Alimentazione

I dolcificanti artificiali sono amici della linea?


CATEGORIE: Alimentazione

bilancia peso
Gli studi evidenziano che le bibite e i cibi light fanno aumentare la probabilità di accumulare i chili di troppo

Ammettiamolo. Una delle fantasie proibite di molte persone è …. Si, proprio quella, uhm… Ma che avete capito? Niente a che fare col sesso! Mi riferisco al desiderio di far fuori mega porzioni di dolci senza sensi di colpa, senza la paura che l’ago della bilancia salga e con esso pure la ciccia. A tal proposito, una delle domande che un nutrizionista si sente porre spesso è: “ma se uso il dolcificante ipocalorico al posto dello zucchero, non ingrasso vero?”.

Essendo molto più dolce rispetto al comune zucchero, per ottenere la stessa dolcezza, è possibile usarne una quantità sensibilmente inferiore, a discapito del gusto - si intende - perché è innegabile che il sapore e il retrogusto che caratterizza i dolcificanti artificiali risulta poco o per nulla gradevole alla maggior parte dei consumatori di questi prodotti.

Sono anni che la pubblicità ci tenta con l’acquisto di bibite e alimenti light con edulcoranti, proposti come amici della linea e della salute, da consumare liberamente e che contengono aspartame, saccarina, acesulfame, ciclamato, sucralosio ecc., al posto del perfido saccarosio, lo zucchero da tavola stimolatore di odiose maniglie dell’amore e coulotte de cheval. E chi sono i testimonial di queste golosità innocenti? Ovviamente tutte persone senza problemi di linea, che trasudano salute, gioia di vivere, energia. Ma sì, a tutta cola e aranciata light, tanto non si ingrassa, verrebbe da dire! Ma è proprio così? La risposta, sulla base di evidenze scientifiche è chiaramente negativa.

Infatti, gli studi evidenziano che le bibite e i cibi light fanno aumentare la probabilità di accumulare i chili di troppo. Analizzando le risposte ormonali all’assunzione di dolcificanti e di saccarosio, diversi ricercatori hanno infatti scoperto che i primi, a differenza del secondo, non scatenano la produzione di insulina, grelina e altre sostanze implicate con un ruolo chiave nel metabolismo degli zuccheri, importanti per stimolare le sensazioni di appetito e sazietà.

Studi di imaging cerebrale hanno verificato che l’attivazione dei centri del piacere e di altre aree del cervello, che si verifica dopo l’assunzione del normale zucchero da cucina (saccarosio), non si osserva se questo è sostituito con i dolcificanti, oppure presenta importanti differenze. Il sospetto è che con un consumo continuativo dei sostituti del saccarosio, il cervello perda l’abitudine di associare il gusto dolce all’ingresso nell’organismo di calorie, e che i dolcificanti determinino un senso inappagato di fame, che spinge poi a mangiare di più.

Sebbene i risultati delle indagini non siano sempre inequivocabili, il loro insieme indica che chi assume abitualmente bibite e cibi con edulcoranti non è più magro di chi consuma con la stessa regolarità prodotti similari, ma contenenti saccarosio. Inoltre, nei due gruppi è analogo il rischio di sviluppare diabete di tipo II, sindrome metabolica, malattie cardiovascolari. Inoltre, permangono forti dubbi sulla correlazione tra rischio tumori e altre malattie e il consumo di queste sostanze.

A questo punto la domanda è lecita: perché consumare dolcificanti artificiali, visto che non apportano vantaggi evidenti per la linea e possono risultare nocivi per la salute? Meglio concedersi un po’di dolcezza al naturale, ridurre il consumo di bibite e dolci e magari, imparare a prepararli in casa nel modo più sano possibile. Il buon senso, la fantasia e la moderazione premiano sempre anche a tavola!



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione