Alimentazione

Diete 'fai-da-te': boom fra adolescenti italiani


CATEGORIE: Alimentazione

bilancia
È allarme in Italia per le 'diete fai-da-te'

È allarme in Italia per le 'diete fai-da-te' alle quali si affidano sempre più adolescenti per perdere peso. Secondo quanto emerge da un'indagine del  Centro Studi Tisanoreica, in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova,  il 68 per cento degli adolescenti italiani ha sperimentato cure dimagranti improvvisate e senza assistenza medica.

Si tratta di un fenomeno che sta conoscendo una crescita vertiginosa: nel 2010 oltre un ragazzo su cinque, di età compresa fra i 13 e i 19 anni, dichiara di aver seguito una dieta dimagrante, ma solo il 32 per cento si è rivolto a un medico per perdere peso. Regimi alimentari rigidi ma non controllati - che spesso coincidono con un digiuno totale e prolungato - sono stati sperimentati dal 35 per cento dei ragazzi e dal 43 per cento delle ragazze.

Le conseguenze sono spesso molto gravi: in primis disturbi alimentari come anoressia e bulimia. Inoltre i due terzi dei giovani che hanno seguito regimi dietetici “fai-da-te” non solo hanno ripreso il proprio peso ma, nel giro di qualche anno, si sono ritrovati più grassi di prima a causa del classico effetto yo-yo.

Ma in cosa consistono le diete fai-da-te? Tra i rimedi prediletti e improvvisati dai teenager vanno per la maggiore i regimi alimentari di moda oltreoceano: la dieta “dissociata”, carboidrati a pranzo e proteine a cena; “la dieta Beverly hills”, solo frutta per 10 giorni; “la dieta del minestrone”, zuppa a colazione, pranzo e cena; o la “dieta dell’ananas”. Ingredienti fondamentali di queste dieta sono alimenti apparentemente innocui ma che possono rivelarsi pericolosi nemici della salute, proprio perché la loro esclusiva assunzione priva della razione alimentare quotidiana di sostanze invece indispensabili.

Il risultato è che per molti di questi ragazzi si verificano scompensi nell'alimentazione. L'indagine rivela poi che la maggiorparte dei ragazzi approccia diete sconsiderate senza valutare i conseguenti danni irreparabili al metabolismo (come rilevato dal 34 per cento degli intervistati), il rischio di danneggiare i reni (28 per cento) o di complicazioni per la pressione (21 per cento), ai quali si sommano scompensi psicologici, come ansia (27 per cento) e persino gravi stati depressivi (21 per cento).

Come rilevato dall'Organizzazione mondiale della sanità, i disturbi alimentari costituiscono uno dei pericoli maggiori di questo secolo. Dei 57 milioni di morti all'anno per cause legate alla salute, il 59 per cento è imputabile a malattie derivanti da un errato stile alimentare.

“Nell’ottica di un rapporto sempre più stringente tra malattia ed errata alimentazione – ha spiegato Gianluca Mech, a capo di AssoTisanoreica e promotrice del progetto - il ruolo del medico di famiglia è divenuto un cardine nella prevenzione delle patologie croniche. Il medico di base, a continuo e diretto contatto con il paziente-consumatore, è il punto di riferimento privilegiato per una corretta ed efficace comunicazione, dato l’elevato gradimento di cui gode. Proprio per questo è necessario che questa figura sia in prima linea nell’orientare correttamente i comportamenti alimentari delle famiglie”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Ordine dei Medici di Roma: “Nessuna vaccinazione senza il consenso dei genitori” 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Autismo: le vitamine in gravidanza riducono il rischio 19 OTT 2017 AUTISMO
Smog: picco in anticipo in 24 città 19 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Giocare a calcio allunga la vita e rallenta l'invecchiamento 17 OTT 2017 SALUTE
Allergia al nichel: aumentano i casi 17 OTT 2017 SALUTE
Ansia e depressione colpiscono 6 milioni di italiani 16 OTT 2017 SALUTE
Carne: il consumo eccessivo mette a rischio la biodiversità 13 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Cancro e nuovi farmaci, migliorano davvero la qualità della vita? 11 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Zucchero: se troppo è pericoloso anche per chi è sano 11 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Il cibo contaminato provoca 420mila morti ogni anno 9 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Depressione: una sola ora di attività fisica a settimana può prevenirla 9 OTT 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Ecco le 10 procedure mediche inutili o dannose 9 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Tè nero, un alleato per la perdita di peso 6 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Miele: il 75% è contaminato da pesticidi 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Autunno: sette regole anti-malanni di stagione 6 OTT 2017 SALUTE
Declino cognitivo? Gli animali domestici aiutano gli anziani 3 OTT 2017 SALUTE
Sauna, un rimedio naturale contro la pressione alta 2 OTT 2017 SALUTE
America, allarme allergie ai cibi: cosa sta succedendo? 2 OTT 2017 ALIMENTAZIONE
Autunno: i super cibi di stagione che fanno bene alla salute 29 SET 2017 ALIMENTAZIONE
L'inquinamento mette a rischio anche i reni 29 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Svelato il rapporto che evidenzia l’occultamento delle morti infantili post vaccinali 29 SET 2017 VACCINAZIONI
Frutta secca contro l'obesità 27 SET 2017 ALIMENTAZIONE
Ospedali in bancarotta (e sempre meno risorse al SSN) 27 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci online: maxi sequestro e 400 arresti 27 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La tragedia silenziosa che sta colpendo i bambini di oggi 25 SET 2017 INFANZIA
Emergenza Pfas in Veneto, chi paga per l'inquinamento? 25 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Via libera al CETA: a rischio cibo e salute 22 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
I presidi delle scuole di Bologna: "Vaccini, troppe responsabilità per noi" 22 SET 2017 VACCINAZIONI
Un milione di mamme vittima di violenza ostetrica 22 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
Dormire bene: ecco il segreto della felicità 20 SET 2017 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione