Alimentazione

Energy drink, quali rischi?


CATEGORIE: Alimentazione , Salute

energy drink
Gli energy drink sono associati a possibili effetti indesiderati anche gravi

Gli energy drink sono associati a possibili effetti indesiderati anche gravi e per questo dovrebbero essere posti maggiori vincoli sia alla loro commercializzazione che alla pubblicità. Queste le conclusioni dell'ultimo rapporto dell'agenzia per la sicurezza alimentare francese Anses che mette in relazione l'assunzione di bevande che contengono caffeina, taurina, guaranà, ginseng, vitamine e altri componenti, con 257 segnalazioni di eventi indesiderati registrate dal 2008 a oggi.

Gli eventi riconducibili con certezza agli energy drink sarebbero 25, mentre 54 sarebbero “molto probabilmente” associabili alle bibite.
Tra gli eventi registrati, la maggior parte risulta a  carico del cuore e del sistema cardiovascolare (tachicardie, ipertensione, fibrillazioni e pericolosi squilibri del ritmo in soggetti predisposti), con almeno un decesso di una sedicenne e altri due altri casi di morte sospetta di due ragazzi, uno di 16 e uno di 19 anni. Altri effetti indesiderati registrati riguadano l’apparato gastrointestinale e il sistema nervoso (con crisi epilettiche nei malati, insonnia, ipereccitabilità). Non mancano poi altri effetti più lievi e generici, ma sospetti.

In Francia, il 25% degli abituali bevitori consumatori afferma di bere spesso due lattine (500 ml o più) nella stessa giornata; il 41% di questi associa gli energy drink allo sport (associazione che può amplificare gli effetti negativi); il 16% li mescola all’alcol, azione che diminuisce la percezione del rischio e che può esaltare gli effetti indesiderati. Soltanto il 32% dei consumatori li beve saltuariamente, in qualche occasione speciale.

Inoltre secondo l’Anses, anche se bere  queste bibite è consigliato solo ai maggiorenni, il 18% dei bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni ha bevuto un energy drink nell’anno precedente, mentre a livello europeo il 3% dei bambini e l’8% degli adolescenti si scolano una lattina 4-5 volte alla settimana.

L'Anses ribadisce l'invito a non far consumare gli energy drink alle donne in gravidanza, ai bambini, agli adolescenti e a tutte le persone con problemi  di tipo cardiovascolare, renale, epatico o neurologico.

L'Agenzia per la sicurezza alimentare francese invita inoltre le autorità a rivedere le pubblicità e le confezioni e auspica un approfondimento degli  studi.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA
Frutta e verdura fanno bene anche all'umore 20 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
A che ora è meglio mangiare per proteggere il cuore? 17 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
“Basta cellulari ai bambini”: i pediatri lanciano l'allarme 17 MAR 2017 INFANZIA
Quali sono i benefici della dieta "mima-digiuno"? 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Menopausa: ecco cosa mangiare per rafforzare le ossa 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Bambini: troppo fruttosio è come l'alcol per il fegato 13 MAR 2017 INFANZIA
L'agopuntura previene l'emicrania senza aura 13 MAR 2017 SALUTE
Sostanze tossiche negli imballaggi: ecco gli alimenti a rischio 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura: ecco la quantità giusta per vivere più a lungo 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Cancro al colon-retto, quanto incide lo stile di vita? 8 MAR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro: contro la fatica lo sport è meglio dei farmaci 8 MAR 2017 SALUTE
Mirtilli per la memoria, un elisir di giovinezza 8 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Glifosato: anche la Toscana verso il bando 6 MAR 2017 SALUTE
Dieci consigli per vivere dieci anni più a lungo 6 MAR 2017 SALUTE
L'inquinamento uccide 1,7 milioni di bambini l'anno nel mondo 6 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotico-resistenza: la lista dei 12 batteri più pericolosi 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: quanto cibo buttiamo e perché? 3 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Pfas in Veneto: analisi sui pozzi e controlli per 80mila cittadini 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Asma e psoriasi: nella prugna una potente arma 1 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Coloranti e allergeni, come leggere l'etichetta? 27 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Bronchiti: “gli antibiotici non servono e aggravano un problema mondiale” 27 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come rafforzare le difese immunitarie dei bambini? 24 FEB 2017 INFANZIA
Europa: resta alta la resistenza agli antibiotici 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: nel sangue dei 14enni valori 30 volte superiori la media 24 FEB 2017 SALUTE
Gastroscopie e colonscopie: 500 mila esami inutili ogni anno 22 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bevi troppo alcol? Ecco cosa rischi 22 FEB 2017 SALUTE
La dieta mediterranea combatte anche la depressione 22 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Disabile dopo il vaccino: un'altra famiglia chiede giustizia 22 FEB 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione