Vaccinazioni

Danni da vaccino e responsabilità, il Ministero della Salute paga?



vaccini
Danni da vaccino: 'Il Ministero sbaglia, ma non paga'

“Il Ministero sbaglia, ma non paga. Il ministero ha sbagliato, fatto ormai conclamato, un numero non definito di pratiche sono state rigettate per errori del ministero e degli uffici e le famiglie hanno atteso anni per ricevere una risposta. Il Consiglio di Stato esprime un parere che inchioda il ministero alle sue responsabilità. Il ministero stesso però decide autonomamente di rimettersi in riga solo per i casi successivi al monito del Consiglio di Stato, mentre i casi precedenti (proprio quelli che hanno portato all'approfondimento e a questa svolta) saranno esclusi dall'azione riparatoria che il ministero dice di avere attivato”.

I deputati del Movimento 5 Stelle riportano il caso di un bambino che dopo essere stato vaccinato ha riportato un danno permanente. In un primo momento il Ministero aveva rinnegato il nesso di casualità tra vaccino e danno. Scelta bocciata però dal Consiglio di Stato nel 2011. Malgrado ciò il ministero ha deciso di rivedere i provvedimenti solo per i casi successivi al monito del Consiglio.

Il caso riportato dai deputati del Movimento è quello della famiglia del signor Antonio Palazzolo e il suo bambino che dopo una serie di vaccinazioni ha riportato (a causa di quest’ultime) un danno permanente.
“In una di queste sedute – si legge nel comunicato del Movimento - di vaccinazioni, alla soglia del primo anno di vita, accadde al bambino succede quello che nessun genitore vorrebbe neppure pensare che possa accadere.

Dopo aver ricevuto nella stessa seduta un mix di vaccini (Difterite – Tetano - Pertosse - Epatite B - Antipolio SABIN), il bambino comincia a presentare una serie di sintomi che determinano un danno permanente. Nonostante l'omertà del sistema sanitario, i genitori, cercando autonomamente le informazioni utili e affidandosi a medici specializzati, riescono a sapere di numerose altre situazioni simili a quella che stanno vivendo loro.

Nel corso delle loro ricerche vengono a conoscenza dell'esistenza di una legge dello stato (L.210/92) che riconosce il danno dovuto alla somministrazione dei vaccini. I genitori cominciano quindi la procedura, prevista dalla stessa legge. Il primo controllo è demandato dal Ministero della Salute alla Commissione Medica Ospedaliera dell'Ospedale Militare del territorio. Da questa viene accertato che esiste il nesso causale fra la condizione, ormai certificata come patologica, e le vaccinazioni somministrate. Al contempo però la Commissione dichiara che la domanda è stata presentata oltre i tempi previsti dalla legge (tre anni), per cui non è possibile l'accesso al riconoscimento.

I genitori decidono allora di ricorrere presso i ministeri competenti, chiedendo di rivedere in maniera più attenta il tempo trascorso fra l'individuazione del danno procurato e la presentazione della domanda, che è stato effettivamente inferiore ai tre anni previsti.

I Medici del Ministero verificano che i genitori avevano ragione e, quindi, riconoscono il criterio della tempestività. A questo punto sopraggiunge un fatto imprevisto. Il Ministero, andando oltre al proprio ruolo specifico, rivaluta le condizioni già accertate dalla Commissione medico ospedaliera e nega uno dei principi precedentemente accolti: il nesso di causalità.

I genitori vengono poi a sapere che, in Parlamento, era in corso una discussione sul tema, in particolare in Commissione Affari Sociali. Per dirimere ogni dubbio di corretta procedura amministrativa, lo stesso Ministero chiede un parere al Consiglio di Stato, il quale nel settembre 2011 afferma che il ministero non si è comportato conformemente alla legge, dal momento che non è nei suoi poteri sindacare le decisioni della Commissione. A maggior ragione se tale ingerenza è dovuta a "ragioni di finanza pubblica". Tradotto: il ministero ha provato a risparmiare speculando sulla salute dei cittadini. Il caso di questi genitori non è isolato. Il ministero della Salute ha adottato la stessa prassi anche in numerosi altri casi, non quantificabili dal momento che non è stato fornito (altro scandalo) un numero preciso”.

Fonte: quotidianosanità.it








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I dieci cibi più pericolosi venduti in Italia 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I PFAS interferiscono con la vitamina D e causano l'osteoporosi 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
“Farmaco antipsicotico fa crescere il seno agli uomini”: condanna record per Johnson & Johnson 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bambini e sport: sfatiamo i falsi miti! 7 OTT 2019 INFANZIA
Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media 4 OTT 2019 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione