Salute

Diagnosi di diabete (tipo 1 e tipo 2): instabilità della glicemia



Diagnosi di diabete (tipo 1 e tipo 2): instabilità della glicemia
Instabilità del livello glicemico del sangue

Le cause del «deragliamento» del metabolismo degli zuccheri sono non soltanto di natura congenita, ma dipendono fortemente anche dal sovrappeso e dalla mancanza di attività fisica.

I vasi sanguigni formano l’infrastruttura per il trasporto delle sostanze nutritive e dei metaboliti. Anche lo zucchero nel sangue (il glucosio) percorre il nostro corpo attraverso i vasi sanguigni. Misurati a digiuno, i valori normali del glucosio dovrebbero essere inferiori a 90 mg/100 ml (5,0 mmol/l) e inferiori a 140 mg/100 ml (7,8 mmol/l) dopo l’assunzione di un determinato carico di zuccheri. Quando si superano questi valori, si parla o di un disturbo della tolleranza glicemica, nel caso in cui restino comunque inferiori a 200 mg/100 ml (11,1 mmol/l), oppure di diabete, quando viene superata anche questa soglia.

Tipi di diabete
Se il glucosio non viene assorbito dalle cellule per la produzione di energia, ma rimane nel sistema vascolare, la sua concentrazione nel sangue aumenta. In base alle cause di questo incremento si distinguono, innanzitutto, il diabete di tipo 1 (detto in passato “giovanile”) e il diabete di tipo 2 (detto in passato “dell’adulto”). Se l’aumento del glucosio nel sangue non è dovuto a nessuno dei due tipi precedenti, si parla di diabete di tipo 3.

Per far sì che il glucosio penetri nelle cellule è necessario l’ormone insulina. Questo può mancare del tutto, perché il pancreas non ne produce a sufficienza: si ha allora il diabete di tipo 1. Si tratta di una malattia autoimmune, in cui è il corpo stesso a distruggere le cellule produttrici dell’insulina. Le persone affette da diabete di tipo 1 devono essere curate immediatamente, ma rappresentano solo il 10% dei diabetici.

La maggior parte è affetta da diabete di tipo 2
Quando la causa della glicemia elevata non è la carenza di insulina ma la ridotta sensibilità a quest’ultima, si parla di diabete di tipo 2. Più dell’85% dei diabetici è affetto da questa malattia, alla quale si aggiunge la relativa carenza di insulina, poiché ai diabetici di tipo 2 manca la prima rapida risposta insulinica al carico di zuccheri assunto. In più, in seguito al deficit di glucosio nelle cellule, questo viene prodotto maggiormente dal fegato.

Il tipo 2: predisposizione genetica mista a stile di vita errato
I parenti di primo grado di un diabetico hanno una probabilità del 50% di sviluppare a loro volta il diabete di tipo 2.
Se questa predisposizione genetica si trasformerà davvero in malattia, dipenderà considerevolmente dallo stile di vita dell’individuo. Le persone in sovrappeso che non svolgono attività fisica corrono un rischio maggiore.

Chi va considerato in sovrappeso?
Il cosiddetto BodyMass Index (BMI ovvero IMC, indice di massa corporea), calcolato in base all’altezza e al peso, serve per determinare il sovrappeso. Fino a un IMC di 25 kg/m², il peso è considerato regolare.

Criteri supplementari per la valutazione del rischio di diabete
Oltre all’IMC va valutata con attenzione la presenza di tessuto adiposo sottocutaneo (o viscerale) come fattore di rischio per lo sviluppo del diabete di tipo 2.

Nelle donne, una circonferenza addominale superiore agli 80 cm indica già un maggiore rischio di diabete; quando si superano gli 88 cm, il rischio diventa significativo.
Negli uomini, il rischio è da considerarsi maggiore quando si raggiunge una circonferenza di 94 cm e aumenta sensibilmente quando si raggiungono o si superano i 102 cm.

Per una corretta misurazione bisogna far scorrere il metro tra l’ultima costola e il bordo superiore del bacino.
Il quoziente vita-altezza (Waistto Height Ratio = WHtR) è considerato particolarmente rilevante per una stima del rischio di diabete.
Fino a quarant’anni non si dovrebbe superare un valore di 0,4 o 0,5, mentre dopo il cinquantesimo anno di vita sono accettabili misure più elevate, ma il quoziente non dovrebbe comunque superare un valore di 0,6.

 

Tratto da "Diabete Mangiare con Gusto (164 ricette)" di Doris Fritzsche, Friedrich Bohlmann, Marlisa Szwillus



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Diabete Mangiare con Gusto (164 ricette)  Doris Fritzsche Friedrich Bohlmann Marlisa Szwillus Lswr

Diabete Mangiare con Gusto (164 ricette)

Doris Fritzsche, Friedrich Bohlmann, Marlisa Szwillus

Per chi soffre di diabete, l'importanza di un'alimentazione corretta diventa essenziale perché ogni giorno deve aiutare il proprio metabolismo e tasso glicemico a ritrovare il giusto equilibrio. Oltre la predisposizione genetica, le principali cause per la comparsa del diabete di secondo tipo sono l'alimentazione sbagliata e la mancanza di movimento. Una scelta consapevole degli alimenti, l'acquisto di… Continua »
Pagine: 300, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Lswr
29,90 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione