Denuncia sanitaria

Anoressia e abuso di alcol: anche in Italia è allarme 'drunkoressia'


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

anoressia
Oltre 200 mila donne in Italia soffrono di anoressia e bulimia

Astenersi dal cibo per abbuffarsi di alcol. Nato negli Stati Uniti, inizia ora a diffondersi anche tra le ragazze italiane il cosiddetto fenomeno della 'drunkoressia', un pericoloso connubio tra anoressia e alcol. Vittime di questo disturbo alimentare sono quei giovani che scelgono di digiunare dalle 24 alle 48 ore per poter poi consumare la sera alcolici senza correre il rischio di ingrassare. L'astinenza dal cibo, insomma, per bilanciare le quantità di calorie che attraverso un drink si possono assumere: un alcolico può arrivare a contenere circa 500 kcal.

A denunciare la spaventosa 'moda' proveniente da oltreoceano è l'associazione Codici che sottolinea che negli Stati Uniti “una ragazza su tre è pronta a ridurre drasticamente quanto mettere sul piatto pur di poter bere liberamente la sera e avere un fisico super magro”.

Digiuno e abuso di alcol creano così un cocktail pericolosissimo per la salute. L'organo più danneggiato è il fegato, che ha la funzione di metabolizzare l'alcool. Il rischio è quello di sviluppare forme di epatite alcoolica, di steatosi (fegato grasso ) o di cirrosi e tumore. Danni possono però essere provocati anche ai reni, al cuore, alla circolazione, ai denti, all'esofago, al sistema nervoso e cardiovascolare.

Il fenomeno della drunkoressia si somma così ai disordini alimentari che in Italia negli ultimi anni sono aumentati nettamente e colpiscono ogni strato sociale. Le statistiche e i dati sull’anoressia e bulimia in Italia confermano che almeno il 3 per cento della popolazione italiana soffre di disordini alimentari: oltre 200 mila donne in Italia sono colpite da questo genere di disturbi. A tali disordini si aggiunge il consumo di alcol dettato dalle mode del momento, come la nuova tendenza dell’aperitivo serale.

Come ha spiegato Monia Napolitano, sociologa di Codici “tra le teenagers è quasi un rituale indossare abiti mini e short cortissimi in occasione dell'happy hour. Ma se non hai la taglia 38, sei fuori dal gruppo”. Essere magre, dunque, sembra essere diventato un imperativo categorico che condiziona in maniera dominante lo stile di vita quotidiano. In questo contesto la pubblicità e la televisione giocano un ruolo fondamentale, trasmettendo messaggi spesso pericolosi e persuasivi”.

Ciò non vale soltanto per l'immagine femminile proposta dai mezzi di comunicazione, ma anche per gli spot che pubblicizzano alcolici. “Nonostante, in Italia, molte realtà comunali abbiano previsto delle restrizioni al consumo di alcol, il fenomeno non sembra arrestarsi. Oltre ad una adeguata campagna di prevenzione – continua Monia Napolitano - probabilmente bisognerebbe adottare nuove misure contro le pubblicità e i messaggi televisivi che veicolano stili di vita e modelli sbagliati. Ad oggi queste misure non sono state ancora adottate e i giovani possono guardare in televisione spot che pubblicizzano alcolici in cui non manca il riferimento al legame tra uso di sostanze alcoliche, successo nelle relazioni, senso di appartenenza all’interno del gruppo sociale e felicità della persona”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessia Ferla

Dal cioccolato alla barbabietola, dalla natura un valido aiuto contro le malattie 9 SET 2015 ALIMENTAZIONE
Kazakistan: il mistero dell'epidemia di sonno a Kalachi 27 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Non c'è posto in 3 ospedali di Catania. La neonata Nicole muore in ambulanza 13 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vitamina D: i consigli per fare il pieno in estate 6 GIU 2014 SALUTE
Torino: donna muore dopo aborto con Ru486. Si indaga sulle cause del decesso 11 APR 2014 ATTUALITà
Lazio: perché il parto in casa resta un miraggio? 31 MAR 2014 SALUTE
Sigarette: ecco le 40 malattie provocate dal fumo 24 GEN 2014 SALUTE
Erbe medicinali cinesi, un aiuto naturale contro il diabete 20 GEN 2014 SALUTE
Omeopatia, un valido aiuto contro ansia e disturbi del sonno 13 GEN 2014 OMEOPATIA
Sanità in tempi di crisi: gli italiani rinunciano a cure mediche e dentista 12 DIC 2013 SALUTE
7 Milioni di italiani saltano la colazione. Quali rischi per la salute? 5 DIC 2013 SALUTE
Epatite A: frutti di bosco surgelati sotto accusa 12 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Endometriosi e pesticidi, quale legame? 5 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Cavie umane in India, verso il blocco dei test sui farmaci 25 OTT 2013 DENUNCIA SANITARIA
Conflitto di interessi e sicurezza alimentare: Efsa sotto accusa 13 SET 2013 DENUNCIA SANITARIA
Ogm: il Senato approva la clausola di salvaguardia 23 MAG 2013 ALIMENTAZIONE
Multinazionali del cacao: Oxfam denuncia sfruttamento e discriminazione delle lavoratrici 5 APR 2013 ATTUALITà
Caro bebè, quanto mi costi? Ecco i modi per risparmiare 14 MAR 2013 INFANZIA
Scandali alimentari: si allarga il caso della carne di cavallo 19 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Romania: bimbi legati ai letti in ospedale pediatrico 6 FEB 2013 INFANZIA
Mare toscano: mercurio nel pesce 23 GEN 2013 DENUNCIA SANITARIA
Energy drink: in aumento i casi di emergenza 21 GEN 2013 DENUNCIA SANITARIA
Ginseng, l'alternativa naturale al Viagra 10 GEN 2013 SALUTE
Aflatossine nel latte: l'analisi di Altroconsumo 10 GEN 2013 SALUTE
Perché le diete falliscono? 8 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Abuso di analgesici: quali rischi? 12 DIC 2012 SALUTE
Sindrome di Quirra: riesumate altre salme 10 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Influenza: no all'abuso di antibiotici. Come prevenirla e curarla a tavola 22 NOV 2012 SALUTE
Fitness in piscina, toccasana per il cuore 16 NOV 2012 MEDICINA PREVENTIVA
Fukushima: alti livelli di radioattività nel pesce 13 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione