Denuncia sanitaria

25/08/2011

Si profilano effetti collaterali negativi per le case farmaceutiche?

di Redazione

Fonte: ccdu.org



soldi-salute
Si profilano effetti collaterali negativi per le case farmaceutiche?

USA: Nel 2006, The New York Review of Books ha riferito che Rebecca Riley, una bambina di 4 anni, era morta per gli effetti di due farmaci che le erano stati prescritti — Clonidina e Depakote.

Questi farmaci, insieme al Seroquel, erano stati prescritti a Rebecca , all'età di 2 anni, in seguito ad una diagnosi di disturbo di deficit dell’attenzione e iperattività (ADHD) e di disturbo bipolare. I tre farmaci non sono approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento dell'ADHD o trattamento a lungo termine del disturbo bipolare, né sono approvati per uso pediatrico.

Recentemente un articolo del New York Review of Books di Marcia Angell [1] sul trattamento della malattia mentale con psicofarmaci (farmaci che influenzano lo stato mentale) si indirizza a un problema che potrebbe un giorno rivelarsi molto importante per gli investitori in titoli farmaceutici. (Tutte le statistiche e le citazioni nel presente documento sono prelevati dall’articolo della Dr.ssa Angell.)

In America non è illegale per un medico prescrivere un farmaco per un uso non-approvato dalla FDA, ma un agente di marketing del farmaco non può legalmente incoraggiare un medico a farlo. I profitti in psicofarmaci, tuttavia, rendono allettante beffarsi della legge. Negli ultimi quattro anni, AstraZeneca (AZN), Pfizer (PFE), Eli Lilly (LLY), Bristol-Myers Squibb (BMY) e Forest Labs (FRX) hanno pagato centinaia di milioni di dollari in risarcimento per cause intentate dal governo federale in seguito a marketing di psicofarmaci per usi non approvati.

Vista la frequenza con cui questa norma sul marketing dei medicinali viene violata, la Dr.ssa Angell, docente di medicina sociale presso la Harvard Medical School ed ex redattore capo de “The New England Journal of Medicine”, sostiene il divieto di prescrivere farmaci psicoattivi per usi non approvati. Un tale divieto procurerebbe un grosso taglio in un’area di forte crescita per le aziende farmaceutiche, crescita sostenuta non dalla scoperta di farmaci di successo ma piuttosto ad un aumento straordinario nella porzione della popolazione, in particolare i bambini, a cui viene diagnosticata la malattia mentale. Ad esempio, se la diagnosi rispecchia l'incidenza effettiva del disturbo bipolare giovanile, quel tipo di disturbo è quadruplicato tra il 1993 e il 2004!

I disturbi mentali sono effettivamente aumentati così drasticamente? La Dr.ssa Angell suggerisce che lo tsunami di diagnosi rifletta piuttosto una strategia di marketing: la maggiore enfasi nel "parlare di terapia" dei farmaci. L'aumento della diagnosi è una manna per le case farmaceutiche: basti pensare che la nuova generazione di farmaci psicoattivi ha sostituito quelli per la riduzione del colesterolo come classe di farmaco più venduto negli Stati Uniti.

A peggiorare le cose vi sono gli effetti del Supplemental Security Income (SSI) - un programma di assistenza che stanzia dei fondi per le famiglie in base alla malattia mentale. Per accedere al programma, i pazienti (bambini inclusi) in generale devono dimostrare di assumere psicofarmaci. I genitori e i due fratelli di Rebecca Riley, la bambina di quattro anni morta per effetti dei farmaci somministrati per usi non approvati, erano tutti in cura con psicofarmaci e stavano ricevendo circa 30.000 dollari l'anno dall’SSI. La Dr.ssa Angell collega il sorprendente aumento nella diagnosi di alcune patologie mentali alle enormi partecipazioni finanziarie di medici, aziende farmaceutiche e destinatari del SSI.

Gli psicofarmaci sono in circolazione dagli anni cinquanta, ma i genitori possono facilmente osservare che il loro uso sui bambini è molto più diffuso di quanto fosse una generazione fa. Se dottori come Marcia Angell affermano che il cambiamento non è pienamente giustificato su un piano medico, nonostante i gravi rischi per la salute, è irrealistico aspettarsi una reazione dell'opinione pubblica un giorno o l’altro?

Forbes – 30 giugno 2011 di Martin Fridson

Info articolo: http://www.forbes.com/sites/investor/2011/06/30/bad-side-effects-ahead-for-pharma/

[1] Marcia Angell, "l'epidemia della malattia mentale: perché?" The New York Review of Books (23 giugno 2011), pp. 20-22 e "Le illusioni di Psichiatria" (14 luglio 2011), pp. 20-22. L'articolo è una rassegna di tre libri sulla pratica della psichiatria contemporanea da Irving Kirsch, Robert Whitaker e Daniel Carlat.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Anestesia integrata: paziente pluriallergica operata con elettroagopuntura e preparati omeopatici 8 GEN 2020 OMEOPATIA
Merendine e bevande, ‘senza zucchero’ non significa senza problemi 24 APR 2019 ALIMENTAZIONE
Spese mediche: in difficoltà 1 italiano su 5 8 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Burioni, Grillo e Renzi firmano patto per scienza. “Colossale presa in giro” 11 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, D'Anna (Biologi): "Basta chiacchiere e petizioni, scienziati e istituzioni tirino fuori analisi farmacovigilanza" 3 GEN 2019 VACCINAZIONI
Un Natale sereno anche per gli animali 21 DIC 2018 ANIMALI
Anche Nature riporta la notizia delle analisi del Corvelva sui vaccini 17 DIC 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: tutti i rapporti tra Ricciardi e le case farmaceutiche 10 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
In vaccino... veritas 7 DIC 2018 VACCINAZIONI
Vaccini pediatrici. La vittoria di Kennedy contro l’HHS 5 DIC 2018 VACCINAZIONI
La vita di Timothy Field Allen [Maestro dell'Omeopatia] 30 NOV 2018 OMEOPATIA
Omeopati: "Tra visite lampo e fake news medicina perde di vista l'uomo" 5 OTT 2018 OMEOPATIA
Vaccini: non basta l’efficacia, ci vuole anche la sicurezza 3 OTT 2018 VACCINAZIONI
Genova: medico minaccia di morte figli di genitori free-vax. Codacons lo denuncia in procura e all’ordine dei medici 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: Codacons pronto a denunciare l'associazione nazionale presidi 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
L'Omeopatia fa bene allo sport 27 LUG 2018 OMEOPATIA
Vaccini: Tribunale di Roma proscioglie Codacons e Carlo Rienzi da accuse di diffamazione mosse da Ricciardi 14 GIU 2018 VACCINAZIONI
Colpo di scena: Ricciardi apre all’Omeopatia istituendo un tavolo tecnico 1 GIU 2018 OMEOPATIA
Giornata Internazionale dedicata alla consapevolezza del danno da vaccino 1 GIU 2018 VACCINAZIONI
A chi fa tanto paura l’Omeopatia? 30 MAG 2018 OMEOPATIA
"L'omeopatia e le sue prime battaglie". Intervista al prof. Paolo Bellavite 18 MAG 2018 OMEOPATIA
Sospensione dell'obbligo vaccinale: la proposta di legge diventa realtà 16 MAG 2018 VACCINAZIONI
ADHD: “Aumento di diagnosi dovuto al marketing, non alla medicina” 27 APR 2018 INFANZIA
Il sindacato degli insegnanti prepara il ricorso contro il decreto Lorenzin 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Vaccini: istanza in caso di invito al centro vaccinale 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le analisi delle fiale dei vaccini 21 LUG 2017 VACCINAZIONI
Un’alternativa all’attuale decreto vaccini? "Ecco la nostra proposta" 14 LUG 2017 VACCINAZIONI
Decreto vaccini: interviene Franco Berrino 3 LUG 2017 VACCINAZIONI
Codacons, "un dirigente Glaxo può firmare atti pubblici?" 12 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini: il Codacons sta per svelare i documenti segreti dell'AIFA sulle reazioni avverse 29 MAG 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione






i più letti

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione