Omeopatia

Farmaci omeopatici: 'vittoria a metà per i produttori'

Fonte: Corriere della Sera


CATEGORIE: Omeopatia

omeopatia
Farmaci omeopatici: 'vittoria a metà per i produttori'

“Un passo avanti è stato già fatto: il testo approvato alla Camera ha recepito la nostra proposta di ridurre a 200 euro la tariffa di mille euro applicata a tutti i farmaci che necessitano dell'autorizzazione dell'Aifa alla messa in commercio”.

Un successo, ma per Antonella Ronchi, presidente della Federazione italiana delle associazioni e dei medici omeopati (Fiamo) e coordinatrice del Comitato permanente di consenso e coordinamento per le medicine non convenzionali in Italia, il settore dell'omeopatia è ancora a rischio.

Che cosa temete?
“Il testo attuale riduce la tariffa ma rimanda a un successivo decreto, in arrivo entro fine novembre, che stabilirà per quali farmaci si dovrà pagare. Non siamo contrari a pagare il nostro contributo ma sono necessarie delle differenziazioni”.

Che tipo di differenziazioni?
“In base ai lotti venduti: in una ditta omeopatica media circa il 95% dei prodotti vendono meno di 5 mila pezzi l'anno e in listino ci sono circa 2 mila farmaci: il costo sarebbe di 400 mila euro l'anno, non sostenibile per molte aziende”.

Cosa proponete?
“Per esempio come in Germania, che i farmaci venduti in piccole quantità, come molti di quelli omeopatici (tra l'altro spesso I più innovativi), vengono solo notificati e non registrati: questo garantirebbe ai pazienti le stesse sicurezze e alleggerirebbe l'Aifa di circa 30 mila dossier da visionare”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione