Omeopatia

Riparte la crociata contro l'omeopatia

Fonte: lastampa.it


CATEGORIE: Omeopatia , Salute

omeopatia
Riparte la crociata contro l'omeopatia

In memoria del figlio del collega di Tricase

Sono un medico.
Sono un padre.

Conosco le ansie e le preoccupazioni che proprio i mie ruoli congiunti di terapeuta e di genitore generano nella gestione dei malanni dei figli. Conosco i momenti in cui prognosi ed evoluzione della patologia non seguono le tue previsioni, quando la risposta ad un medicinale non è quella che ti aspettavi, quando vedi piangere tuo figlio mentre ti chiede aiuto, ti chiede di far smettere questa cosa che lo affligge, questa cosa che si chiama malattia.

Quindi sono al fianco del collega che sta vivendo lo strazio della perdita del figlio, dolore che non riesco neppure ad immaginare per quanto possa essere devastante.
Sono al suo fianco in silenzio.
Rispetto il suo momento drammatico, capisco i suoi pensieri e i suoi dilemmi “non ho fatto abbastanza” oppure” potevo salvarlo”.

Sono in silenzio ma sono disgustato.
Disgustato da una informazione che da un episodio drammatico di cronaca locale crea subito un articolo alla “sbatto il mostro in prima pagina”, dove il mostro è sia il padre medico sia la medicina omeopatica colpevole di non essere stata efficace nel salvare la vita di un bimbo.

Non si conoscono ancora i veri motivi della morte del piccolo, quali terapie siano state utilizzate ma il solo citare  il termine omeopatia in un caso come questo lo rende subito un caso nazionale. Se fosse morto per una reazione avversa da vaccino o da farmaco convenzionale (4° causa di mortalità nel mondo occidentale) nessuno si sarebbe preso la briga di stilare neppure una riga, ma la querelle “omeopatia pro e contro” aumenta l’audience e allora nessuna sensibilità.

Non sarà la morte di un piccolo bambino a cambiare la storia della medicina omeopatica, ma saranno i milioni di persone che da 200 anni continuano ad impiegarla per guarire da molte gravi malattie quando la medicina convenzionale non ha dato loro risultati soddisfacenti o ha scatenato troppi effetti collaterali.

Saranno nazioni con economie in crisi che, non potendo più esaudire le richieste delle ricche multinazionali del farmaco, di fronte ai sempre più numerosi lavori scientifici di costo-beneficio in cui l’omeopatia esce vincente decideranno di scegliere la strada dell’innovazione, la strada della medicina della complessità e del risparmio sociale come bene collettivo per tutto ciò che è prevenzione della salute per lasciare i casi più resistenti o quelli chirurgici all’attuale medicina.

Chi  scrive di omeopatia spesso non conosce molto dei suoi principi e l’affronta in modo superficiale, come spesso succede per certi medici che non hanno una competenza appropriata.

Gli articoli citano la tisana di finocchio come causa dell’exitus , ma i giornalisti non sanno che in omepatia non si impiegano le  tisane , né rimedi in dose ponderale ma questo è un fatto marginale perché la crociata è ormai ripartita e non si ferma di fronte a queste quisquiglie.

E una domanda sorge spontanea : CUI PRODEST?










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alberto Magnetti

La lettera di un medico omeopata a Gramellini 7 GIU 2017 OMEOPATIA
Otite acuta mortale: come usare un grave caso di malpractice per attaccare la medicina omeopatica 29 MAG 2017 OMEOPATIA
L'omeopatia funziona? Ecco gli studi scientifici 28 APR 2017 OMEOPATIA
Trolling & Homeopathy, la diffamazione mediatica dell'omeopatia 29 FEB 2016 OMEOPATIA
Omeopatia vera “Slow Medicine”. Come sostenere una decrescita felice dei costi sanitari 7 MAR 2014 OMEOPATIA
L'omeopatia perde un grande amico, la scienza un grande pensatore e il mondo un uomo libero 5 FEB 2014 OMEOPATIA
Il miglior regime di vita secondo l'omeopatia 7 MAG 2013 ALIMENTAZIONE
Continua ad aumentare il successo dell'Omeopatia tra i cittadini europei 17 AGO 2012 OMEOPATIA
Medicinali Omeopatici: dimostrata la riproducibilità in laboratorio 2 MAG 2012 OMEOPATIA
L'omeopatia tra informazione e disinformazione 5 MAR 2012 OMEOPATIA
La medicina degli Affari - Ovvero: il Davide omeopatico contro Golia Big-Pharma 22 GEN 2012 SALUTE
Il diavolo e l'omeopatia 8 NOV 2011 OMEOPATIA
Oltre la metà dei medici di famiglia è d'accordo sull'impiego della medicina omeopatica nella pratica clinica 28 MAG 2011 OMEOPATIA
Prevenzione omeopatica della malaria 18 APR 2011 OMEOPATIA
Evoluzione di un omeoscettico. In risposta alla crociata contro l'omeopatia 22 FEB 2011 OMEOPATIA
10:23 Una occasione fallita 6 FEB 2011 OMEOPATIA
Un Nobel per l'Omeopatia 8 GEN 2011 OMEOPATIA
Quale medicina vogliamo per il futuro? 27 DIC 2010 SALUTE
L'impiego della Medicina Omeopatica nella patologia muscolo-scheletrica 20 OTT 2010 OMEOPATIA
Davide e Golia, la tensione tra la Medicina Omeopatica e l'industria del farmaco convenzionale 6 SET 2010 OMEOPATIA
Omeopatia efficace per otto persone su dieci 9 LUG 2010 OMEOPATIA
Le piante risentono dell'effetto placebo o sono davvero sensibili ai farmaci omeopatici? 16 GIU 2010 OMEOPATIA
Anche i topolini sono sensibili alle medicine omeopatiche 17 MAG 2010 OMEOPATIA
L'omeopatia nelle malattie allergiche e respiratorie 3 MAG 2010 OMEOPATIA
I dolori e le irregolarità mestruali trattati con l'Omeopatia 15 MAR 2010 OMEOPATIA
La Medicina Omeopatica per la cura degli animali 15 MAR 2010 OMEOPATIA
'Omaggio' agli eroici sperimentatori inglesi contrari all'omeopatia 11 MAR 2010 OMEOPATIA
Invecchiare bene attraverso l'impiego della medicina omeopatica 21 GEN 2010 OMEOPATIA
Che cosa è la medicina omeopatica 18 DIC 2009 OMEOPATIA
Come difendersi dal raffreddore con l'Omeopatia 18 NOV 2009 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di Alberto Magnetti







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione