Omeopatia

Cos'è Dulcamara?


CATEGORIE: Omeopatia

Cos'è Dulcamara? - Rimedi Omeopatici
Dulcamara

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Solanum dulcamare
- Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia solanacee

DESCRIZIONE: la radica strisciante produce un fusto legnoso che spesso si attacca ai rami; le foglie sono alterne e hanno forme diverse, quelle più basse sono ellittiche, quelle più alte sono più strette e a punta; i fiori compaiono al culmine dell’estate, sono di colore rosso porpora con 5 petali rivolti verso il basso e antere giallo-oro; le bacche sono ovali e di colore rosso quando giungono a maturazione.

DISTRIBUZIONE: cresce sulle rive di corsi d’acqua, in luoghi incolti e umidi; è diffusa in Europa, in America del Nord e nelle regioni settentrionali dell’Asia.

CENNI STORICI: il nome deriva dal sapore dolce-amaro delle sue foglie; fu utilizzata nei tempi antichi per uso esterno in caso di herpes, ulcere e reumatismi.

PRINCIPI ATTIVI: è un glicoalcaloide, la solanina; è contenuto essenzialmente nel fusto e nei germogli.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Dulcamara utilizza la Tintura Madre ottenuta facendo macerare in alcool a 90° i fiori e i gambi raccolti prima della fioritura.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Cute: eruzioni polimorfe localizzate prevalentemente nei punti in cui l’epidermide è più sottile (viso, torace, pieghe articolari, genitali esterni).
- Mucose: infiammazioni di tipo catarrale che interessano essenzialmente il tratto rinotracheo-bronchiale, il tratto digerente e la vescica.
- Sistema linfatico: ipertrofia dei linfonodi.
- Apparato osteoarticolare: dolori reumatici localizzati prevalentemente alle anche, alle spalle, alle ginocchia e ai piedi.
- Sistema nervoso: fenomeni nevritici o paretici con interessamento elettivo del nervo facciale.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi acuti e cronici; nei soggetti linfatici, molto sensibili al freddo umido, predisposti a raffreddamenti, manifestazioni catarrali, eruzioni cutanee, ipertrofia dei linfonodi e affezioni reumatiche dopo esposizione al freddo e all’umidità.

QUADRO CLINICO
Insorge in seguito a esposizione al freddo, all’umidità e alle brusche variazioni di temperatura. E’ caratterizzato da: manifestazioni catarrali, eruzioni cutanee e affezioni reumatiche che spesso si alternano.
Dal punto di vista mentale si può sottolineare: l’indolenza, i deficit prestazionali, l’irritabilità, la capricciosità, l’irrequietezza e la frettolosità. I bambini sono piuttosto maleducati, capricciosi, disubbidienti e molto irritabili.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Aggravamento o comparsa dei sintomi con il freddo e l’umidità.
- Alternanza di eruzioni cutanee, dolori reumatici e diarrea.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Soggetti flemmatici, scrofolosi, poco vitali; bambini che detestano i dolci.
2 - Diversi disturbi (catarrali, reumatici, edematosi, ecc.) da esposizione al o peggiora dal clima freddo e umido (Lem-m, Nat-s.), specialmente cambiamenti improvvisi di temperatura durante la stagione calda (Bry.), peggiora di sera e di notte.
3 - Soppressione delle secrezioni o regressione di eruzioni provocate da aria umida o lavorando nell’acqua.
4 - Pelle delicata con tendenza all’orticaria in tutto il corpo, spesso prima delle mestruazioni; eruzioni vescicolari croniche che a volte arrivano ad ulcerarsi; verruche grandi, lisce e carnose.
5 - Paralisi di parti isolate del corpo, con senso di freddo localizzato.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 MUCOSE [bronchi; vescica; occhi]. DORSO [muscoli; LOMBI]. PELLE. Linfatici.
- Lateralità del rimedio: Lato sinistro. Lato destro.

EZIOLOGIA
Esposizione al freddo umido o soggiorno in luoghi umidi; raffreddamento dopo aver avuto troppo caldo; soppressione del sudore per effetto del freddo; soppressione di eruzioni cutanee.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: l’abulia, la capricciosità, l’aumento dell’attività motoria, un abbassamento del tono dell’umore e l’apatia. La scarsa volitività, l’indolenza e i deficit prestazionali gli impediscono di raggiungere gli obbiettivi atti a soddisfare i suoi molteplici desideri e comportano uno stato di insoddisfazione che alimenta una forte ansia nei confronti del suo futuro, un aumento dell’attività motoria e un abbassamento del tono dell’umore formato da malumore, irritabilità e apatia.

MODALITA'
• Peggioramento

RAFFREDDANDOSI, MENTRE È ACCALDATO. Improvvisi sbalzi di temperatura. FREDDO-UMIDO. Bevande fredde, gelati. Terreno umido, cantine, letti. Freddo ai piedi. Soppressione di secrezioni; eruzioni, sudore, ecc. Autunno. Di notte. A riposo. Traumi. Prima del temporale. Mercurio. Scoprendosi. Giorni molto caldi e notti fredde.
• Miglioramento
Muovendosi avanti ed indietro. Calore. Clima secco.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione