Salute

Cronobiologia: definizione e note introduttive


CATEGORIE: Salute

cronobiologia
La cronobiologia è la disciplina che esplora e quantifica la ripetitività nelle ritmiche manifestazioni della vita

Nel mio recente libro 'Multidisciplinarietà in Medicina' ho dedicato un intero capitolo alla cronobiologia spiegando, con esauriente documentazione scientifica, la grande importanza di questa scienza nello spiegare i meccanismi con cui il nostro organismo mantiene la salute. La conoscenza di questi meccanismi può aiutarci a rispettare e favorire queste funzioni fisiologiche che, insieme a poche altre, sono alla base della nostra vita.

La cronobiologia è la disciplina che esplora e quantifica la ripetitività nelle ritmiche manifestazioni della vita, ha la finalità di far luce sul comportamento temporale dei fenomeni biologici ripetitivi e ha introdotto la concezione relativistica del tempo in biologia.


RITMI BIOLOGICI
L’osservazione della materia vivente in funzione del tempo ha evidenziato che tutte le funzioni biologiche, esaminate a livello cellulare, tessutale o multicellulare, uomo incluso, presentano un andamento ritmico che si è rivelato periodico.
Un ritmo indica un evento che si succede in modo regolarmente ricorrente nel tempo e viene rappresentato da un’oscillazione ciclica.
In biologia si parla di ritmi biologici per indicare una funzione biologica regolarmente ricorrente nel tempo, per certi versi prevedibile e dimostrabile statisticamente.
I periodi dei ritmi biologici sono variabili e vengono distinti in:
- Ultradiani, quando hanno un periodo che va da 1 millisecondo ad alcune ore.
- Circadiani, quando hanno un periodo di circa un giorno.
- Infradiani, quando hanno un periodo di una settimana, di un mese o di un anno.

I ritmi biologici sono per natura endogeni, in quanto geneticamente determinati, ma sono modulati e modificati dagli eventi periodici ambientali.
La natura endogena dei ritmi fa sì che molti dei ritmi circadiani persistano, anche dopo rimozione di tutti gli input periodici ambientali. Infatti, esperimenti effettuati in condizioni di isolamento in caverne naturali hanno dimostrato che nei soggetti esaminati il periodo dei ritmi circadiani subiva dei sensibili, ma consistenti cambiamenti, rispetto a quelli dei cicli ambientali da cui sono normalmente influenzati (sincronizzati). Inoltre, le variazioni ritmiche imposte all’organismo da fattori esterni scomparivano appena queste venivano rimosse.

Altri esperimenti hanno evidenziato che:
- in tutti gli organismi, animali e vegetali, i fattori e le circostanze che hanno per bersaglio le membrane possono influenzare i ritmi circadiani;
- i ritmi circadiani sono ereditari, la loro esistenza e le loro caratteristiche sono codificate nel nucleo;
- l’RNA-messaggero trasferisce l’informazione dal nucleo al citoplasma.


Attualmente il ruolo delle membrane nel meccanismo della ritmicità è indiscusso e la funzione “pacemaker” delle membrane è oggetto di discussione.

Si definisce sincronizzazione lo stato di un sistema dove due o più variabili mostrano una periodicità con la stessa frequenza.
I ritmi endogeni sono modulati e modificati da eventi periodici ambientali. I cicli geofisici astronomici, come la rotazione terrestre, l’alternanza giorno e notte, i cambiamenti stagionali con le conseguenti variazioni della temperatura e della durata dei periodi di luce, le ore dei pasti, le alternanze del ritmo attività-riposo o sonno-veglia, possono sincronizzare i ritmi endogeni su determinate frequenze. Si è visto che un ritmo endogeno può essere modificato solo su frequenze che non siano troppo diverse da quelle naturali. Al di fuori di questo range il ritmo degli oscillatori endogeni non si sincronizza, ma mantiene una sua frequenza che tuttavia può essere modulata dagli stimoli ambientali.

Si definisce sincronizzatore una periodicità ambientale capace di determinare un collocamento temporale di un ritmo biologico lungo un’appropriata scala del tempo.
Nell’uomo, i sincronizzatori circadiani principali sono l’alternanza di luce-buio e di attività-riposo. Essi non creano i ritmi biologici, ma sono in grado di influenzarli.
Gli effetti degli agenti sincronizzanti sui ritmi endogeni non sono costanti, le risposte variano per ogni individuo e ogni individuo può presentare risposte diverse nel tempo. Inoltre, alcuni sincronizzatori possono esercitare i loro effetti prevalentemente su alcuni ritmi. Ad esempio, l’ora dei pasti influenza prevalentemente i ritmi circadiani di alcuni parametri metabolici e molto limitatamente quello che regola il numero dei linfociti circolanti. Come conseguenza, le influenze sui ritmi endogeni di soggetti che vivono in condizioni ambientali diverse, che hanno abitudini diverse o eseguono lavori “diversi”, non saranno necessariamente le stesse.


PACEMAKER

I pacemaker sono oscillatori primari che presentano un’oscillazione endogena geneticamente determinata e autosostenuta in assenza di segnali temporali esterni. Inoltre, forniscono segnali temporali all’organismo tali da sincronizzare molti ritmi sullo stesso range di frequenze.
Nell’uomo e in diversi mammiferi il principale pacemaker per molti ritmi circadiani è stato identificato nel nucleo soprachiasmatico, localizzato nell’ipotalamo anteriore in sede dorsale rispetto al chiasma ottico. Le cellule di questo nucleo imprimono il ritmo periodico circadiano di base e ricevono informazioni dall’ambiente esterno. Queste ultime provengono dai fotorecettori retinici, dipendono dalle stimolazioni luminose, ma non comportano un coinvolgimento dei fotorecettori visivi. Attraverso vie neuronali o mediatori neurormonali, le informazioni vengono trasmesse ad altri centri ipotalamici e all’ipofisi che, a loro volta, le trasmettono e sincronizzano gli oscillatori nei tessuti periferici.
Studi su organismi unicellulari hanno dimostrato l’esistenza nelle singole cellule, come negli organismi multicellulari, di oscillatori intercomunicanti. Alcuni di essi sono sensibili alle informazioni fornite dall’ambiente e possono agire come pacemaker per molti ritmi endogeni.
Attualmente, è stato chiarito che la struttura temporale degli organismi non è che il risultato della cooperazione dell’insieme oscillante di subsistemi, nell’ambito dei sistemi neurale, ormonale e cellulare, che interagiscono tra loro.


CONTROLLO STAGIONALE E GIORNALIERO DELLA SINTESI DEGLI ENZIMI
La capacità dei sistemi viventi di coordinare al tempo dovuto l’attività dei geni, le vie metaboliche e altri importanti meccanismi di regolazione è essenziale al fine di consentire un efficiente adattamento alle varie condizioni ambientali.
Gli organismi che vivono liberi e in condizioni naturali sono soggetti all’azione dei periodici cambiamenti ambientali, in particolare a quelli risultanti dalla rotazione terrestre di 24 ore attorno al sole. Essi tendono ad adattarsi a queste variazioni riaggiustando periodicamente le loro funzioni metaboliche e il comportamento al fine di armonizzarsi con il corso delle stagioni e, per ogni modello stagionale, all’alternarsi del giorno e della notte.

Il termine ‘ciclo stagionale’ include:
- La variazione di durata relativa del giorno e della notte nel ciclo di 24 ore.
- Una serie di altri fattori, in particolare la temperatura e la disponibilità di acqua.

Si ritiene che la necessità di spostarsi da una strategia metabolica all’altra, in ordine di adattarsi ai cambiamenti ambientali e avviare la crescita e la riproduzione solo quando arriva la stagione favorevole, sia guidata dal vantaggio selettivo di utilizzare alcuni modi di misurazione della durata di buio o luce come l’unico e reale indicatore del corso delle stagioni.
Si è visto che, mediante complessi meccanismi, gli orologi biologici circadiani e il fotoperiodismo sono in grado di misurare il tempo, di dare il ritmo, di controllare la sintesi di enzimi e consentire le più appropriate strategie metaboliche.
La ritmicità endogena circadiana consente di avviare le sequenze dei processi metabolici in anticipo, rispetto ai mutamenti periodici esterni, e di mantenere l’organismo in una situazione metabolica sempre adatta alla stagione in corso.


CATEGORIE GENERALI DI RISPOSTA ALLO STRESS
Quando le variazioni esterne sono troppo repentine o hanno un’ampiezza troppo grande, per essere fronteggiate dalle capacità di adattamento del programma metabolico del soggetto, esse agiscono come stressor.
Il termine ‘stress’ spesso si riferisce ad un tipo di aggressione improvvisa e inaspettata e deve essere distinta da quegli eventi stressanti ambientali che hanno carattere periodico e inducono risposte metaboliche già programmate. Ad esempio, negli habitat molto caldi, il rapido incremento della temperatura, che segue il sorgere del sole, evoca la sintesi di proteine da stress che hanno il compito di proteggere le cellule dagli insulti ambientali.
Gli organismi utilizzano due tipi di strategia in risposta alle situazioni stressanti:
- La strategia di evitamento dello stress, che consiste nell’allontanamento da quelle situazioni ed eventi che possono comportare stress.
- La strategia di tolleranza allo stress, che consiste in cambiamenti di funzioni metaboliche che avviano programmi metabolici capaci di integrare o controbilanciare gli effetti dello stress.

Questi riaggiustamenti metabolici comportano modificazioni dei meccanismi enzimatici che consistono in cambiamenti della loro attività, delle loro proprietà catalitiche, della loro sintesi o in cambiamenti dei programmi genetici.
Si può concludere che il ruolo degli orologi biologici, nell’organizzazione temporale delle risposte di adattamento, è quello di consentire all’organismo di preparare i substrati metabolici atti a consentirgli di tollerare gli effetti dei fattori stressanti stagionali.


LA GHIANDOLA PINEALE
Gli studi sulla ghiandola pineale hanno consentito sia di comprendere la sua fisiologia, sia di acquisire importanti dati sui meccanismi di regolazione dei ritmi biologici.
Negli animali, la pineale ha il ruolo di convogliare i messaggi ambientali, di controllare le funzioni ritmiche, stagionali e circadiane, e ha come input più importante la fase di transizione luce-buio che, nelle regioni non-equatoriali, indica la lunghezza del giorno o il fotoperiodo.
La secrezione di melatonina da parte della pineale avviene durante la fase del buio ed è strettamente correlata alla durata della notte.
Nell’uomo, la pineale ha delle funzioni che in parte sono simili a quelle degli animali: interviene nella regolazione del sonno, nella funzione riproduttiva, sul tono dell’umore e sul sistema immunitario.



Hai un account google? clicca su:




Prodotto Consigliato
Multidisciplinarietà in Medicina  Lucia Gasparini   Salus Infirmorum

Multidisciplinarietà in Medicina

Metodologia - Scienze biomediche - Posizione dell’Omeopatia in ambito scientifico

Lucia Gasparini

La ricerca scientifica è tesa ad un'incessante soluzione di problemi e la conoscenza scientifica cresce e opera nel continuo dissenso, ma sempre orientata verso la teoria vincente. Il metodo scientifico, mediante il percorso delle congetture e delle confutazioni e quindi della falsificabilità fattuale delle teorie, è la… Continua »
Pagine: 832, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
63,67 € 74,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Lucia Gasparini

Tessuto adiposo e regolazione della risposta immunitaria 13 APR 2016 SALUTE
La regolazione dell’assunzione di liquidi 18 NOV 2015 SALUTE
Immunologia: interleuchina 1 (IL-1) 29 OTT 2015 SALUTE
Il metodo della fisica 15 OTT 2015 SALUTE
Genetica: gli oncogeni 8 OTT 2015 SALUTE
Strategie elementari di interazione sociale 5 OTT 2015 SALUTE
Immunologia: generalità sulle citochine 23 SET 2015 SALUTE
La scienza sperimentale e il suo metodo 23 SET 2015 SALUTE
I fitoestrogeni 10 SET 2015 SALUTE
Modalità di assunzione di rimedi omeopatici nelle patologie acute 2 SET 2015 OMEOPATIA
Gestione e trattamento della sindrome metabolica 26 AGO 2015 SALUTE
Dominanza sociale e immunità negli animali 24 LUG 2015 SALUTE
Gli antiossidanti 17 LUG 2015 SALUTE
Risposta immunitaria in alcune malattie cutanee croniche 13 LUG 2015 SALUTE
Malattie cutanee come manifestazioni di un quadro sistemico 20 DIC 2013 SALUTE
Aromatasi 12 DIC 2013 SALUTE
Mitocondri ed esercizio fisico 25 NOV 2013 SALUTE
Psoriasi e dermatite atopica, la risposta immunitaria nelle malattie cutanee croniche 6 NOV 2013 SALUTE
Cellule Natural Killer 30 OTT 2013 SALUTE
La sindrome metabolica 18 OTT 2013 SALUTE
Adiponectina 15 OTT 2013 SALUTE
Cos'è la leptina 14 OTT 2013 SALUTE
Sistema dello stress e concetto di allostasi e di carico allostatico 23 APR 2013 SALUTE
Ritmo circadiano degli ormoni e loro proprietà immunomodulatorie 16 APR 2013 SALUTE
Tessuto adiposo, obesità viscerale e infiammazione 12 APR 2013 SALUTE
Emozioni negative 9 APR 2013 SALUTE
Stress cronico: disfunzioni dell’asse HPA, alterazioni immunitarie e disturbi della sfera affettiva 3 APR 2013 SALUTE
Immunità innata e Toll-like receptors (TLR) 15 MAR 2013 SALUTE
Schema, struttura e processo dei sistemi viventi 1 MAR 2013 SALUTE
Steroidi sessuali e immunità 20 FEB 2013 SALUTE

Tutti gli articoli di Lucia Gasparini







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione