produttore locale ha smesso di produrlo quest'anno.

La vicenda coinvolse l'Italia in quanto per ripristinare le scorte di tiopental venne avanzata l'ipotesi di affidarne la produzione alla Hospira spa di Liscate, nel Milanese, sussidiaria del gruppo di Lake Forest nell'Illinois. Il parlamento italiano ha però condizionato il via libera alla garanzia da parte di Hospira che non ne sarà fatto uso nelle esecuzioni capitali. 

La Gran Bretagna ha imposto un divieto all'export del tiopental sodico, dopo che lo scorso anno l'associazione per i diritti umani Reprieve aveva citato in giudizio il governo di Londra per impedire le forniture del farmaco a scopi letali.

Nell'aprile scorso la Gran Bretagna ha annunciato che avrebbe vietato le esportazioni negli Usa di altri tre farmaci usati nelle iniezioni letali -- il pancuronio bromuro, il cloruro di potassio e il pentobarbitale sodico -- e ha chiesto agli altri paesi della Ue di seguirne l'esempio.

Il Centro di informazione Usa sulla pena di morte ha fatto sapere che gli Stati Uniti hanno ucciso molte meno persone nel 2010 rispetto agli anni precedenti, in parte a causa della scarsità di tiopental sodico.

La pena di morte è vietata nell'Unione europea e dal 2008 i suoi 27 membri ne hanno chiesto l'abolizione in tutto il mondo.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Ordine dei Medici di Roma: “Nessuna vaccinazione senza il consenso dei genitori” 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Autismo: le vitamine in gravidanza riducono il rischio 19 OTT 2017 AUTISMO
Smog: picco in anticipo in 24 città 19 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Giocare a calcio allunga la vita e rallenta l'invecchiamento 17 OTT 2017 SALUTE
Allergia al nichel: aumentano i casi 17 OTT 2017 SALUTE
Ansia e depressione colpiscono 6 milioni di italiani 16 OTT 2017 SALUTE
Carne: il consumo eccessivo mette a rischio la biodiversità 13 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Cancro e nuovi farmaci, migliorano davvero la qualità della vita? 11 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Zucchero: se troppo è pericoloso anche per chi è sano 11 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Il cibo contaminato provoca 420mila morti ogni anno 9 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Depressione: una sola ora di attività fisica a settimana può prevenirla 9 OTT 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Ecco le 10 procedure mediche inutili o dannose 9 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Tè nero, un alleato per la perdita di peso 6 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Miele: il 75% è contaminato da pesticidi 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Autunno: sette regole anti-malanni di stagione 6 OTT 2017 SALUTE
Declino cognitivo? Gli animali domestici aiutano gli anziani 3 OTT 2017 SALUTE
Sauna, un rimedio naturale contro la pressione alta 2 OTT 2017 SALUTE
America, allarme allergie ai cibi: cosa sta succedendo? 2 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Autunno: i super cibi di stagione che fanno bene alla salute 29 SET 2017 ALIMENTAZIONE
L'inquinamento mette a rischio anche i reni 29 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Svelato il rapporto che evidenzia l’occultamento delle morti infantili post vaccinali 29 SET 2017 VACCINAZIONI
Frutta secca contro l'obesità 27 SET 2017 ALIMENTAZIONE
Ospedali in bancarotta (e sempre meno risorse al SSN) 27 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci online: maxi sequestro e 400 arresti 27 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La tragedia silenziosa che sta colpendo i bambini di oggi 25 SET 2017 INFANZIA
Emergenza Pfas in Veneto, chi paga per l'inquinamento? 25 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Via libera al CETA: a rischio cibo e salute 22 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
I presidi delle scuole di Bologna: "Vaccini, troppe responsabilità per noi" 22 SET 2017 VACCINAZIONI
Un milione di mamme vittima di violenza ostetrica 22 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Dormire bene: ecco il segreto della felicità 20 SET 2017 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione