Salute

Etologia


CATEGORIE: Salute

animali
L’etologia è quella disciplina biologica che studia le abitudini e il comportamento degli animali

L’etologia è quella disciplina biologica fondata da K. Lorenz (1903-1989) che studia le abitudini e il comportamento degli animali. Anche se può sembrare che questo argomento non sia di primaria importanza in ambito medico, ho pensato di dedicargli un intero capitolo nel mio recente libro Multidisciplinarietà in Medicina. Le motivazioni sono numerose, ma la più ovvia è che lo studio degli animali è più facile dello studio delle persone e permette di acquisire molte utili conoscenze che si possono poi estendere alla specie umana.

L’etologia si avvale dei metodi abitualmente utilizzati in tutti i campi della biologia, si fonda sull’ipotesi della prevedibilità e della regolarità dei moduli comportamentali che sono oggetto di indagine e ricerca; in particolare, studia l’origine, le funzioni e la possibilità di attivare tali programmi di comportamento.


I Meccanismi motivanti
I meccanismi motivanti sono dei meccanismi comportamentali filogeneticamente programmati.
Gli studi sulla motivazione hanno dimostrato che gli animali non reagiscono passivamente agli stimoli esterni, ma sono dotati di molteplici sistemi motivanti interni che attivano, a seconda delle situazioni, specifiche appetenze.

I sistemi motivanti interni sono costituiti da stimoli che denunciano la deviazione di un valore norma, come gli osmorecettori, i recettori che rivelano il grado di riempimento di un organo cavo, quelli che registrano variazioni dei valori di specifici ormoni e, in particolare, variazioni dell’attività dei vari neuroregolatori.

Gli stimoli esterni sono costituiti da variazioni delle condizioni ambientali, come la durata del giorno, dalle variazioni di temperatura e di umidità, dalla presenza di potenziali partner sessuali o agonisti.

Le attuali conoscenze sui neuropeptidi e sulle basi neurobiologiche della motivazione hanno permesso di localizzare dei centri della gratificazione e della punizione in particolari aree del sistema limbico, di identificare i circuiti neuronali che intervengono nei comportamenti di appetenza e di avversione e i neuromodulatori che li regolano.

Da questi dati è emerso che il comportamento è sostenuto da meccanismi motivanti innati e gli impulsi agiscono come comportamenti di appetenza; questi inducono a ricercare gli stimoli scatenanti che danno il via all’azione consumatoria atta a soddisfarli. La soglia per gli stimoli scatenanti in grado di attivare questi comportamenti si alza dopo l’abreazione del relativo movimento e si abbassa se l’animale non ha avuto occasione di abreagire lo schema motorio per un periodo di tempo relativamente lungo.

Diverse osservazioni, condotte su soggetti giovani e su soggetti adulti appartenenti a diverse specie sociali, hanno permesso di evidenziare che gli animali presentano segni di stress da separazione se vengono allontanati dalla madre o dal gruppo di cui fanno parte o se vengono privati di un rifugio sicuro. In questi casi gli animali adottano dei comportamenti di appetenza alla quiete, ossia diventano inquieti fino a quando non trovano un luogo sicuro, la madre, dei cospecifici o un partner di riferimento.

Altre osservazioni condotte su soggetti maschi di natura aggressiva hanno evidenziato che gli animali tendono ad aggredire e a catturare delle prede, indipendentemente dalla fame; in alcuni casi devono poter combattere con altri maschi prima di potersi accoppiare con successo e possono aggredire le femmine in mancanza di un estraneo da combattere.

Gli studi sui meccanismi motivanti che intervengono nei mammiferi superiori e nell’uomo, in particolare, hanno indotto ad attribuire un ruolo fondamentale alle esperienze emozionali. Queste assicurano una potente motivazione per l’attivazione di comportamenti associati alla ricerca di vari tipi di stimoli, anche non primari, come l’appetizione verso l’assunzione di informazioni (curiosità).


I movimenti espressivi degli animali
Il termine ‘movimenti espressivi’ viene utilizzato per indicare dei moduli comportamentali che assolvono una funzione di comunicazione e hanno assunto il valore di segnali. Questi moduli comportamentali hanno subito particolari differenziazioni in funzione della coordinazione del comportamento sociale, sono divenuti segnali scatenanti al pari delle strutture morfologiche evolute per l’emissione di segnali e, in genere, mutano la loro funzione. Ad esempio, i moduli comportamentali sessuali caratteristici della femmina diventano spesso gesti di pacificazione, l’esibizione sessuale del maschio diventa atto di minaccia e certi comportamenti, correlati alle cure parentali, assumono funzioni di corteggiamento.

I movimenti espressivi possono essere innati o acquisiti, semplici o complessi e a volte derivano da altri moduli comportamentali. In ogni caso, qualsiasi modulo comportamentale che in una certa situazione rivela al compagno che osserva la specifica disponibilità ad agire di chi lo manifesta, può evolvere come movimento espressivo e quindi, può fungere da segnale, anche per altri animali della stessa specie o di specie diversa.

Nei casi in cui è vantaggioso che le intenzioni degli animali siano comprese da qualcuno, la selezione trasforma sempre questi comportamenti in segnali appariscenti e la modificazione di un comportamento, in funzione dell’emissione di segnali, viene detta ritualizzazione.

Alcuni comportamenti, come gli atti di pulizia reciproca delle penne o della pelliccia, che contribuiscono a neutralizzare l’aggressività del compagno, l’atto di mordere e di digrignare i denti in alcuni mammiferi o di minacciare con le chele nei granchi, hanno subito una ritualizzazione come segnali di disponibilità al contatto o come segnali di aggressione.

Dalle ricerche comparate è emerso che la comprensione di un determinato tipo di movimento ha preceduto il suo evolversi in segnale. Ad esempio, i movimenti fatti dai gallinacei per mangiare attraggono i loro simili e comunicano loro la disposizione a imitarli e allora vengono usati in forma ritualizzata dalla chioccia per attrarre i pulcini e dai galli per adescare le galline.

Nel processo di ritualizzazione, i comportamenti subiscono una serie di trasformazioni al servizio della comunicazione. Essi possono essere semplificati o esagerati nella loro ampiezza, possono essere ripetuti ritmicamente e a volte compaiono con l’intensità tipica. La trasformazione del comportamento si accompagna all’evoluzione di strutture corporee appariscenti, come chele di segnalazione, criniere, piume ornamentali, pinne ecc.

La ritualizzazione può aver luogo sia a livello filogenetico, sia ontogenetico, in quanto il movimento espressivo appreso viene perfezionato in vista di una maggiore efficacia del segnale.

La ritualizzazione culturale degli uomini segue il modello della ritualizzazione filogenetica. Ad esempio, il gesto di levarsi il cappello per salutare deriva da quello di togliersi l’elmo ed è una manifestazione di fiducia.

I movimenti espressivi, che rivelano la disposizione al contatto sociale, derivano spesso dagli atteggiamenti tipici della cura della prole. Ad esempio, gli uccelli adulti durante il corteggiamento si nutrono tra di loro come fanno quando imbeccano i piccoli, i predatori adulti si scambiano colpi di muso all’angolo della bocca, che equivalgono a scambi di saluto e vengono utilizzati dai piccoli per chiedere ai genitori di rigurgitare il cibo.

L’alimentazione bocca a bocca del piccolo, da parte della madre, è utilizzata anche dai primati e dall’uomo e si ritiene che l’atto di baciarsi nel genere umano sia una ritualizzazione di quello di cibarsi.

I moduli comportamentali spesso sono collegati a manifestazioni vegetative che sono state particolarmente studiate in alcuni ciclidi. Queste sono rappresentate da variazioni di colorazione che compaiono in situazioni di disposizione alla fuga, all’attacco o di conflitto.

Il comportamento espressivo innato negli animali superiori e nell’uomo può essere sottoposto al controllo della volontà e, in base al successo delle loro azioni, gli animali possono apprendere dei movimenti espressivi. I vertebrati superiori, oltre alla comunicazione mediante segnali appresi, sono in grado di utilizzare strumentalmente segnali del repertorio innato con modalità del tutto nuove. Ad esempio, alcuni animali possono utilizzare un grido di allarme, atto ad avvertire la presenza di un nemico e mettere in fuga gli altri animali dal sito di alimentazione; le scimmie antropomorfe spesso inventano segnali di comunicazione.

Gli animali, in ogni caso, utilizzano sistemi di comunicazione che solo approssimativamente sono confrontabili con il linguaggio verbale dell’uomo. Gli scimpanzé in libertà comunicano fra loro con gesti manuali semplici, ma dietro addestramento possono utilizzare una comunicazione simile al linguaggio.

I movimenti espressivi possono essere classificati a secondo della loro funzione. Essi vengono distinti in movimenti espressivi che servono alla comunicazione intraspecifica e quelli che servono per la comunicazione interspecifica.


L’organizzazione del comportamento e le gerarchie
L’interazione tra due partner si realizza in quanto il comportamento di uno dei due rappresenta uno stimolo per l’altro e la risposta di quest’ultimo diventa, a sua volta, un segnale per la reazione del primo. In tal modo, il decorso delle varie azioni diventa una catena che conduce all’azione consumatoria o liberatoria finale.

Nei casi in cui i due partner siano molto affiatati, come nel caso di partner sessuali, si configurano due catene di azioni e reazioni di scatenamento reciproco che si succedono in modo piuttosto preciso. Il maschio, mediante determinate azioni, scatena reazioni nella femmina e questa, a sua volta, tramite le sue azioni avvia altre reazioni nel maschio.

Una serie di reazioni a catena si può realizzare anche nell’ambito di un solo individuo che interagisce con l’ambiente. Esso infatti, con il suo comportamento, può realizzare delle nuove situazioni scatenanti che di volta in volta attivano un nuovo comportamento.

Le disponibilità ad eseguire i vari moduli comportamentali spesso si avvicendano in un determinato ordine e le diverse situazioni, stimolatorie scatenanti, avviano singoli movimenti che entrano a far parte di una sequenza complessa.

I moduli comportamentali spesso sono disposti a gruppi, si possono associare o si possono escludere a vicenda. Ad esempio, nell’animale disposto a combattere possono essere facilitati i comportamenti di minaccia e di aggressione, ma vengono inibiti altri comportamenti, come il mangiare o il costruire il nido.

La regolarità del comportamento, fondata sulla successione temporale e sulla simultaneità, riflette una organizzazione gerarchica che corrisponde, a sua volta, ad un preciso orientamento a livello del sistema nervoso centrale.

Le organizzazioni gerarchiche del comportamento sono proprie di molti invertebrati e di tutti i vertebrati, ma via via che si sale la scala filogenetica questo ordinamento diventa meno lineare. Inoltre, i movimenti relativi ai più bassi livelli di interazione appaiono durante lo sviluppo giovanile di uccelli e di mammiferi, mentre con la maturazione vengono integrati molti altri moduli di comportamento, come pure quelli relativi alle esperienze individuali.

N. Tinbergen ha definito l’istinto come un meccanismo neurale, gerarchicamente organizzato, che risponde a determinati stimoli, esterni e interni, capaci di indurre, di orientare e di sostenere una risposta comportamentale di valore adattivo. Egli, in base alle osservazioni sul comportamento animale, ha ipotizzato l’esistenza di una gerarchia di istinti, che ha suddiviso in istinti di livello superiore e istinti subordinati, e una organizzazione gerarchica dei centri funzionali del sistema nervoso centrale.


Il comportamento conflittuale
Nei casi in cui una situazione stimolante scatenante attiva impulsi contrastanti, come può avvenire nel caso si tratti dell’impulso all’attacco e quello alla fuga, l’animale può adottare dei comportamenti che entrano in conflitto tra loro.

Un modulo comportamentale può prevalere e reprimere l’altro, attivato contemporaneamente, se è sostenuto da una motivazione piuttosto forte. Quando le motivazioni sono uguali i moduli comportamentali, attivati contemporaneamente, possono sovrapporsi, trasformarsi e combinarsi in vario modo.

Sulla base di svariate osservazioni è emerso che gli animali, quando si trovano in una situazione di conflitto, compiono spesso movimenti che non sono attribuibili a nessuna delle due disposizioni contrastanti e questi moduli comportamentali sono stati definiti attività di sostituzione. Queste possono essere rappresentate da attività simulate di nutrizione e atti di pulizia, come il bagnarsi o altri atti di igiene corporale.

L’uomo può presentare, al pari degli animali, dei movimenti conflittuali. Questi sono stati esaminati in modo esauriente in uno studio sui comportamenti degli oratori e sono rappresentati da reazioni neurovegetative, come sudorazione e tremore, scarsa interazione con il pubblico, deprezzamento del proprio lavoro, contegno sottomesso, sorrisi amichevoli, tendenza a toccarsi o a grattarsi, atti di masticare o succhiare una penna, di deglutire o giocherellare con oggetti.

In alcuni casi, una situazione stimolante che attiva e contemporaneamente inibisce un modulo comportamentale può non attivare un comportamento conflittuale. Ad esempio, animali minacciati o attaccati da un altro animale di rango superiore possono sfogare l’aggressività su uno di rango inferiore.


Bibliografia
- Gasparini L. Multidisciplinarietà in Medicina. Metodologia, Scienze biomediche, Posizione dell’omeopatia in ambito scientifico. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2011



Hai un account google? clicca su:




Prodotto Consigliato
Multidisciplinarietà in Medicina  Lucia Gasparini   Salus Infirmorum

Multidisciplinarietà in Medicina

Metodologia - Scienze biomediche - Posizione dell’Omeopatia in ambito scientifico

Lucia Gasparini

La ricerca scientifica è tesa ad un'incessante soluzione di problemi e la conoscenza scientifica cresce e opera nel continuo dissenso, ma sempre orientata verso la teoria vincente. Il metodo scientifico, mediante il percorso delle congetture e delle confutazioni e quindi della falsificabilità fattuale delle teorie, è la… Continua »
Pagine: 832, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
63,67 € 74,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Lucia Gasparini

Tessuto adiposo e regolazione della risposta immunitaria 13 APR 2016 SALUTE
La regolazione dell’assunzione di liquidi 18 NOV 2015 SALUTE
Immunologia: interleuchina 1 (IL-1) 29 OTT 2015 SALUTE
Il metodo della fisica 15 OTT 2015 SALUTE
Genetica: gli oncogeni 8 OTT 2015 SALUTE
Strategie elementari di interazione sociale 5 OTT 2015 SALUTE
Immunologia: generalità sulle citochine 23 SET 2015 SALUTE
La scienza sperimentale e il suo metodo 23 SET 2015 SALUTE
I fitoestrogeni 10 SET 2015 SALUTE
Modalità di assunzione di rimedi omeopatici nelle patologie acute 2 SET 2015 OMEOPATIA
Gestione e trattamento della sindrome metabolica 26 AGO 2015 SALUTE
Dominanza sociale e immunità negli animali 24 LUG 2015 SALUTE
Gli antiossidanti 17 LUG 2015 SALUTE
Risposta immunitaria in alcune malattie cutanee croniche 13 LUG 2015 SALUTE
Malattie cutanee come manifestazioni di un quadro sistemico 20 DIC 2013 SALUTE
Aromatasi 12 DIC 2013 SALUTE
Mitocondri ed esercizio fisico 25 NOV 2013 SALUTE
Psoriasi e dermatite atopica, la risposta immunitaria nelle malattie cutanee croniche 6 NOV 2013 SALUTE
Cellule Natural Killer 30 OTT 2013 SALUTE
La sindrome metabolica 18 OTT 2013 SALUTE
Adiponectina 15 OTT 2013 SALUTE
Cos'è la leptina 14 OTT 2013 SALUTE
Sistema dello stress e concetto di allostasi e di carico allostatico 23 APR 2013 SALUTE
Ritmo circadiano degli ormoni e loro proprietà immunomodulatorie 16 APR 2013 SALUTE
Tessuto adiposo, obesità viscerale e infiammazione 12 APR 2013 SALUTE
Emozioni negative 9 APR 2013 SALUTE
Stress cronico: disfunzioni dell’asse HPA, alterazioni immunitarie e disturbi della sfera affettiva 3 APR 2013 SALUTE
Immunità innata e Toll-like receptors (TLR) 15 MAR 2013 SALUTE
Schema, struttura e processo dei sistemi viventi 1 MAR 2013 SALUTE
Steroidi sessuali e immunità 20 FEB 2013 SALUTE

Tutti gli articoli di Lucia Gasparini







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione