Salute

Fumo: sigarette elettroniche vietate ai minori di 16 anni


CATEGORIE: Salute

sigaretta elettronica
Da oggi i minori di 16 anni non potranno più acquistare la sigaretta elettronica

Da oggi i minori di 16 anni non potranno più acquistare la sigaretta elettronica, il cui consumo, risulta in crescita. Lo stabilisce un'ordinanza del ministero della Salute nella quale si paventa il rischio che la nicotina possa indurre a forme di dipendenza nei giovani.

Secondo il direttore dell'Osservatorio fumo, alcol e droghe dell'Istituto superiore di sanità, Piergiorgio Zuccaro “è giusto che non vengano vendute ai minori perché, come le normali sigarette per le quali la vendita ai minori è già vietata, contengono nicotina”. L'ordinanza secondo l'esperto costituisce “una misura di cautela, dal momento che sulle sigarette elettroniche non sono stati fatti sufficienti test di efficacia e sicurezza”.

Il divieto all'acquisto della sigaretta elettronica arriva in seguito a varie polemiche sulla reale efficacia di questo strumento.

Nel 2010 l'Organizzazione mondiale della Sanità ha emesso una 'sentenza di condanna' affermando che le sigarette elettroniche contengono troppi additivi chimici e in realtà non aiutano a smettere di fumare. Inoltre sempre nel 2010 il procuratore torinese Raffaele Guariniello ha aperto un fascicolo per indagare sulla presenza nelle sigarette elettroniche di nicotina, documentata da varie analisi. Contrari sono anche i medici i quali sostengono che sulle sigarette elettroniche non sono stati fatti studi scientifici di efficacia e di non pericolosità e pertanto non si può escludere che esse inducano ad un rischio di dipendenza o intossicazione da nicotina.

Intanto una ricerca del Censis, su incarico di British American Tobacco Italia presentata ieri a Roma nell'ambito del convegno “Tabacco, regole e mercato” rivela che gli italiani risultano  fortemente consapevoli dei rischi per la salute derivanti dal fumo.

Come affrontare però la questione dei consumi di prodotti da tabacco? Su questo punto l'opinione pubblica appare divisa. Per il 35% degli intervistati un cittadino adulto e informato deve essere libero di scegliere. Il 18% sposa una linea 'proibizionista' e ritiene che la vendita delle sigarette dovrebbe essere limitata e progressivamente vietata per tutelare la salute. L'opzione prevalente (46%) è però quella 'pragmatica', per cui a fronte dei rischi è meglio che il commercio sia legale, controllato e tassato.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA
Frutta e verdura fanno bene anche all'umore 20 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
A che ora è meglio mangiare per proteggere il cuore? 17 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
“Basta cellulari ai bambini”: i pediatri lanciano l'allarme 17 MAR 2017 INFANZIA
Quali sono i benefici della dieta "mima-digiuno"? 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Menopausa: ecco cosa mangiare per rafforzare le ossa 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Bambini: troppo fruttosio è come l'alcol per il fegato 13 MAR 2017 INFANZIA
L'agopuntura previene l'emicrania senza aura 13 MAR 2017 SALUTE
Sostanze tossiche negli imballaggi: ecco gli alimenti a rischio 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura: ecco la quantità giusta per vivere più a lungo 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Cancro al colon-retto, quanto incide lo stile di vita? 8 MAR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro: contro la fatica lo sport è meglio dei farmaci 8 MAR 2017 SALUTE
Mirtilli per la memoria, un elisir di giovinezza 8 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Glifosato: anche la Toscana verso il bando 6 MAR 2017 SALUTE
Dieci consigli per vivere dieci anni più a lungo 6 MAR 2017 SALUTE
L'inquinamento uccide 1,7 milioni di bambini l'anno nel mondo 6 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotico-resistenza: la lista dei 12 batteri più pericolosi 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: quanto cibo buttiamo e perché? 3 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Pfas in Veneto: analisi sui pozzi e controlli per 80mila cittadini 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Asma e psoriasi: nella prugna una potente arma 1 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Coloranti e allergeni, come leggere l'etichetta? 27 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Bronchiti: “gli antibiotici non servono e aggravano un problema mondiale” 27 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come rafforzare le difese immunitarie dei bambini? 24 FEB 2017 INFANZIA
Europa: resta alta la resistenza agli antibiotici 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: nel sangue dei 14enni valori 30 volte superiori la media 24 FEB 2017 SALUTE
Gastroscopie e colonscopie: 500 mila esami inutili ogni anno 22 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bevi troppo alcol? Ecco cosa rischi 22 FEB 2017 SALUTE
La dieta mediterranea combatte anche la depressione 22 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Disabile dopo il vaccino: un'altra famiglia chiede giustizia 22 FEB 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione