Vaccinazioni

Il dovere di ascoltare chi chiede "vaccini liberi"

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Vaccinazioni

Vaccinazioni
'Quando migliaia e migliaia di persone, madri, padri, bambini, nonni e nonne, scendono in piazza in così tante città italiane, prima di giudicare c'è una cosa da fare: ascoltare'

Quando migliaia e migliaia di persone, madri, padri, bambini, nonni e nonne, scendono in piazza in così tante città italiane, prima di giudicare c'è una cosa da fare: ascoltare. E questo compito spetta in primo luogo al governo. Che sicuramente ha il dovere di assumersi responsabilità e di prendere decisioni che possono apparire impopolari ad una parte degli italiani. Ma così come avviene per tutte le questioni di interesse collettivo, non si comprende perché non si possa fare anche e soprattutto sui problemi più delicati, che coinvolgono milioni di famiglie. Come appunto sono i vaccini, un "tema" ultra sensibile.

Ascoltare non vuol dire condividere. Non c'è alcun pericolo di "contagio" nel sentire cosa dicono questi cittadini, anche se, e senza dubbio, sono una minoranza, perché oltre il 90 per cento degli italiani è convintamente favorevole alle vaccinazioni. E siccome siamo in un momento cruciale per le scelte nazionali di politica vaccinale - il passaggio del decreto a legge - a maggior ragione il ministero della Salute dovrebbe incontrare i "free-vaxx". I quali, peraltro, giustamente protestano con chi li definisce contrari ai vaccini.

Da tempo sostengo che questa è una semplificazione, superficiale, escludente, che fa molto comodo a chi neanche lontanamente vuole sentire le ragioni dei genitori che protestano. Ma le madri, i padri oggi in piazza, amano i loro figli né più né meno dei genitori vaccinisti convinti. Però hanno qualche apprensione, qualche paura in più, perché magari i figli di loro amici sono rimasti danneggiati dai vaccini. In questi casi non basta dire "non abbiate paura", "i vaccini si fanno e basta", "i danni sono rarissimi". Bisogna compiere un passo più. Senza salire in cattedra per dire "con voi non ci parlo".

La necessità del confronto è fondamentale soprattutto adesso che si sta determinando una svolta forte nella politica vaccinale nazionale. Perché il decreto - sul quale ho già scritto e non mi dilungo - impone di eseguire 12 vaccini obbligatori. Ora a parte che metà Europa non ha obblighi, questa accelerata verso una profilassi totale, mette l'Italia praticamente al primo posto nel mondo per la quantità di vaccinazioni obbligatorie. E siccome nessuno ha spiegato le ragioni di questo improvviso - e secondo me improvvido - salto in avanti, si ha il dovere di sentire la voce dei cittadini.

Di solito chi governa è pronto ad ascoltare chi conta, come i partiti, i sindacati, le istituzioni..E gli italiani che si auto difendono non hanno alcun diritto? Possono esprimersi solo attraverso la Rete oppure con le manifestazioni di piazza?

Alle migliaia di persone che protestano, anche rumorosamente, non si può e non si deve sbattere la porta in faccia. Un simile comportamento sarebbe sbagliato e farebbe inasprire gli animi inutilmente. Come è sbagliato trattare questi cittadini da disinformati, anti vaxx, creduloni, complottisti, propagatori di bufale...Anche perché non stiamo parlando di ignoranti bensì di persone molto spesso acculturate.

A proposito di bufale, le bombe carta delle ultime ore non erano tali. Meglio così. Ma non erano fake news le minacce che sono, come ho già scritto, inaccettabili. Non c'è dubbio che qualcuno cerchi sempre di soffiare sul fuoco. E i comitati free-vaxx hanno preso chiaramente le distanze dai gesti violenti. L'augurio è che la situazione non si inasprisca. Per evitarlo serve l'impegno del governo, dei partiti, delle istituzioni sanitarie (talvolta arroccate in modo miope e indisponibili ad ogni discussione), di chi fa informazione (e spesso disinformazione), degli stessi free-vaxx. D'altronde stiamo parlando o no del più importante intervento di salute pubblica?



Hai un account google? clicca su:


Prodotti Consigliati
Le Vaccinazioni Pediatriche  Roberto Gava   Salus Infirmorum

Le Vaccinazioni Pediatriche

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale

Roberto Gava

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici, fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale, sull'utilizzo personalizzato dei vaccini e sul loro rapporto rischio/beneficio alla luce delle attuali condizioni socio-sanitarie e ambientali   Le vaccinazioni pediatriche, da… Continua »
Pagine: 1056, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
33,92 € 39,90 € (-15%)
 
Vaccini: si o no?  Stefano Montanari Antonietta M. Gatti  Macro Edizioni

Vaccini: si o no?

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini

Stefano Montanari, Antonietta M. Gatti

In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini Vaccini sì o vaccini no? Fare una scelta consapevole oggi è molto difficile. Ricevi quotidianamente innumerevoli informazioni dai giornali, nazionali e locali, dalle radio, dalla televisione e… Continua »
Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
7,90 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Tra redditi, pensioni, tasse la Sanità resta Cenerentola 21 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Torna la guerra sui vaccini ma ora è anche nel M5S 6 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità 16 MAG 2018 SALUTE
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Quelle voci della scienza che nessuno ha ascoltato 3 OTT 2017 VACCINAZIONI
La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La scienza non democratica e il popolo "ignorante" 9 SET 2017 VACCINAZIONI
Se "l'immunità di gregge" diventa merce di scambio 28 AGO 2017 VACCINAZIONI
La guerra sui vaccini ha scavato un grande solco 18 AGO 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione