Attualità

Incentivi all’energia, carbone e petrolio battono le rinnovabili

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Attualità

centrale carbone
Incentivi all’energia, carbone e petrolio battono le rinnovabili

Nel 2010 gli incentivi alle fonti rinnovabili sono stati pari in tutto il mondo a 66 miliardi di dollari. Nello stesso periodo i combustibili fossili hanno intascato tra 775 e mille miliardi. Un paradosso, figlio dello scarso impegno politico e dell’enorme potere delle lobby.

Difficile non essere d’accordo quando si ribadisce l’importanza di puntare sulle energie pulite, liberandosi dalla schiavitù di carbone e petrolio e dal loro pesantissimo impatto ambientale. Difficile trovare uno Stato o un ente pubblico che non abbia promesso di intraprendere questa strada. Ma i cambiamenti sono fatti anche di cifre e quelle che si leggono in un recente rapporto realizzato da Vital Signs per il Worldwatch Institute raccontano una realtà ben diversa.

Nel 2010 per l’energia pulita in tutto il mondo sono stati stanziati finanziamenti pubblici per 66 miliardi di dollari: due terzi alle rinnovabili, un terzo ai biocarburanti. Lo stesso anno i contributi ai combustibili fossili hanno raggiunto soglie ben diverse: si sono attestati tra i 775 e i mille miliardi di dollari, a seconda del metodo di calcolo usato. Come dire che, per ogni dollaro per il fotovoltaico, nel frattempo il petrolio ne intascava tra gli 11 e i 15.

I sussidi alla produzione di energia si possono quantificare in circa 100 miliardi di dollari, anche se il conteggio non è facile. Restringendo il campo a 24 Paesi Ocse emerge che il carbone ha ottenuto il 39% del totale, mentre il 30% circa è andato rispettivamente a petrolio e gas naturale. I sussidi al consumo, invece, nel 2010 hanno raggiunto i 409 miliardi nei Paesi emergenti, mentre negli Stati industrializzati si sono attestati su una media di 45 miliardi all’anno (vedi grafico). Fanno la parte del leone gli esportatori netti di petrolio e gas, che a partire dal 2007 coprono circa l’80% della spesa. Se si prendono in considerazione i contributi per kWh prodotto, invece, in ragione del peso nettamente maggiore della produzione da fonti “tradizionali”, per le rinnovabili i dati sono compresi tra gli 1,7 e i 15 centesimi di dollaro per kWh, mentre per le fonti fossili sono fermi a 0,1-0,7 ¢/kWh.

«Sono dati fisiologici – afferma Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente – perché il sistema da sempre punta sulle fonti fossili, come si è visto anche nella campagna elettorale negli Usa, in cui la lobby del petrolio ha sostenuto Romney. Chi guadagna miliardi all’anno, e con quei miliardi finanzia la politica, difficilmente rinuncia ai privilegi».

Il potere delle lobby
Le conquiste delle lobby si toccano con mano. Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e clima di Greenpeace, fa un esempio: «In Europa è in corso un intenso dibattito sui livelli di efficienza dei motori e sui target per ridurre emissioni e consumi. Ma le case automobilistiche esercitano forti pressioni affinché tali target vengano definiti nel modo più blando possibile. Quindi le compagnie petrolifere trovano un alleato in un settore potentissimo».

Si tratta di scelte politiche, dunque. Alimentate anche dal fatto che determinate fonti energetiche rappresentano assetto strategici per alcune economie: il carbone per India e Cina, il petrolio e il gas per gli Usa. Poco conta, sottolinea Boraschi, il fatto che «siano in controtendenza rispetto al mercato: da almeno tre anni su scala globale le rinnovabili attraggono più capitali rispetto alle fonti fossili».

Senza sussidi ai combustibili fossili
C’è chi pensa che, se gli incentivi ai combustibili fossili venissero azzerati, a rimetterci sarebbero i cittadini, a causa dei rincari in bolletta o sul prezzo della benzina. Ma Zanchini non è d’accordo: «I contributi non abbassano il prezzo finale: finiscono solo nelle tasche dei colossi del settore. Se gli stessi fondi fossero destinati alle rinnovabili, esse diventerebbero competitive rispetto al prezzo che già paghiamo nelle nostre case per il riscaldamento o l’elettricità».

Quindi cosa vorrebbe dire, in concreto, eliminare i sussidi a carbone, gas e petrolio? Secondo l’International Energy Agency (Iea), entro il 2020 la domanda di petrolio calerebbe di 3,7 milioni di barili al giorno, quella di gas naturale di 330 miliardi di metri cubi, quella di carbone di 230 milioni di tonnellate. Meno 3,9% per il consumo di energia a livello globale. Con effetti tangibili anche sulle emissioni di CO2, ridotte del 4,7%. Per non parlare dei benefici per la salute.

Secondo la US National Academy of Sciences ogni anno gli Usa spendono 120 miliardi di dollari per l’inquinamento e i costi sanitari che ne derivano. «A guadagnarci sono solo le grandi compagnie», conclude Zanchini. La sola Italia, infatti, spende ogni anno 63 miliardi di euro per comprare fonti fossili dall’estero. E stanzia in media 400 milioni di euro all’anno per gli autotrasporti, scoraggiando il trasporto su rotaia. Ancora, dà il via libera alle trivelle in mare (vedi Valori di novembre) e concede permessi gratuiti di emissioni di Co2 alla produzione termoelettrica.

Invertire la rotta
Eppure esempi positivi ci sono: la Germania, ad esempio. E anche l’Ue, spiega Boraschi, «indica obiettivi vincolanti su tre macro-aree: sostenere le rinnovabili, adeguare la rete elettrica per assimilarne lo sviluppo, investire sull’efficienza energetica. Soprattutto sul terzo bisogna ancora lavorare». Gli ostacoli ci sono, ma la prospettiva è obbligata. Tuttavia, precisa Boraschi, non si può andare avanti da soli: «Se le economie emergenti non prenderanno questa strada, ogni buona azione intrapresa dall’Europa conterà davvero poco nella lotta al climate change».



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Valentina Neri

No agli allevamenti intensivi: benessere animale e non solo 23 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Per salvare la campagna riscopriamo la città 3 APR 2015 ATTUALITà
Malati di gioco 2 MAG 2013 ATTUALITà
Sulla strada di un tessile green 28 MAR 2013 ATTUALITà
Ghiacciai in ritirata 25 GEN 2013 ATTUALITà
Quando sole e vento possono bastare 20 DIC 2012 ATTUALITà
Beni culturali: la miopia del Belpaese 18 DIC 2012 ATTUALITà
L’altra economia trova casa a Mestre 26 LUG 2012 ATTUALITà
Numeri Expo-nenziali e terreni che valgono oro 30 MAR 2012 ATTUALITà
Expo al bivio, tra verde e cemento 30 MAR 2012 ATTUALITà






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione