Infanzia

La crisi dell’etica del lavoro nei bambini: cause e soluzioni


CATEGORIE: Infanzia

bambini
Nessuna responsabilità, noia, scarsa capacità di problem solving, pochi interessi. L'etica del lavoro dei bambini è in crisi

La lotta con l’etica del lavoro nei bambini, uno dei fattori chiave per il successo nella vita, è una delle preoccupazioni più comuni espresse da genitori, insegnanti e professionisti.

Di seguito sono riportate le preoccupazioni espresse da una madre di un bambino di 6 anni, che è venuto a chiedere consiglio ai genitori da me la scorsa settimana:

"Mio figlio vuole solo fare ciò che vuole. Evita qualsiasi attività che percepisce come noiosa o impegnativa. Non mostra alcun interesse nel fare faccende, puzzle, leggere, disegnare o scrivere. Anche vestirsi e uscire è una lotta. Quando inizia un'attività, chiede costantemente aiuto, si annoia o si sente frustrato e si arrende rapidamente. I suoi insegnanti mi riferiscono che non si impegna nel suo lavoro né mostra capacità di problem solving ".

Simili problematiche sono condivise da molti genitori e sono evidenti in ogni classe.

La mancanza di etica del lavoro è spesso associata a condizioni neurologiche. Tuttavia, sono più preoccupata per il forte aumento di questi problemi tra i bambini in via di sviluppo. Questi sono i ragazzi a cui mi riferisco in questo blog.

L'etica del lavoro è simile a un muscolo. Può essere rafforzato con un allenamento adeguato o indebolito con l'uso improprio. La cattiva notizia è che l'etica del lavoro dei bambini è in crisi e noi, genitori, abbiamo molto a che fare con questo. La buona notizia è che con un allenamento adeguato puoi migliorare l'etica del lavoro di tuo figlio.

Illusione: molti fattori nella genitorialità moderna contribuiscono alla crisi dell'etica del lavoro dei bambini. Come genitori, riempiamo i nostri bambini di “bolle” e li teniamo nella loro zona di comfort. Nella loro mente, abbiamo creato l'illusione che la vita sia un picnic pieno di gratificazione immediata e divertimento infinito. Abbiamo fatto credere ai nostri figli che la vita fosse tutta incentrata su se stessi ed un susseguirsi di "faccio cosa voglio e quando lo voglio". Allo stesso modo, abbiamo insegnato loro che la vita è libera da responsabilità e sfide poiché tutto cade sul loro piatto d'oro senza alzare un dito. Abbiamo fatto credere loro che nella vita "ognuno vince un trofeo" indipendentemente dai suoi sforzi e "niente è colpa tua".

Realtà: perché stiamo ingannando i nostri figli? Stiamo raccontando ai nostri bambini una favola. Li stiamo crescendo per una realtà artificiale, non per il mondo reale. La vita non è un picnic. Non c'è una bacchetta magica, nessun piatto d'oro, nessun divertimento senza fine. Sappiamo tutti che la vita è dura. La vita è piena di lavoro noioso, gratificazione ritardata, sfide e responsabilità. Si tratta principalmente di fare ciò che è necessario per ottenere ciò che si desidera. La "magia" accade soprattutto quando ci spingiamo fuori dalla nostra zona di comfort, lavoriamo sodo attraverso le sfide e la noia.

Risultati: quando teniamo i nostri bambini in una bolla abbiamo in mente le migliori intenzioni per renderli felici. Sfortunatamente, li rendiamo felici al momento, ma tristi a lungo termine. Tenere i bambini in una bolla protettiva ostacola lo sviluppo di responsabilità, l’indipendenza, il problem-solving, la perseveranza e la resilienza. In tal modo, li priviamo dello sviluppo dell'etica del lavoro, che è un elemento fondamentale per il successo della vita. Con le migliori intenzioni in mente, stiamo lasciando i nostri figli impreparati alla vita reale.

Soluzioni. Di seguito è riportato un elenco di consigli che hanno aiutato centinaia di miei clienti a migliorare la capacità di etica del lavoro dei figli:

1. I bambini beneficiano di uno schema visivo che indica le attività da fare prima e dopo la scuola

2. Introduci nella vita quotidiana del bambino il concetto di "prima" e "dopo" per allenare la gratificazione ritardata e il duro lavoro. 'Prima' fai ciò che è necessario e 'poi' ciò che è voluto: 'Prima' i compiti a casa, 'poi' gioca; 'Prima' riordina i giocattoli, 'poi' esci; 'Prima' porta i pattini, quindi pattina; 'Prima' sbuccia una banana, 'poi' mangiala; 'Prima' guadagna, 'poi' spendi.

3. Evitare l'uso della tecnologia come servizio di babysitting gratuito e fornire occasioni per annoiarsi:

- trascorrere tempo davanti allo schermo non è raccomandato per bambini sotto i 2 anni.
- Per i bambini dai 2 ai 5 anni, il tempo di visualizzazione dovrebbe essere limitato a 1 ora al giorno (vedere le linee guida).
- Evita di utilizzare i gadget per alleviare la noia durante i tragitti in auto, i pasti e mentre si aspetta qualcosa.
- Assicurati che il bambino abbia del tempo non impegnato e insegnagli ad occupare il tempo facendo una lista di attività prive di tecnologia per quando si sente annoiato.

4. Coinvolgete i bambini fin da subito nella cura di loro stessi e nelle faccende quotidiane per insegnare loro la responsabilità e ciò che è necessario:

- Capacità di vita come alimentarsi, vestirsi, lavarsi i denti
- Faccende come fare il letto, preparare un tavolo da pranzo, mettere i vestiti sporchi nel cesto, innaffiare le piante, caricare/scaricare la lavastoviglie, dare da mangiare a un animale domestico, smistare / piegare il bucato e persino lavare le auto.

5. Insegna le attività tradizionali dei bambini che richiedono uno sforzo continuo per ottenere risultati:
-  Ad esempio lavorazione del legno, giardinaggio, pesca, cucito, lavorazione con argilla, pittura su ceramica, creazione di un mosaico, colorazione per numero/colore, costruzione di fortini per coperte, creazione di biglietti di auguri fatti a mano e scrapbooking.

6. Non rimuovere gli ostacoli della loro vita quotidiana. Usali per promuovere la risoluzione dei problemi:

- Incoraggia i bambini a scegliere i loro vestiti al mattino, spingili a prendere decisioni nei ristoranti, quando acquistano vestiti e generi alimentari
- Se una palla rotola sotto un divano, il latte si è rovesciato o la cerniera si è bloccata, non correre ad aiutare, incoraggia il bambino a trovare una soluzione

7. Lascia che falliscano e usa il loro fallimento come un'opportunità di apprendimento:

- ad esempio: non portare il pranzo o l'ordine del giorno dimenticati a scuola, non ri-acquistare un giocattolo perso.

8. Aumenta la resistenza fisica perché è strettamente correlata alla resistenza mentale:

- Riduci al minimo l'uso di passeggini, includi tra le attività escursioni, nuoto, ciclismo.

9. Discuti in famiglia dell’etica del lavoro:

- Spiega che la noia è un normale stato umano, la nostra vita consiste in attività che vogliamo fare e attività che dobbiamo fare; la vita ci presenta delle sfide e il nostro obiettivo è imparare a superarle anziché scappare da esse.

10. Rendi il processo di insegnamento positivo e connesso:

- Non puoi aspettarti che un bambino faccia ciò che non gli hai ancora insegnato
- Inizia dal livello di abilità del tuo bambino e aumenta gradualmente le tue aspettative
- La positività è la chiave. Se il processo di insegnamento è positivo, i bambini saranno motivati a continuare a praticare le abilità e percepiranno i genitori come partner nel processo di apprendimento.

Il modo migliore per insegnare ai bambini è il loro modello di comportamento. Essere genitori è il lavoro più duro mai creato e richiede un alto livello di etica del lavoro da parte nostra. Investendo consapevolmente il nostro tempo e le nostre energie nel nostro lavoro genitoriale, non cercando "scorciatoie" nella genitorialità, insegniamo ai nostri figli il vero significato dell'etica del lavoro. La nostra etica del lavoro di oggi è la loro etica del lavoro di domani. Investire nell'etica del lavoro dei nostri figli è l'investimento più sicuro con i più alti rendimenti a lungo termine. Scoppiamo la bolla e prepariamoli per il successo!

 

 



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione