Denuncia sanitaria

Farmaci per pena di morte: l'Unione europea rafforza i controlli



pena-morte
La pena di morte è vietata nell'Unione europea e dal 2008 i suoi 27 membri ne hanno chiesto l'abolizione in tutto il mondo

Oggi l'Unione europea ha rafforzato i controlli sull'esportazione dei farmaci che possono essere somministrati per eseguire le condanne a morte, riducendone così l'offerta sul mercato e contribuendo a rallentare le esecuzioni negli Stati Uniti.

“Controlli rigorosi” vengono imposti dalle aziende produttrici dei medicinali utilizzabili nei cocktail letali: le case farmaceutiche devono assicurarsi che nessuno di questi farmaci esca dall'Unione per essere impiegato in “esecuzioni capitali, torture o altre pratiche punitive crudeli, inumane o umilianti”.

Le aziende europee che producono farmaci come il tiopental sodico, un sedativo utilizzato nelle iniezioni letali Usa, dovranno fornire garanzie che i loro prodotti non saranno usati nelle esecuzioni capitali, per poterli esportare.

Il tiopental sodico è il primo di tre farmaci somministrati nelle iniezioni letali, che servono a bloccare il respiro e a fermare il cuore. Il sedativo è richiesto in tutti i protocolli di morte delle carceri Usa.Un funzionario dell'Unione europea ha spiegato che aziende in Gran Bretagna, Italia, Germania, Austria e Danimarca sono diventate le principali produttrici di tiopental sodico, che invece scarseggia negli Stati Uniti da quando l'unico produttore locale ha smesso di produrlo quest'anno.

La vicenda coinvolse l'Italia in quanto per ripristinare le scorte di tiopental venne avanzata l'ipotesi di affidarne la produzione alla Hospira spa di Liscate, nel Milanese, sussidiaria del gruppo di Lake Forest nell'Illinois. Il parlamento italiano ha però condizionato il via libera alla garanzia da parte di Hospira che non ne sarà fatto uso nelle esecuzioni capitali. 

La Gran Bretagna ha imposto un divieto all'export del tiopental sodico, dopo che lo scorso anno l'associazione per i diritti umani Reprieve aveva citato in giudizio il governo di Londra per impedire le forniture del farmaco a scopi letali.

Nell'aprile scorso la Gran Bretagna ha annunciato che avrebbe vietato le esportazioni negli Usa di altri tre farmaci usati nelle iniezioni letali -- il pancuronio bromuro, il cloruro di potassio e il pentobarbitale sodico -- e ha chiesto agli altri paesi della Ue di seguirne l'esempio.

Il Centro di informazione Usa sulla pena di morte ha fatto sapere che gli Stati Uniti hanno ucciso molte meno persone nel 2010 rispetto agli anni precedenti, in parte a causa della scarsità di tiopental sodico.

La pena di morte è vietata nell'Unione europea e dal 2008 i suoi 27 membri ne hanno chiesto l'abolizione in tutto il mondo.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Asma e psoriasi: nella prugna una potente arma 1 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Coloranti e allergeni, come leggere l'etichetta? 27 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Bronchiti: “gli antibiotici non servono e aggravano un problema mondiale” 27 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come rafforzare le difese immunitarie dei bambini? 24 FEB 2017 INFANZIA
Europa: resta alta la resistenza agli antibiotici 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: nel sangue dei 14enni valori 30 volte superiori la media 24 FEB 2017 SALUTE
Gastroscopie e colonscopie: 500 mila esami inutili ogni anno 22 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bevi troppo alcol? Ecco cosa rischi 22 FEB 2017 SALUTE
La dieta mediterranea combatte anche la depressione 22 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Disabile dopo il vaccino: un'altra famiglia chiede giustizia 22 FEB 2017 VACCINAZIONI
Mal di schiena? Niente farmaci, spazio a yoga e tai chi 20 FEB 2017 SALUTE
Le malattie croniche nel 2020 saranno l'80% delle patologie 20 FEB 2017 SALUTE
Vaccini: per il 20% degli italiani non sono sicuri 17 FEB 2017 VACCINAZIONI
Omeopatia. Antonella Ronchi (Presidente Fiamo) risponde a Ricciardi 16 FEB 2017 OMEOPATIA
Omeopatia: dal sen. Romani proposta raccolta di firme per legge ad hoc 15 FEB 2017 OMEOPATIA
Obbligo vaccinale "atto illegittimo": il Codacons diffida la Regione Lazio 15 FEB 2017 VACCINAZIONI
Cereali integrali: sai perché aiutano a dimagrire? 13 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Arriva la mutua per cani e gatti 13 FEB 2017 ANIMALI
4 Marzo 2017 – Convegno “La gemmoterapia nelle patologie primaverili” 13 FEB 2017 CONVEGNI
Meningite: la Procura della Repubblica apre un'indagine per procurato allarme 13 FEB 2017 VACCINAZIONI
Il Consiglio di Stato francese obbliga il Ministero della Salute a rendere disponibili entro 6 mesi i 3 vaccini obbligatori 10 FEB 2017 VACCINAZIONI
A Roma la presentazione del calendario Cemon 2017 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Medicine non convenzionali: la scelta di quasi 13 milioni di italiani 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Aspirina: ritirati dal mercato alcuni lotti 10 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: ecco come puoi evitarlo 8 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Lo smog espone i bambini a danni neurologici 8 FEB 2017 INFANZIA
Vino e olio: ecco come conservarli al meglio 6 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Colazione, sai perché non devi saltarla? 3 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Mal di schiena? I farmaci antinfiammatori non aiutano 3 FEB 2017 SALUTE
Come prevenire la metà dei tumori 3 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione