Denuncia sanitaria

Pillola Diane 35: dopo la Francia, altri Paesi verso il divieto


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

diane 35
Diane-35 è un farmaco dei Laboratori Bayer usato come anti-acne ma spesso anche come contraccettivo

L'Agenzia nazionale francese sulla Sicurezza dei Farmaci (Anms) ha annunciato la decisione di sospendere le vendite della Diane-35, farmaco dei Laboratori Bayer usato come anti-acne ma spesso anche come contraccettivo. L'annuncio dell'Anms è stato dato dopo che il decesso di 4 persone morte negli ultimi 25 anni è stato collegato all'uso della pillola.

La sospensione delle vendite del farmaco entrerà in vigore entro tre mesi, in modo da consentire alle donne di passare ad un altro trattamento. L'Anms ha reso noto lunedì che la morte di 4 donne, in una data non precisata, era da imputare a una trombosi venosa legata al consumo del farmaco.

Secondo l'Anms, il consumo del farmaco potrebbe moltiplicare per quattro il rischio di aver problemi tromboembolici; e anche se questo rischio va associato ad altri fattori (e non esclusivamente al consumo del Diane-35), si è deciso di ritirare l'autorizzazione di vendita e allertare gli altri organismi europei sull'"imminenza" della decisione.

In Gran Bretagna ha destato molto clamore il caso di una sedicenne morta dopo che aveva cominciato ad assumere la Diane dopo un’acne persistente, dovuta proprio all’ovaio policistico.  Anche in Canada sono stati segnalate 11 morti collegate a questo farmaco.
Il farmaco è venduto in oltre 100 Paesi, spesso con nomi diversi come Dianette. In Francia, solo lo scorso anno, il prodotto è stato utilizzato da circa 315mila donne (nella sua versione originale o in quella generica).

L'allerta è arrivata dopo che il governo francese aveva deciso di raccomandare ai medici la prescrizione di pillole di seconda generazione rispetto a quella di terza e quarta, peraltro anch'essi prodotti dalla Bayer, al fine di minimizzare il rischio di trombosi.

Dopo la decisione della Francia di sospendere dal commercio la pillola Diane 35, anche l’Italia sta procedendo alla revisione dei dati sul farmaco incriminato. Lo ha annunciato il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco, Luca Pani.

Dopo il provvedimento adottato in Francia, tutti i paesi europei – tra cui appunto l’Italia – stanno rivalutando i dati sulla Diane 35. “Il 28 febbraio – ha spiegato Pani – ciascun paese consegnerà la sua relazione all’Ema (European Medicines Agency, ndr)”, a cui spetterà il compito di decidere entro il mese di aprile. Una volta che l’Ema si sarà pronunciata – ha proseguito Pani – “tutti i paesi dovranno applicare la stessa direttiva”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Nasce il Coordinamento Nazionale per la Libertà di scelta 26 MAG 2017 VACCINAZIONI
Decreto vaccini: migliaia di genitori protestano 24 MAG 2017 VACCINAZIONI
Vaccini: che fine ha fatto il rapporto sulle reazioni avverse? 22 MAG 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, "è delirio sanitario". "Un decreto incostituzionale e inaccettabile" 22 MAG 2017 VACCINAZIONI
3 Giugno 2017 - Convegno "Libertà di cura: una scelta europea" 19 MAG 2017 CONVEGNI
Il Governo mette a rischio il futuro dell'omeopatia 19 MAG 2017 OMEOPATIA
Cosa succede se chiedi alla tua ASL di fare solo i vaccini obbligatori? 19 MAG 2017 VACCINAZIONI
Carne rossa: consumo eccessivo responsabile di 9 malattie 16 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Inquinamento da Pfas: 800mila veneti potenzialmente esposti 16 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Obbligo vaccini nelle scuole: "assurdo e anacronistico" 16 MAG 2017 VACCINAZIONI
Pomodori del Sud alleati contro il cancro allo stomaco 15 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccino esavalente: la procura di Torino indaga su sostanze non segnalate 15 MAG 2017 VACCINAZIONI
Prevenire il diabete con i legumi 12 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Gli alimenti giusti per preparare la pelle al sole 12 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
I batteri africani sono davvero pericolosi per i nostri bambini? 11 MAG 2017 SALUTE
Acqua contaminata da Pfas: pericolo per 130mila veneti 11 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Fibromialgia: meditazione e stretching contro il dolore 8 MAG 2017 SALUTE
Vaccini obbligatori, contrario il Comune di Torino 8 MAG 2017 VACCINAZIONI
Cento minuti di sport allungano la vita. Ecco i consigli per vivere più a lungo 8 MAG 2017 SALUTE
Corruzione e sperimentazioni illecite: arrestati 19 tra medici e imprenditori 8 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Le bevande zuccherate fanno invecchiare il cervello 5 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Ridere, una vera e propria terapia 5 MAG 2017 SALUTE
Il Pd propose la Giornata nazionale per le vittime dei vaccini 5 MAG 2017 VACCINAZIONI
Bambini: il contatto con gli animali riduce allergie e obesità 3 MAG 2017 INFANZIA
Nove regole per prevenire i tumori 3 MAG 2017 SALUTE
Reintrodurre l'obbligo dei vaccini? “È violenza e abuso” 3 MAG 2017 VACCINAZIONI
I cibi "light" fanno ingrassare? 28 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Latte artificiale: nuova inchiesta per prescrizioni indebite 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e tumori: il Codacons lancia una class action 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Radiazione del dottor Gava: torna l’Inquisizione in Italia (#iostocongava) 24 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione