Alimentazione

La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi)

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Alimentazione

fagioli
Gli italiani stanno riscoprendo i fagioli, anche come sostituto della (più costosa) carne

Gli Italiani li stanno riscoprendo, anche come sostituto della (più costosa) carne. I produttori confermano il periodo positivo. I problemi? Rapporti complicati con l’industria di trasformazione e mercato dei semi ormai monopolizzato dalle multinazionali

Da un lato i rapporti non sempre facili con la grande distribuzione e con l’industria di trasformazione. Dall’altro, la concorrenza estera a basso costo, i comportamenti scorretti di chi usa prodotto importato come se fosse Made in Italy, il peso delle multinazionali detentrici dei brevetti di molti semi utilizzati dai coltivatori.

In mezzo ci sono i produttori. Alle prese con problemi analoghi a molte altre filiere e con una consapevolezza crescente: uniti si vince e si aumentano i margini di guadagno. Al netto di tutto, una frase, confidataci da uno dei molti addetti ai lavori intervistati: «Quando c’è da piangere è giusto lamentarsi. Ma in questo momento non possiamo farlo».

Consumi e controvalori in crescita
Fra i filari di fagioli, i segnali positivi in effetti sembrano superare le (inevitabili?) ombre. A partire da una produzione stabile (quella del prodotto secco si attesta attorno ai 120mila quintali, concentrata in 8 regioni, vedi grafico ) e da consumi in crescita, anche grazie allo scomodo alleato della recessione economica: la “carne dei poveri”, tradizionale appellativo dei legumi, aumenta sulle tavole italiane. Che non sia un male dal punto di vista sanitario, lo lasciamo dire ai nutrizionisti. Che sia un vantaggio per i produttori lo dicono i numeri (vedi grafico): dal 2009 il consumo di fagioli freschi è cresciuto dell’8% e del 2% quello dei fagioli in scatola. Ancora più consistenti gli aumenti dei controvalori economici: +12.2% per il prodotto fresco e +15,6% per il secco.

L’importanza dei contratti di filiera
«Tra le varie regioni ci sono forti differenze nei consumi – spiega Franco Ramello, responsabile economico di Coldiretti Piemonte – ma la cultura dei legumi si sta diffondendo anche nelle aree meno abituate a mangiarli (soprattutto nel Nord-Ovest, ndr). Negli ultimi 3-4 anni, i prodotti italiani sono sempre più ricercati e questo permette di strappare migliori prezzi nei rapporti con l’industria».

Un tassello, quest’ultimo, essenziale per il buon funzionamento della filiera («la presenza di industrie italiane permette una rapida trasformazione del prodotto fresco, essenziale per mantenere inalterate le sue caratteristiche e conservarne la qualità» ammette Ramello). Ma l’industria appare ancora poco disposta a sottoscrivere contratti di filiera, che assicurino una giusta remunerazione dei produttori: 130-150 euro al quintale per le varietà nane che permettono una semina e raccolta meccanizzata; 300-350 euro per le varietà rampicanti che impongono la raccolta a mano. «Purtroppo molto spesso i prezzi offerti sono minori. Colpa anche del prodotto secco che arriva dall’estero (soprattutto Cile e Canada, ndr) a 50-60 dollari al quintale e talvolta mischiato con i fagioli italiani, per aumentare i profitti».

La soluzione sarebbe arrivare a contratti pluriennali: «In alcuni casi già si sottoscrivono contratti triennali – prosegue Ramello –. Facendoli a inizio campagna, permettono di sterilizzare la volatilità e l’oscillazione dei prezzi e danno agli agricoltori la certezza di poter fare investimenti».

I vantaggi dell’unità
Per stare nei costi e aumentare il potere contrattuale, essenziale è la nascita di consorzi di vendita, da affiancare a quelli di tutela. Significativa è in tal senso l’esperienza di Fagiolcoop, che da tre anni riunisce i 60 produttori del Piemonte. Prima della sua nascita ciascun agricoltore vendeva il proprio raccolto a operatori commerciali locali che pagavano prezzi molto bassi («60-80 euro al quintale» ricorda Ramello) e rivendevano il prodotto all’industria. Unendosi, i produttori piemontesi hanno reso inutile tale passaggio: «Abbiamo rapporti diretti con l’industria, alla quale offriamo i fagioli già puliti, selezionati e confezionati in sacchi da 10-20 kg. Fagiolcoop fa una fattura unica e paga poi i vari soci in base alle rispettive quantità conferite». Il risultato: i prezzi di vendita dei fagioli (rampicanti) sono saliti a 350-360 euro a quintale. «La cooperativa – aggiunge Pietro Marchisio, presidente del mercato ortofrutticolo di Boves (uno dei più importanti per il commercio di fagioli piemontesi) – ha permesso di raggiungere nuovi mercati e di garantire ad acquirenti di grandi dimensioni i quantitativi sufficienti per soddisfare gli ordini».

Il problema dei semi brevettati
La filiera, dunque, si può semplificare con vantaggi per tutti. C’è però un altro “nemico” da affrontare. E le soluzioni, in questo caso, sono più complesse. Rivela Marchisio: «Le multinazionali delle sementi da ormai 10-15 anni hanno in mano il mercato delle nuove varietà di semi, la cui riproduzione è vietata». Tipologie diffuse perché più richieste dai consumatori: «I fagioli risultavano più belli, più rossi, più conservabili e quindi, all’inizio, avevano più mercato».

Il problema è che, avendone il monopolio, le ditte proprietarie del brevetto possono fornire anche semi di qualità più scadente senza troppi problemi: «Se il prodotto che ne deriva è peggiore, può essere venduto solo a prezzi inferiori e i margini di guadagno si riducono». Purtroppo, ormai quasi tutti i produttori utilizzano tali semi, mentre si sono via via perdute le tipologie tradizionali. «L’unica soluzione passa per la loro riscoperta – commenta Marchisio – ma chi ha ormai la forza per avviare questo sforzo?».



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE
Gas contro biogas: uccidono l'agricoltura 13 GEN 2012 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione