Alimentazione

Diete 'fai-da-te': boom fra adolescenti italiani


CATEGORIE: Alimentazione

bilancia
È allarme in Italia per le 'diete fai-da-te'

È allarme in Italia per le 'diete fai-da-te' alle quali si affidano sempre più adolescenti per perdere peso. Secondo quanto emerge da un'indagine del  Centro Studi Tisanoreica, in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova,  il 68 per cento degli adolescenti italiani ha sperimentato cure dimagranti improvvisate e senza assistenza medica.

Si tratta di un fenomeno che sta conoscendo una crescita vertiginosa: nel 2010 oltre un ragazzo su cinque, di età compresa fra i 13 e i 19 anni, dichiara di aver seguito una dieta dimagrante, ma solo il 32 per cento si è rivolto a un medico per perdere peso. Regimi alimentari rigidi ma non controllati - che spesso coincidono con un digiuno totale e prolungato - sono stati sperimentati dal 35 per cento dei ragazzi e dal 43 per cento delle ragazze.

Le conseguenze sono spesso molto gravi: in primis disturbi alimentari come anoressia e bulimia. Inoltre i due terzi dei giovani che hanno seguito regimi dietetici “fai-da-te” non solo hanno ripreso il proprio peso ma, nel giro di qualche anno, si sono ritrovati più grassi di prima a causa del classico effetto yo-yo.

Ma in cosa consistono le diete fai-da-te? Tra i rimedi prediletti e improvvisati dai teenager vanno per la maggiore i regimi alimentari di moda oltreoceano: la dieta “dissociata”, carboidrati a pranzo e proteine a cena; “la dieta Beverly hills”, solo frutta per 10 giorni; “la dieta del minestrone”, zuppa a colazione, pranzo e cena; o la “dieta dell’ananas”. Ingredienti fondamentali di queste dieta sono alimenti apparentemente innocui ma che possono rivelarsi pericolosi nemici della salute, proprio perché la loro esclusiva assunzione priva della razione alimentare quotidiana di sostanze invece indispensabili.

Il risultato è che per molti di questi ragazzi si verificano scompensi nell'alimentazione. L'indagine rivela poi che la maggiorparte dei ragazzi approccia diete sconsiderate senza valutare i conseguenti danni irreparabili al metabolismo (come rilevato dal 34 per cento degli intervistati), il rischio di danneggiare i reni (28 per cento) o di complicazioni per la pressione (21 per cento), ai quali si sommano scompensi psicologici, come ansia (27 per cento) e persino gravi stati depressivi (21 per cento).

Come rilevato dall'Organizzazione mondiale della sanità, i disturbi alimentari costituiscono uno dei pericoli maggiori di questo secolo. Dei 57 milioni di morti all'anno per cause legate alla salute, il 59 per cento è imputabile a malattie derivanti da un errato stile alimentare.

“Nell’ottica di un rapporto sempre più stringente tra malattia ed errata alimentazione – ha spiegato Gianluca Mech, a capo di AssoTisanoreica e promotrice del progetto - il ruolo del medico di famiglia è divenuto un cardine nella prevenzione delle patologie croniche. Il medico di base, a continuo e diretto contatto con il paziente-consumatore, è il punto di riferimento privilegiato per una corretta ed efficace comunicazione, dato l’elevato gradimento di cui gode. Proprio per questo è necessario che questa figura sia in prima linea nell’orientare correttamente i comportamenti alimentari delle famiglie”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Salute del cuore: sette regole da seguire 28 GIU 2017 SALUTE
Diciannovenni sedentari come i sessantenni 26 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Caldo: cinque consigli per proteggere i bambini 26 GIU 2017 INFANZIA
Broccoli: un aiuto naturale contro il diabete 26 GIU 2017 SALUTE
Cancro al fegato: l'inquinamento riduce l'aspettativa di vita 23 GIU 2017 SALUTE
“Clinica degli orrori”: annullato l'ergastolo di Brega Massone 23 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Decreto vaccini: ecco le modifiche in vista 23 GIU 2017 VACCINAZIONI
L'attività fisica previene la depressione post partum 22 GIU 2017 SALUTE
Biologico: importanza riconosciuta dall'Onu 22 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Antibiotici: quanti eventi avversi nei pazienti ospedalizzati? 22 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Svizzera: cure omeopatiche rimborsate a tempo indeterminato 21 GIU 2017 OMEOPATIA
Lisomucil, ritirati alcuni lotti dello sciroppo per la tosse 21 GIU 2017 SALUTE
Sentenza della Corte Ue: “il vaccino può essere causa di una malattia” 21 GIU 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, no all'imposizione: Liguria e Veneto contro il decreto 16 GIU 2017 VACCINAZIONI
Cipolla rossa, un'arma naturale contro il cancro 14 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Le fibre alimentari proteggono le ginocchia 14 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Correre fa bene anche alla schiena 12 GIU 2017 SALUTE
Sanità: 22 miliardi di sprechi nel 2016 12 GIU 2017 SALUTE
Malattie croniche: l'omeopatia migliora la salute e riduce il consumo di farmaci 12 GIU 2017 OMEOPATIA
Antibiotico resistenza: le associazioni scrivono al ministro Lorenzin 12 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori, Zaia: “Coercizione ed eccessivo allarme” 9 GIU 2017 VACCINAZIONI
Smog: quali effetti sul cervello dei bambini? 8 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Zucchero, Corte di giustizia Ue: il consumatore va informato sui rischi 8 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Mangiare tardi la sera: ecco perché fa male 8 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Una petizione contro il decreto Lorenzin 8 GIU 2017 VACCINAZIONI
Cancro all'endometrio: l'allattamento al seno riduce il rischio 7 GIU 2017 SALUTE
Consumo di cannabis: Italia seconda in Europa 7 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccino e grave patologia: riconosciuto nesso e indennizzo 7 GIU 2017 VACCINAZIONI
Tre milioni di italiani soffrono di disturbi alimentari 5 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura di stagione: cosa portare in tavola a giugno 5 GIU 2017 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione