Alimentazione

Estate: bambini a rischio infezioni alimentari. I consigli dei pediatri



bambina
L'organismo dei bambini è ancora immaturo dal punto di vista delle difese immunitarie

Con le alte temperature e le diverse abitudini alimentari, durante la stagione estiva si verifica un aumento delle infezioni alimentari in particolare nei bambini, il cui organismo è ancora immaturo dal punto di vista delle difese immunitarie.

A sottolinearlo è la Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP). “Negli alimenti che consumiamo abitualmente – hanno spiegato gli specialisti - a volte sono presenti agenti 'patogeni' come virus, batteri, parassiti che, a contatto con l'organismo umano, possono risultare dannosi per la salute.

Le cosiddette infezioni alimentari (tossinfezioni o intossicazioni, in base a come si svolge l'azione nociva del microrganismo) si verificano se questi agenti patogeni riescono a superare le barriere difensive dell'uomo. Nella maggiorparte dei casi le malattie provocate dagli alimenti si risolvono senza gravi complicazioni.

L'intossicazione più pericolosa è rappresentata dal botulismo, che si manifesta con difficoltà della vista e della parola, secchezza della bocca e debolezza muscolare. Se non si interviene rapidamente ed adeguatamente, sopravvengono paralisi progressiva dei muscoli, difficoltà respiratoria e, nei casi estremi, la morte. A causare questa infezione è il botulino, che può essere presente in cibi inscatolati o conservati, in particolare in quelli di produzione domestica.

Le conserve preparate in casa, come la verdura sott'olio, sono uno dei prodotti in cui più facilmente si può rischiare la presenza della tossina botulinica. Particolare attenzione richiedono dunque i prodotti che più facilmente vengono consumati dai bambini, come il miele artigianale e le conserve di frutta fatte in casa.

Tra le intossicazioni più diffuse vi è invece quella da stafilococco, principalmente dovuta a una inadeguata preparazione o conservazione dei prodotti. In questi casi il più delle volte, l'andamento e' fortunatamente benigno, con sintomatologia tipica che inizia dopo una breve incubazione di qualche ora e risoluzione in 24-48 ore. Il sintomo principale di questa infezione è la diarrea. I pediatri avvertono però che non è necessario arrestare gli episodi farmacologicamente in quanto l'eliminazione di addondanti liquidi costituisce una difesa dell'organismo, che tenta così di eliminare l'agente infettante.

In estate  il Rotavirus rappresenta la principale causa di gastroenterite in eta' pediatrica. I sintomi della gastroenterite da Rotavirus si presentano dopo 5-6 giorni dal contagio e sono diarrea, dolori addominali e vomito per un periodo tra 3 e 7 giorni. Non esiste un trattamento specifico: i sintomi scompaiono spontaneamente in pochi giorni e, certamente, non devono essere utilizzati gli antibiotici, dal momento che si tratta di una malattia di origine virale. La cosa principale, spiegano gli esperti, è idratare il bambino, perché le scariche di diarrea e il vomito fanno perdere all'organismo elevate quantità di liquido.

“Gli alimenti possono già essere contaminati all'originehanno spiegato gli specialisti -. E' il caso di carni provenienti da animali malati o vegetali irrigati con acque infette; possono poi essere contagiati durante la preparazione dei cibi a causa di manipolazione con le mani sporche; uso di acqua non potabile; contatto dell'alimento con superfici di lavoro, utensili, contenitori non puliti; esposizione dell'alimento, dopo la preparazione, a insetti, roditori o altri animali”

“Spesso la presenza di microrganismi pericolosi non e' evidente –
ha sottolineato Susanna Esposito, Presidente della Societa' Italiana di Infettivologia Pediatrica -. Gli alimenti contaminati, infatti, possono mantenere le loro solite caratteristiche di colore, odore e sapore. Consumare un alimento solo perché ha un bell'aspetto non è una garanzia di cibo sano e non e' sufficiente ad evitare rischio di infezioni per quanti lo ingeriscono. Adottare una serie di comportamenti corretti, nella vita di tutti i giorni, serve a ridurre il rischio di contrarre numerose”.

Ecco, quindi, i consigli degli specialisti per prevenire le infezioni alimentari:

- curare particolarmente l'igiene delle mani per la manipolazione degli alimenti;
- cuocere bene i cibi in modo che tutte le parti, anche le piu' interne, raggiungano una temperatura di almeno 70*C;
- consumare gli alimenti immediatamente dopo la cottura, specialmente al ristorante;
- conservare in frigorifero gli alimenti cotti in casa, qualora non vengano consumati subito;
- se il cibo deve essere conservato per lungo tempo è preferibile surgelarlo;
. riscaldare rapidamente e ad alta temperatura i cibi precedentemente cotti prima del consumo;
- scegliere prodotti che abbiano subito trattamenti idonei ad assicurarne l'innocuita' (ad esempio il latte pastorizzato o trattato ad alte temperature);
- utilizzare solo acqua potabile e, specialmente in viaggio, consumare sempre acqua di bottiglia chiusa ermeticamente.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Troppa medicalizzazione nei parti. Oms: “si aiutino le donne a partorire naturalmente” 19 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini ai militari: le conclusioni della Commissione d’inchiesta sull’uranio 19 FEB 2018 VACCINAZIONI
Smog: emergenza sanitaria in Lazio 19 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Bambini non vaccinati: a Cuneo presentati 13 ricorsi 16 FEB 2018 VACCINAZIONI
Attività fisica: insufficiente per 8 ragazzi su 10 14 FEB 2018 SALUTE
Vaccini: a Bolzano niente multe dopo la scadenza 14 FEB 2018 VACCINAZIONI
Vaccini e conflitto di interessi: il Tribunale di Roma dà ragione al Codacons 12 FEB 2018 VACCINAZIONI
Antinfiammatori: il 15% di chi li assume supera le dosi massime 12 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ictus e infarto: l’emicrania è un importante fattore di rischio 9 FEB 2018 SALUTE
Trasporti marittimi: le emissioni causano 400.000 morti premature 9 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ibuprofene e paracetamolo: gli effetti psicologici degli antidolorifici 7 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Il potere antinfiammatorio della curcuma contro demenza e depressione 7 FEB 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Tumori: malattie croniche responsabili del 20% dei nuovi casi 5 FEB 2018 SALUTE
Una corsia preferenziale in ospedale per le donne vittime di violenza 2 FEB 2018 SALUTE
Quasi tre milioni di italiani soffrono di depressione 31 GEN 2018 SALUTE
Tribunale di Milano: se i figli sono immuni il genitore può opporsi alle vaccinazioni 31 GEN 2018 VACCINAZIONI
Roma: “restino a scuola i bambini non vaccinati” 31 GEN 2018 VACCINAZIONI
Dieselgate: “cavie umane per testare i gas di scarico” 29 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Le sigarette elettroniche aiutano a smettere di fumare? 26 GEN 2018 SALUTE
Gravidanza: i farmaci per la tiroide aumentano il rischio di malformazioni del bambino 26 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Salerno: vaccino scaduto ad un bimbo di 8 mesi 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini obbligatori in Francia: dov’è finita la “libertè”? 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini, Travaglio: “Che ho detto di scandaloso?” 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Etichette alimentari e allergeni: le nuove direttive Ue 19 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Disturbi del sonno? Un “trucco” per addormentarsi 17 GEN 2018 SALUTE
Bisfenolo A: Ue impone limiti più stringenti 15 GEN 2018 SALUTE
Sospeso bambino non vaccinato: il Tar lo riporta a scuola 15 GEN 2018 VACCINAZIONI
Ansia e depressione: rischio maggiore per chi dorme male 11 GEN 2018 SALUTE
L'ibuprofene può compromettere la fertilità maschile 10 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'abilità che tuo figlio deve imparare per avere successo nella vita 8 GEN 2018 INFANZIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione