Salute

Depressione: la pensione riduce stanchezza fisica e mentale


CATEGORIE: Salute

stanchezza
Secondo uno studio dell'Università di Stoccolma pubblicato sulla rivista British Medical Journal andare in pensione riduce i sintomi depressivi e la stanchezza mentale e fisica.

Secondo uno studio dell'Università di Stoccolma pubblicato sulla rivista British Medical Journal andare in pensione riduce i sintomi depressivi e la stanchezza mentale e fisica.

I ricercatori hanno coinvolto nello studio 11.246 uomini e 2858 donne osservati annualmente dal 1989 al 2007, ovvero per 15 anni: 7 anni prima della pensione e 7 anni dopo. "Il punto di forza dello studio - hanno spiegato i ricercatori – è che si basa su misurazioni ripetute annualmente per un periodo di tempo prolungato". La maggior parte dei partecipanti è stata sposata (89 per cento) e aveva un'occupazione elevata o media. L'anno prima della pensione, un partecipante su quattro (25 per cento) aveva sofferto di sintomi depressivi e a 728 persone (7 per cento) sono state diagnosticate una o piu' delle seguenti patologie: malattie respiratorie, diabete, malattie cardiache o ictus. Gli intervistati non sposati e quelli con un livello basso di occupazione hanno avuto più probabilita' di risentire di stanchezza fisica ma non mentale.

I risultati hanno dimostrato in pratica che il pensionamento è collegato con una sostanziale diminuzione della fatica mentale e fisica, nonchè una flessione piu' contenuta ma significativa dei sintomi depressivi. Tuttavia, la ricerca mostra che non esiste un' associazione tra pensione e malattia cronica: secondo i ricercatori queste malattie aumentato gradualmente con l'età.
La relazione tra la pensione e la riduzione della stanchezza mentale e della depressione può essere così spiegata: "se il lavoro e' faticoso, per molti lavoratori anziani, la diminuzione della fatica potrebbe semplicemente riflettere la rimozione della fonte del problema", hanno detto i ricercatori. "Inoltre, il pensionamento puo' consentire alle persone piu' tempo per impegnarsi nella stimolazione e nell'attivita' ristorativa, come l'esercizio fisico".

Come spiega il professor Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di neuroscienze dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano, al Corriere.it , il “male di vivere” può essere prevenuto o alleviato tramite uno stile di vita che abbia come elementi fondamentali  un'alimentazione (che deve essere ricca di omega 3), l'esposizione alla luce e l'attività fisica. Svolgere attività fisica per più di 40 minuti tre volte a settimana ha un effetto molto importante sul sistema nervoso centrale, in particolare per quanto riguarda la neurogenesi e le capacità di attenzione, concentrazione e memoria. Di conseguenza, spiega Mencacci, è fondamentale l'influsso sull'umore. Il cervello trae grandi benefici dallo sport moderato, inclusa la camminata, e praticato con continuità, che può ridurre del 50% i deficit cognitivi che si manifestano con l'avanzare dell'età.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (4)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Antibiotico resistenza: 'Potrebbe causare più morti del cancro' 17 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
I cibi che fanno bene alla pelle 17 SET 2018 ALIMENTAZIONE
Ipertensione: meno farmaci con sport e dieta sana 17 SET 2018 ALIMENTAZIONE
Psicofarmaci: negli Usa 1 anziano su 4 abusa di benzodiazepine 17 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Obesità infantile: anche l'Italia pensa a una sugar tax 14 SET 2018 ALIMENTAZIONE
Vaccini: appalto truccato. Sanità trentina nel mirino 14 SET 2018 VACCINAZIONI
Bimbo non vaccinato in aula da solo. Aperta un'inchiesta 12 SET 2018 VACCINAZIONI
Olio extra-vergine di oliva? Un salvavita naturale 10 SET 2018 ALIMENTAZIONE
Parto naturale e allattamento sono determinanti per il neonato 10 SET 2018 INFANZIA
Agricoltura: 'Soldi pubblici solo a chi inquina e usa pesticidi' 10 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno ideale per la salute del cuore? Ecco quanto bisogna dormire 31 AGO 2018 SALUTE
Miele contro la tosse: le nuove linee guida del Servizio sanitario britannico 31 AGO 2018 SALUTE
Pomodoro: scatta l'obbligo di indicare l'origine dei derivati 29 AGO 2018 ALIMENTAZIONE
Vacanze: le pause dal lavoro allungano la vita 29 AGO 2018 SALUTE
Danni dopo un vaccino obbligatorio: in attesa di risarcimento da 22 anni 27 AGO 2018 VACCINAZIONI
Frutta e verdura rallentano l'invecchiamento delle donne 27 AGO 2018 ALIMENTAZIONE
Conflitto d'interessi: ecco i medici finanziati da Big Pharma 27 AGO 2018 DENUNCIA SANITARIA
Monsanto: giardiniere malato vince la causa legale. Maxi-risarcimento da 289 milioni 13 AGO 2018 DENUNCIA SANITARIA
Alzheimer: il rischio si può leggere negli occhi 10 AGO 2018 MEDICINA PREVENTIVA
In Italia ancora troppi parti cesarei 8 AGO 2018 DENUNCIA SANITARIA
La dieta degli italiani: quali carenze nutrizionali? 6 AGO 2018 ALIMENTAZIONE
Adolescenti: l'obesità mette a rischio cuore e fegato 3 AGO 2018 ALIMENTAZIONE
“Baby talk”: ecco perché gli adulti fanno bene a usarlo con i bambini 3 AGO 2018 INFANZIA
Farmaci: i consigli per un uso corretto in estate 3 AGO 2018 SALUTE
Vaccini, nessun bambino sarà escluso da scuola a settembre 3 AGO 2018 VACCINAZIONI
Ospedale Sacco di Milano: l'Omeopatia a supporto delle pazienti con tumore al seno 1 AGO 2018 OMEOPATIA
Intossicazioni alimentari: un vademecum per prevenirle 1 AGO 2018 ALIMENTAZIONE
Vaccini in Cina: lo scandalo coinvolge tutto il sistema sanitario 1 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Dr. Roberto Gava pubblica la nuova edizione del suo libro “Le Vaccinazioni Pediatriche” 30 LUG 2018 VACCINAZIONI
Adolescenti: gli smartphone possono danneggiare la memoria 30 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione