Denuncia sanitaria

Doping e integratori: sostanze vietate facilmente acquistabili su Internet

Fonte: Il fatto alimentare


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

doping
Doping e integratori: sostanze vietate facilmente acquistabili su Internet

Il loro utilizzo è vietato in Italia e in molti Paesi europei, eppure da anni giovani e adulti che frequentano le palestre acquistano su Internet integratori alimentari: basta collegarsi al sito di Amazon (gigante delle vendite online) e scegliere il prodotto desiderato. In molti casi però non si tratta di semplici integratori ma di pillole con principi attivi utilizzati per i farmaci. 

Gli acquisti on line crescono continuamente in quanto l’acceso alla rete è semplice, i prodotti funzionano e il mercato è poco controllato. Secondo stime attendibili, la sezione degli integratori comprende 148.000 referenze acquistabili senza problemi dai cittadini italiani. L'operazione è permessa in quanto gli integratori risultano almeno in parte conformi alla normativa inglese che però su alcuni aspetti differisce sostanzialmente da quella vigente nel nostro Paese. Esistono anche società di e-commerce specializzate in integratori che operano indisturbate dal Portogallo e dalla Slovenia perché vendono in altre nazioni e ciò impedisce alle autorità locali l'adozione di misure restrittive. 

Visitando il sito di Amazon si notano barattoli di multivitaminici (spesso con dosaggi da cavallo) e molti prodotti dai nomi insoliti a base di principi attivi ben conosciuti dagli giovani atleti. La normativa prevede la presenza di informazioni precise sull’integratore, con la descrizione completa delle diciture riportate sull’etichetta. Ciò però non sempre avviene e su Amazon si trovano centinaia di barattoli privi di indicazioni sugli ingredienti, sulla composizione e senza le modalità d’uso.

“Stiamo monitorando insieme ai Nas la situazione – ha spiegato Simona Pichini ricercatrice del Dipartimento del Farmaco dell’Istituto superiore di sanità.  Il problema non riguarda solo gli integratori ma anche psicofarmaci, ormoni, Viagra e anche sostanze classificate come droghe. Le questioni sono complesse perché il  dosaggio sovente risulta diverso rispetto a quello dichiarato (sia in eccesso sia in difetto). La situazione degli integratori è forse quella meno grave, visto che il 90%  dei prodotti venduti su internet sono mutivitaminici e altri prodotti correnti, mentre nella rimanente quota troviamo pre-ormoni e sostanze dopanti. Il mercato è in espansione perché le pilloline costano meno rispetto ai listini italiani, non bisogna  andare dal medico per la ricetta e si può fare l’autoprescrizione. Per contro c’è il grosso problema  dei dosaggi scorretti e quello della  purezza di principi attivi oltre all’assenza del controllo medico  assolutamente necessario quando si usano certi prodotti”.

Ecco alcuni esempi di integratori acquistabili on line.

1) Pre Work Oyt Powder: è uno dei prodotti più venduti nella sezione Health-Supplements di Amazon ed è presentato come potenziatore della massa e della forza muscolare. Contiene metilexaneamina, una sostanza vietata in Italia perché dopante.

2)  Il DHEA: sigla ben nota agli addetti ai lavori perché indica uno steroide endogeno utilizzato illegalmente per ingrassare i bovini negli allevamenti.

3) Stimolanti del testosterone senza informazioni sugli ingredienti o sulle avvertenze d’uso.

4) Integratori con efedrina, un farmaco broncodilatatore considerato sostanza dopante, vietata anche in USA .

5) In rete si trova anche il sito in italiano Prozis che ha sede in Portogallo, ma opera a livello mondiale. La sezione dedicata agli integratori per lo sport sia  classificata con la frase "malattia prevenzione e trattamento" che è assolutamente vietata dalla normativa di legge.

6) Un altro sito italiano, però allocato in Slovenia, è Musclenutrition, da dove vende un ricco campionario di integratori proibiti.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

L'allattamento esclusivo al seno eviterebbe 820.000 decessi 17 LUG 2019 INFANZIA
Così i social media aumentano la depressione degli adolescenti 17 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cartello sui farmaci: il Consiglio di Stato conferma la condanna a Roche e Novartis 17 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Alzheimer: dipende dai geni o dallo stile vita? 15 LUG 2019 SALUTE
Dieci consigli per combattere la stanchezza estiva 15 LUG 2019 SALUTE
Pfas: dirigenti della Miteni rinviati a giudizio per disastro e avvelenamento 12 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Dna dei centenari può ringiovanire il cuore 12 LUG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Le bevande zuccherate possono aumentare il rischio tumori 12 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Alcuni cibi aumentano il rischio di scottature 10 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Da oggi in Europa solo pesce d'importazione 10 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Infarto? Ogni minuto conta 8 LUG 2019 SALUTE
La musica che amiamo è un antidoto allo stress 8 LUG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L'Austria vieta il glifosato 5 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bimbi sicuri al mare e in piscina: come evitare i rischi 2 LUG 2019 INFANZIA
Perché e come assumere sali minerali in estate 2 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Centinaia di bambini pakistani contraggono l'HIV. Siringhe usate sotto accusa 1 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come prevenire l'orticaria in estate 1 LUG 2019 SALUTE
Ricerca sul cancro: documenti ritoccati. Ma in Italia non è reato 1 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Medicinali omeopatici. Commissione UE dice NO a proposta di cambiargli nome da 'farmaci' a 'sostanze' 28 GIU 2019 OMEOPATIA
PFAS: in peggioramento lo stato di qualità di molti fiumi 28 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Omeopatia ha il patrocinio del principe Carlo 28 GIU 2019 OMEOPATIA
Bambini: gli sport consigliati in caso di asma 28 GIU 2019 INFANZIA
Un batterio killer ha scatenato un'epidemia nel Regno Unito. Già 12 i morti 28 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le polveri sottili riducono la fertilità delle donne 26 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Rosso pesticidi: cosa c'è dentro i pomodori che mangiamo? 26 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Omeopatia. Un medico di famiglia su cinque la prescrive 24 GIU 2019 OMEOPATIA
Una persona su tre nel mondo senza acqua potabile sicura 24 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come l'ipermedicalizzazione fa male alla salute 19 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Infezioni resistenti: in viaggio le contraggono 500mila italiani! 19 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il cibo contaminato provoca 200 malattie e 420mila morti ogni anno 19 GIU 2019 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione