Omeopatia

La profilassi omeopatica contro la Leptospirosi epidemica. Il caso di Cuba

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Omeopatia

leptospirosi

La Leptospirosi è una malattia provocata da batteri (leptospire) che colpisce sia esseri umani sia animali: topi e ratti (spesso portatori sani), varie specie di uccelli, pesci, rettili, anfibi, maiali, ovini, bovini ed equini. I soggetti, animali o uomini, malati o portatori sani, eliminano con le urine i batteri responsabili che si ritrovano in grandi quantità nelle acque, nei fanghi e nel terreno. Ci s’infetta se le leptospire entrano nell’organismo attraverso lesioni della pelle, anche piccole, o cute integra ma macerata per contatto prolungato con l’acqua; ci si può infettare ingerendo acqua contaminata o attraverso le congiuntive, più di rado per morso di animali infetti. La malattia inizia con: febbre alta, violento mal di testa, brividi, dolori muscolari, vomito, ci può essere ittero (colorazione gialla degli occhi e della pelle), congiuntivite, dolori addominali, diarrea, eruzioni cutanee.

 

Nel giro di una settimana può guarire spontaneamente, ma, non di rado, dopo una fase di apparente guarigione di pochi giorni, riesplode con gli stessi sintomi e può danneggiare i reni, provocare meningite, insufficienza epatica e complicazioni respiratorie. In rari casi provoca la morte.

A Cuba la Leptospirosi è sempre presente e s’incrementa dopo la stagione delle piogge, gli immancabili uragani e le conseguenti inondazioni che creano disagi ben comprensibili, dall’aumento del numero dei senza tetto al peggioramento delle già precarie condizioni igieniche: è una periodica piaga sanitaria che consiste in diverse migliaia di nuovi casi con inevitabili casi mortali.

 

Le campagne vaccinali si sono rivelate poco efficaci nel controllare gli scoppi epidemici: anno dopo anno si è registrato un aumento dei casi di malattia e ciò sia per la scarsa validità del vaccino (esistono molti tipi di leptospire, un po’ come per i virus influenzali, mentre il vaccino protegge solo verso alcuni di essi) sia per l’alto costo della vaccinazione che è, perciò, limitata ai gruppi più a rischio, quali donne incinte, bambini, anziani, lasciando scoperta la maggioranza della popolazione. Pur limitandosi ai gruppi a rischio la vaccinazione costa ogni anno circa 3 milioni di dollari USA.

 

Nel Dicembre 2008, nel corso di un convegno tenutasi a L’Avana (Nosedes 2008 - Internationals Meeting on Homeoprophilaxis, Homeopathic Immunization and Nosodes against Epidemicsi) con la partecipazione di omeopati da Cuba, Sud America, Canada, Australia, Regno Unito, Kenya, sono stati resi noti i risultati ottenuti in una campagna di profilassi contro la leptospirosi effettuata utilizzando un medicinale omeopatico.

 

Il convegno è stato organizzato dal Carlos J Finlay Institute, struttura del Ministero della Sanità di Cuba, che si occupa di ricerca e produzione di vaccini: vanta più di 100 anni, un riconoscimento internazionale da organismi scientifici a cominciare dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, e ha prodotto, tra gli altri, il primo vaccino contro il meningococo B (batterio che provoca molti casi di meningite in Centro e Sud-America. Da noi è più diffuso il meningococco C). Com’è noto, a causa del suo regime politico, Cuba è da molti anni sottoposta da parte degli Stati Uniti a un embargo che riguarda anche medicinali, programmi sanitari ecc. In poche parole, i cubani devono arrangiarsi da soli.

 

Se ciò crea non pochi problemi in tutti i campi, presenta, però, il vantaggio di non essere sotto la morsa degli interessi commerciali delle grandi multinazionali del farmaco e delle vaccinazioni. Queste due condizioni fanno sì che a Cuba si sia meno prevenuti verso le medicine non convenzionali e, in primis, verso l’Omeopatia, adottata senza pregiudizi nei programmi sanitari nazionali. Ciò premesso e, come sopra esposto, tenuto conto che le campagne vaccinali anti leptospirosi costano molto, che coprono solo una minima parte della popolazione esposta al rischio della malattia e che l’efficacia vaccinale è limitata, nel 2007 l’Istituto Finlay decise di usare l’Omeopatia. Anzi, c’è un ufficialmente dichiarato interesse: “sull’omeo-profilassi come strategia per attenuare l’impatto di malattie prevenibili nel mondo in via di sviluppo, che più ne necessita.” (Chissà come reagiranno le multinazionali del farmaco?)

 

Nell’Ottobre-Novembre 2007, due milioni e mezzo di persone residenti in tre province della parte orientale di Cuba, colpite da piogge torrenziali con inondazioni in aree estese e danni gravi al sistema fognario e alla rete di strutture sanitarie, condizioni ambientali che determinano recrudescenza della leptospirosi, hanno ricevuto a scopo profilattico due dosi alla 200 CH, a distanza di 7-9 giorni, di un medicinale omeopatico preparato da ceppi di leptospira. Il 95% della quattro su 2 milioni e mezzo) è stata trattata (quindi, non solo i gruppi a rischio). Il costo della campagna per i circa 5 milioni di dosi preparate è stato di 200.000 dollari USA, cioè 15 volte in meno del costo sostenuto per la profilassi vaccinale di una piccola parte della popolazione.

 

Il medicinale omeopatico fu preparato dallo stesso Istituto Finlay secondo le regole della Farmacopea omeopatica. Risultati: marcatissima diminuzione dei nuovi casi di malattia nelle settimane successive alla campagna e riduzione a zero della mortalità tra i pazienti ospedalizzati. Nei mesi successivi il numero di casi accertati di leptospirosi si è mantenuto a livelli (meno di 10 casi al mese) molto più bassi di quelli prevedibili in rapporto all’andamento delle piogge e in base all’esperienza degli anni precedenti, quando si usavano vaccini.

 

Una terza dose del medicinale omeopatico è stata distribuita alla stessa popolazione dopo il passaggio dell’uragano Ike. Le cifre parlano da sole, ma volendo vestire i panni dell’avvocato del diavolo, potrei argomentare che non è provato sia tutto merito della profilassi omeopatica: in altre parole, affermare che prima della profilassi omeopatica c’erano tot casi e, dopo di essa, zero casi o pochissimi non significa necessariamente che la profilassi abbia funzionato.

 

Potrebbero esseri intervenuti altri fattori: un’epidemia più leggera o nessuna epidemia, migliorate condizioni igieniche (non esserci state alluvioni per esempio o non ha piovuto per niente o molto meno, miglioramento del sistema fognario) ecc. ecc. Tutto molto logico e corretto. Però, l’argomento delle cifre nude e crude, senza tenere conto di altri fattori, è quello che utilizzano i produttori e i sostenitori dei vaccini per il loro prodotto: prima del vaccino tot casi, dopo il vaccino tot casi. Quindi, delle due l’uno: o il criterio semplicistico dei numeri non deve valere per nessuno (pertanto, attenzione agli strombazzamenti trionfalistici verso qualsiasi tipo di vaccino, anche il più inutile) o, comunque, una qualche indicazione affidabile esso la fornisce.

 

D’altra parte l’Istituto Finlay non è fatto di sprovveduti ma di esperti anche in sorveglianza epidemiologica, in grado di valutare i risultati ottenuti in una campagna sanitaria tenendo conto delle variabili ambientali. Nella relazione finale gli esperti dell’Istituto concludono: “Questa esperienza può essere estesa ad altre malattie e ad altri paesi. L’Istituto Finlay mette a disposizione i propri specialisti e i propri mezzi per estendere la profilassi omeopatica a tutte quelle regioni che hanno bisogno di alternative per la prevenzione e il controllo delle epidemie.” Ci dobbiamo aspettare a breve una feroce e ben orchestrata campagna di disinformazione contro l’uso dell’Omeopatia nei Paesi più poveri del pianeta? Temo di si!

 



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Manuale di Omeoprofilassi  Isaac Golden   Salus Infirmorum

Manuale di Omeoprofilassi

L'alternativa omeopatica alle vaccinazioni

Isaac Golden

La vaccinazione è una pratica quanto mai diffusa che coinvolge la quasi totalità della popolazione mondiale, dai bambini, agli adulti appartenenti a categorie lavorative 'a rischio', agli anziani, ai viaggiatori che si recano in aree tropicali e sub-tropicali a rischio di alcune particolari infezioni. Nonostante i numerosi… Continua »
Pagine: 224, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
17,91 € 19,90 € (-10%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Pietro Gulia

Lo studio del mentale e di altri sintomi guida (Recensione) 21 GIU 2019 RECENSIONI
Lezioni di Materia Medica Dinamica (Recensione) 30 GEN 2019 OMEOPATIA
Studio di Materia Medica Omeopatica (Recensione) 30 GEN 2019 OMEOPATIA
Un caso di impetigine pediatrica risolta con il rimedio omeopatico Borax 26 OTT 2018 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Materia Medica dei Promessi Sposi (Recensione) 31 AGO 2018 RECENSIONI
Manuale pratico di Omeopatia in Oncologia (Recensione) 29 AGO 2018 RECENSIONI
Problemi emozionali e comportamentali in Omeopatia: bimba con esperienza di vita in carcere 6 NOV 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Esiste un modo per cercare di vivere serenamente? (Una lettera del Dr. Samuel Hahnemann ad un suo paziente) 18 DIC 2012 OMEOPATIA
India, la crescita dell’Omeopatia va al galoppo 22 NOV 2012 OMEOPATIA
Pulsatilla e altro ancora... per elefanti! 16 AGO 2011 OMEOPATIA
L’Omeopatia nel trattamento delle irregolarità mestruali 10 FEB 2011 OMEOPATIA - CASI CLINICI
L'omeopatia negli Stati Uniti 28 OTT 2010 OMEOPATIA
Omeopatia, Istat e... mezzo pollo 22 OTT 2010 OMEOPATIA
L'omeopatia in Giappone: “non ci sono confini per una buona medicina” 28 SET 2010 OMEOPATIA
Intervista ad Hahnemann. Parte seconda, dal 1796 al 1820 10 AGO 2010 OMEOPATIA
Storia dell’Omeopatia - Biografia di Samuel Hahnemann - Prima Parte 28 LUG 2010 OMEOPATIA
Breve storia dell’omeopatia in Germania 12 LUG 2010 OMEOPATIA
“L’assenza di una prova non è la prova di un’assenza”. Il parere sull’Omeopatia di un Premio Nobel 24 MAG 2010 OMEOPATIA
La sperimentazione farmacologica convenzionale 13 MAG 2010 SALUTE
Cos’è un medicinale omeopatico e cos’è un complesso omeopatico? Che differenza c’è tra complessismo ed Omeopatia? 10 MAG 2010 OMEOPATIA
Sindrome di Bartter - KALIUM CARBONICUM 9 APR 2009 OMEOPATIA - CASI CLINICI






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione