Vaccinazioni

La fabbricazione delle 'pandemie' dal 1918 ai giorni nostri - Prima Parte


CATEGORIE: Vaccinazioni

Sani e Felici Anni Ruggenti
Nel 1921 l'America entrava in un periodo di prosperità economica senza precedenti, i famosi "Anni Ruggenti".
La grande guerra era finita, le fabbriche lavoravano a piena capacità, le vetture erano fabbricate in serie, i milionari si moltiplicavano.
La gente era SANA e FELICE, soprattutto perché la temuta "misteriosa malattia mondiale" del 1918, che fu poi chiamata "Influenza Spagnola ", era ormai un brutto ricordo.
Due anni erano trascorsi senza che quelle "morti misteriose" riprendessero. L'America non esitava a festeggiare la cosa.
L'opinione pubblica americana, in generale, era così ottimista e FELICE, nel 1921, che pochissime persone erano malate, ed è un dato di fatto.
Per la prima volta da decenni, i letti degli ospedali erano praticamente vuoti!
La nascente AMA, American Medical Association, creata da John D. Rockefeller, giusto qualche anno prima, era realmente preoccupata. Gli affari andavano malissimo. I profitti derivanti dalla vendita di vaccini e farmaci crollavano. Bisognava fare qualcosa e agire in fretta.
Per risolvere il problema si decise di creare false epidemie di vaiolo, al fine di mantenere le "entrate" della mafia medicale.


The Advertiser's Protective Bureau e il "Giorno della Vaccinazione"

Ora sappiamo che questo mostruoso piano è realmente accaduto grazie ad un gruppo di cittadini Watchdog (cani da guardia, protettori) di Kansas City, denominato «The Advertiser's Protective Bureau» (Ufficio di Informatori per la Protezione).

Questo gruppo di cittadini ha avviato una procedura giudiziaria e perseguito penalmente con successo la Jacson Medical Society una filiale della AMA nello stato del Missouri.
Nel rapporto ufficiale del «The Advertiser's Protective Bureau» possiamo scoprire il seguito di questo agghiacciante complotto:
"Nell'autunno del 1921 la salute dei cittadini della città [Kansas City] era particolarmente buona, ma non l'ideale per i medici.
I membri della Jacson Medical Society si riunirono e decisero di creare un'epidemia in città."
Secondo il verbale di questa riunione: "Una mozione fu decisa e raccomandata durante la Commissione sulla Salute: dichiarare un'epidemia di vaiolo in città (le indagini successive hanno rivelato che non vi fu alcun segno di epidemia in quel periodo, né in città né nella regione, e in nessuna località della Stato!).
Una giornata speciale chiamata "Il giorno della vaccinazione" fu decretata.
Durante quella giornata della vaccinazione, i medici dovevano essere presenti in tutte le scuole, cliniche, ospedali, edifici pubblici, per la vaccinazione "gratuita" (le vaccinazioni non sono MAI gratuite. I contribuenti sono sempre costretti a pagare per ogni dose di vaccino "gratuito").
"Fu inoltre raccomandato di ricorrere alla più vasta pubblicità possibile per far comprendere che la vaccinazione costituiva una misura preventiva contro il vaiolo, sollecitando l'assoluta necessità di vaccinare ogni uomo, donna e bambino della città."
L'Ufficio di Protezione provò davanti il tribunale che nessuna epidemia c'era stata PRIMA delle vaccinazioni!
Le cronache giudiziarie riportano che la Società Medica aveva fatto stampare enormi quantità di manifesti, volantini, annunci sui giornali con foto raccapriccianti e atroci di bambini malati coperti di piaghe e le ferite beanti del vaiolo.
Il messaggio terroristico era chiaro: "O tutti si vaccinano o ci ritroveremo di fronte alla minaccia di una malattia mortale!"
Era in atto, dicevano, un'epidemia che "devastava la città" la malattia era "altamente contagiosa" e "colpirà tutti coloro che non sono stati vaccinati".
Questo è il tipo di informazioni che circolavano!
Tutto questo non vi sembra famigliare, 88 anni dopo?
Il blitz della propaganda della mafia medicale fu un successo: oltre un milione di cittadini americani, sino a poco tempo prima sani e felici furono letteralmente ipnotizzati e terrorizzati.
Così decisero di lasciarsi inoculare il vaccino tossico nel sangue.
Tutti i bambini che frequentavano le scuole pubbliche della regione furono vaccinati nelle stesse scuole!
I genitori che avevano osato porre domande sulla vaccinazione dei loro figli furono ostracizzati e pubblicamente denigrati.

IL VERBALE DEL TRIBUNALE SU QUESTI FATTI E' MOLTO CHIARO:
Nelle settimane e nei mesi che seguirono le vaccinazioni di massa, tutti i posti letto negli ospedali della zona furono occupati da persone che avevano contratto il vaiolo a seguito delle vaccinazioni!
Decine di migliaia di persone si ammalarono, centinaia e centinaia di persone innocenti persero la vita e ancora più di gente rimase disabile per tutta la vita!
E, sorprendentemente, i giornalisti non smisero di strombazzare la saggezza che avevano dimostrato i medici che avevano promosso i vaccini, e avevano avvertito che il numero dei morti sarebbe stato molto più alto se non ci fosse stata nessuna campagna di vaccinazioni!

Milioni e milioni di dollari di profitti furono rastrellati durante questa vasta frode "medicale".

Grazie alla «The Advertiser's Protective Bureau», l'enorme truffa fu denunciata e fu l'oggetto di azioni legali, e fu condannata con successo.
Durante il processo, tre prove sorprendenti furono dimostrate al di là di "ogni ragionevole dubbio".

Fatto n°1. Le foto e i poster utilizzati dai "medici" che mostravano i bambini malati e moribondi NON AVEVANO NULLA A CHE FARE CON CASI DI VAIOLO!
«The Advertiser's Protective Bureau», poté stabilire e dimostrare che si trattavano di bambini inglesi, vittime di avvelenamento da vaccino come attestavano i verbali della giustizia inglese!
Diverse sentenze furono pronunciate in Inghilterra.
Tutti i dettagli e le foto di questo affare sono inclusi in un libro che porta il titolo "Storia e patologia della vaccinazione" (History and Patology of Vaccination) di Edgar M.Crookshank, MD professore di batteriologia presso l'elitario Kings College di Londra.

Fatto n°2. I vaccini che contengono dei virus vivi (attenuati) in genere sono causa di malattie più di quello che i vaccini stessi possano prevenire.

Fatto n°3. Le malattie causate da vaccinazioni rappresentano uno strumento socio economico estremamente efficace. Esse sono in grado di generare benefici economici di miliardi di dollari, modificando allo stesso tempo strutture sociali di larghe fasce della popolazione.


Mentre The Advertiser's Protective Bureau vinceva davanti i tribunali, il popolo americano perdeva su tutta la linea.
Tali casi dovrebbero fare la prima pagina di tutti i giornali del paese, denunciando il Modus Operandi di alcuni "medici" corrotti che per mezzo di frode, tradimento e inganno, realizzano milioni di dollari di profitti insperati, mentre migliaia di innocenti, fiduciosi, americani soffrono e muoiono.
L'intera sordida vicenda, con tutti i dettagli della condanna, fu tenuta nascosta dalla stampa americana. E i milioni di dollari che l'AMA di John d. Rockefeller furono messi al sicuro!
Sorprendentemente, anche se migliaia di persone erano morte o rimaste paralizzate, i medici coinvolti furono semplicemente sanzionati con una multa simbolica. L'establishment medicale nel suo complesso non fu per niente sconvolta dalla rivelazione di questi fatti e ha continuato senza sosta a perpetuare gli stessi reati contro l'umanità; la creazione di vaccini che provocano malattie, per spennare la gente, continua fino ai giorni nostri.

L'epidemia/pandemia indotta è prassi comune (anche se poco conosciuta) nel mondo della "mafia medicale".
Al fine di massimizzare i profitti e ricreare regioni geografiche, spesso si ricorre a un falsa-flag "di emergenza".
Se vi è un focolaio di virus durante la stagione mite, la chiamano  pandemia influenzale, le danno un nuovo fantasioso nome, quindi creano effettivamente la pandemia per mezzo di vaccinazioni di massa utilizzando virus attenuati o vivi!
Ricordate le parole scioccanti del dottor Simon Louis Katzoff della AMA:
"I medici vivono di malattie, dunque il pubblico deve aspettarsi una fornitura di malattie per soddisfare le esigenze della professione medica".

Esempi, documentati, di V.I.D.E.O (Vaccine Induced Disease Epidemic Outbreaks).

Caso n°1:
Gli stessi eventi che si verificarono esattamente a Pittsburgh, nell'autunno del 1924.
Come a Kansas City, un gruppo di whistle-blowers sollecitarono un'azione legale contro il dottor C.J.Voux, direttore dei servizi sanitari a Pittsburgh e i suoi complici.
Come a Kansas City, i promotori del vaccino furono dichiarati colpevoli.
Il processo permise di mettere alla luce il fatto che più di un milione di dosi di vaccino furono "venduti" ai cittadini della Pennsylvania, nonostante non fosse stato segnalato un solo caso di vaiolo in tutta la regione.
Fu chiaramente dimostrato che solo dopo la somministrazione di questo milione di dosi cominciò l'epidemia di vaiolo.

Questa "epidemia" fabbricata dall'uomo provocò 330 morti e almeno 1.680 casi di vaiolo, con grave pregiudizio e invalidità permanente per i superstiti.
Questa "epidemia" costò alla città la somma di 3.069.616 dollari!
Anche se il dottor Voux e i suoi accoliti avevano raccolto più di 10 milioni di dollari (fra cure e ospedali), essi non furono costretti a pagare i danni causati da loro stessi.
Come nel caso di Kansas City, un insignificante ammenda fu inflitta ai colpevoli e il caso non è mai stato ampiamente pubblicizzato.

Caso n°2: Le prime partite del vaccino del Dr. Jonas Salk contro la poliomielite provocarono migliaia di casi di poliomielite tra i vaccinati (uno fra questi fu lo stesso presidente Franklin D. Roosevelt, che fu colpito poche settimane dopo aver ricevuto il vaccino). Questa situazione fu attribuita a una quantità troppo elevata di virus vivi nel vaccino.
Fu allora, nel 1958, che il dottor Sabin sviluppò il suo vaccino "migliorato" con virus vivi, ma "deboli" o "attenuati".
L'anno successivo il vaccino fu reso obbligatorio per tutti i bambini in età scolare in numerosi Stati.
Risultato: i casi di poliomielite aumentarono del 300% solo in questi Stati!

Esempi:
- Nel Tennessee, erano stati segnalati 119 casi di poliomielite nel 1958. Dopo la vaccinazione, nel 1959, furono contati 386.
- Nell'Ohio ci furono 17 casi di polio nel 1958. Questo numero salì a 52 nel 1959.
- Nel Connecticut da 45 casi nel 1958 a 123 casi nel 1959.
- Nel North Carolina: 78 casi nel 1958 contro 312 casi nel 1959, tutto questo dopo il vaccino obbligatorio per i bambini in età scolare.
- Il record degli ultimi anni il record è schiacciante: gli unici casi di polio che sono stati registrati sono stati una conseguenza diretta della vaccinazione.

La poliomielite è provocata da un virus che può trovarsi nell'acqua potabile contaminata.
Durante i primi anni'60, gli impianti di trattamento dell'acqua furono trattati in tutta l'America con piccole quantità di cloro che ha efficacemente spazzato via il virus della poliomielite. L'eliminazione di questa malattia non ha nulla a che fare con aghi e vaccino, o con la "degustazione" di zollette di zucchero!
In realtà, come lo ha descritto così bene Edward T. Haslam nel suo libro  "Dr. Mary's Monkey" il vaccino Sabin è stato effettivamente contaminato con una mutazione del virus SV-40 delle Green Monkeys (scimmie verdi) che ha provocato e provoca ancora milioni di tumori dei tessuti molli, e innumerevoli vittime in tutto il mondo. ((L' "industria" del cancro, ha raccolto miliardi di dollari da questa contaminazione nel corso degli anni, ovviamente).



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione