Denuncia sanitaria

Diciannovenni sedentari come i sessantenni


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

adolescenti sedentari
I diciannovenni di oggi sono sedentari come i sessantenni. Il preoccupante dato emerge da un recente studio

I diciannovenni di oggi sono sedentari come i sessantenni. Il preoccupante dato emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Preventive Medicine e condotto dai ricercatori del National Institute on Aging e della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora (Usa).

Gli autori hanno esaminato i dati raccolti dal National health and nutrition examination survey nei bienni 2003-2004 e 2005-2006. L’indagine aveva coinvolto complessivamente 12.529 persone, che erano state invitate a indossare un dispositivo per il monitoraggio dell’esercizio fisico per una settimana. Lo strumento era in grado di registrare quanto tempo i partecipanti fossero rimasti inattivi o fossero stati impegnati in attività leggere, moderate o impegnative.

Gli studiosi hanno quindi suddiviso i volontari in cinque gruppi, in base alla loro età: bambini (dai 6 agli 11 anni); adolescenti (dai 12 ai 19 anni); giovani adulti (dai 20 ai 29 anni); adulti (dai 31 ai 59 anni) e anziani (dai 60 agli 84 anni). Il 49% dei partecipanti era costituito da maschi, mentre il resto da femmine.

E' così emerso che le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) - che raccomandano ai bambini e agli adolescenti di età compresa tra 5 e 17 anni di svolgere almeno 60 minuti di attività fisica moderata o intensa al giorno – risultavano inascoltate. Gli studiosi infatti hanno constatato che più del 25% dei bambini e oltre il 50% delle bambine di età compresa tra 6 e 11 anni, e più del 50% dei ragazzi e oltre il 75% delle ragazze di età compresa tra 12 e 19 anni si esercitavano meno di un’ora al giorno. In particolare, i livelli di attività rilevati nei soggetti di 19 anni erano equiparabili a quelli osservati nelle persone di 60 anni.

"I livelli di attività riscontrati alla fine dell'adolescenza erano bassi in modo allarmante, e all'età di 19 anni erano comparabili a quelli rilevati tra le persone di 60 anni – spiega Vadim Zipunnikov, che ha coordinato lo studio -. Tra i bambini in età scolare, la principale fascia oraria in cui veniva svolta attività fisica era il pomeriggio tra le 14 e le 18. Pertanto, il quesito è come modificare gli orari delle attività quotidiane, per esempio nelle scuole, per favorire un aumento dello svolgimento dell’esercizio fisico?".

I ricercatori hanno osservato che l’unico gruppo che svolgeva quotidianamente un’elevata attività fisica era quello costituito dai giovani adulti, che rispetto ai bambini e agli adolescenti erano molto attivi tutto il giorno, soprattutto nella prima parte della mattinata. Ciò secondo gli autori potrebbe essere dovuto al fatto che a quest’età le persone iniziano a svolgere un lavoro a tempo pieno o attraversano altre fasi di transizione.

È emerso inoltre che in tutti i gruppi i maschi svolgevano livelli di attività fisica (soprattutto ad alta intensità) più elevati rispetto alle femmine. Tuttavia, dopo la mezz’età l’esercizio svolto dagli uomini si riduceva in modo significativo, tanto che tra gli adulti di età superiore a 60 anni i maschi erano più sedentari e praticavano livelli di attività fisica più leggeri rispetto alle donne.

Lo studio conferma che l’aumento dell’inattività tra i più giovani starebbe contribuendo alla diffusione dell’obesità. Bambini e adolescenti, di conseguenza, potrebbero trarre giovamento da una riduzione dei comportamenti sedentari e dallo svolgimento di esercizi fisici a bassa intensità.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

La frutta secca col guscio protegge il cuore 17 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
I contraccettivi ormonali possono provocare l'ictus? 17 NOV 2017 SALUTE
Diabete in drammatico aumento nel mondo 17 NOV 2017 SALUTE
Antibiotici: l'Italia è il Paese con il maggior consumo 17 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Dieta mediterranea: un'alleata contro il tumore al pancreas 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
L'agricoltura biologica potrebbe sfamare il mondo 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Glaucoma, lo sport fa bene anche alla vista 15 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smog: “il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Resistenza agli antibiotici: “è crisi globale” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Mal di schiena? Si combatte con l'esercizio fisico 13 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smartphone prima di dormire: ecco perché fa male ai bambini 13 NOV 2017 INFANZIA
Glifosato: i Paesi Ue dicono "no" al rinnovo dell'autorizzazione 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza: 1 mamma su 4 non perde il vizio del fumo 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Le patatine fritte sono cancerogene? 10 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol: anche il consumo moderato aumenta il rischio di tumori 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Broccoli, una possibile cura per la degenerazione maculare 8 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Antibiotici, Oms: stop a uso in animali d'allevamento 8 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di deficit di attenzione e iperattività nei bambini 6 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Un'alimentazione corretta può rallentare l'Alzheimer? 6 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi in frutta e verdura compromettono la fertilità 6 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Cuore: meno rischi con poco sale e più spezie 3 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Decine di pesticidi nelle acque dell'Emilia-Romagna 3 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Shiatsu, un rimedio contro l'emicrania 3 NOV 2017 SALUTE
Glifosato al voto Ue: ipotesi rinnovo di 5 anni 30 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: è allarme per i troppi farmaci 30 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bambini iperattivi o malati immaginari? La “mania da neuropsichiatra” dilaga in Italia 27 OTT 2017 INFANZIA
Bimbo muore di meningite. Era vaccinato 27 OTT 2017 VACCINAZIONI
Basta Pfas in Veneto: consegnate le firme 27 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotici: inutili per buona parte dei pazienti 25 OTT 2017 SALUTE
Nuove droghe: disturbi psichiatrici per 40mila giovani 25 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione