Denuncia sanitaria

La corruzione è un cancro che uccide la nostra salute

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

corruzione

Si può discutere a lungo sulle "terapie" utili per curare il Servizio sanitario nazionale. Però su un aspetto tutti - amministratori locali, ministri, direttori sanitari, esperti, medici...- dovrebbero concordare: la corruzione è un male endemico e profondo che distrugge il nostro Ssn. Ma forse non è molto diffusa questa consapevolezza. Anche se esistono, non da moltissimi anni in verità, alcune contromisure per arginare i comportamenti criminali. Probabilmente sono insufficienti, oppure non vengono messe in pratica con il dovuto rigore.

 

La cronaca, per fortuna non tutti i giorni, ci racconta di ruberie e di dirigenti prezzolati, di mazzette e di costi esorbitanti dei materiali sanitari, di corrotti ad ogni livello del sistema. Siamo così abituati a leggere di queste vicende che a volte le notizie vengono ridotte all'essenziale. Come se ormai fossimo assuefatti. Come se il ladrocinio rientrasse nella normalità del quotidiano.

 

Però non può non colpire il fatto che mentre il Fondo per la Sanità resta al palo, e mentre sarebbero necessari alcuni miliardi in più per affrontare i problemi ordinari e straordinari del settore, alcuni "addetti ai lavori" sottraggono ricchezze proprio dagli stanziamenti, già insufficienti per curare tutti. Per cui i corrotti e i corruttori non solo arraffano soldi, ma rubano la salute a milioni di persone, se è vero che la "torta" del malaffare sottrae al Fondo nazionale almeno 6 miliardi di euro (cifra approssimativa, per difetto; quella degli sprechi è molto più alta).

 

Sul caso dell'Ospedale del Mare di Napoli non ci si può fermare all'indignazione. Perché può aiutare a ragionare su cosa non funziona. L'indagine della Guardia di Finanza della città ha portato a sei arresti (una dirigente dell'unità addetta all'acquisizione dei beni e dei servizi della Asl Napoli 1 Centro, un imprenditore di una società di rivendita di articoli medicali, e altri 4 tra parenti e collaboratori), con l'accusa di appalti truccati e corruzione su forniture ospedaliere. L'inchiesta si è concentrata sulle procedure di approvvigionamento di strumentazioni medicali, acquistate a prezzi maggiorati fino al 300 per cento in più. Allora: perché deve essere la GdF a verificare la corruzione? Non esiste una prassi strutturata e consolidata, in modo da evitare facili ruberie? Non c'è un responsabile interno alla Asl, con compiti esclusivamente anti-corruzione?

 

Tempo fa Raffaele Cantone, presidente dell'Anac (Autorità nazionale anti corruzione), ha sostenuto che nelle amministrazioni delle Asl, manca il know-how utile per realizzare gli appalti secondo "scelte consapevoli, accorte, documentate, trasparenti". D'altra parte se si fanno acquisti a prezzi triplicati, o non si è in grado di verificare la dinamica dei prezzi dei materiali sanitari, oppure la struttura che decide e gestisce la compravendita è interamente "inquinata".

 

La terza ipotesi è che la figura del responsabile dell’anti corruzione all’interno delle strutture sanitarie, sia ancora ai nastri di partenza, anche se sappiamo che è presente in centinaia di Asl. Pertanto potrebbe già esistere una Rete di legalità che, secondo Cantone, dovrebbe funzionare come la Protezione Civile. E ora non è così. La legge anti corruzione nella Sanità risale al 2012 ma viene attuata con lentezza, con difficoltà, si scontra con troppi ostacoli burocratici, strutturali, amministrativi. Per dire: i ritardi hanno spinto Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, a scrivere mesi fa a tutte le Asl, invitandole a nominare al più presto il responsabile anti corruzione.

 

Sia chiaro: non credo nelle bacchette magiche ma nei "grimaldelli", che permettano di spendere i soldi pubblici in modo trasparente e facilmente controllabile. Sono convinto che nonostante le complicità, gli interessi - anche della criminalità organizzata - nei confronti del grande business sanitario, la legalità può essere vincente. Soprattutto se si è consapevoli che ogni euro rubato mette a rischio la nostra salute: moralmente, la corruzione nella Sanità è tentato omicidio.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
La Fabbrica dei Malati  Marcello Pamio   Revoluzione Edizioni

La Fabbrica dei Malati

come l'industria farmaceutica crea milioni di malati

Marcello Pamio

“La scienza medica è un'impresa industriale gestita e controllata da produttori (medici, ospedali, laboratori farmaceutici) che incoraggiano la diffusione di procedimenti d'avanguardia costosi e complicati, e riducono così il malato e i suoi familiari allo stato di docili clienti” - Ivan Illich “Il modello di business… Continua »
Pagine: 160, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Revoluzione Edizioni
13,90 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Lunghe attese? Più soldi più personale più strutture 5 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Sugar Tax sulle bibite? È solo un altro balzello 21 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Tra redditi, pensioni, tasse la Sanità resta Cenerentola 21 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Torna la guerra sui vaccini ma ora è anche nel M5S 6 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità 16 MAG 2018 SALUTE
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Quelle voci della scienza che nessuno ha ascoltato 3 OTT 2017 VACCINAZIONI
La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La scienza non democratica e il popolo "ignorante" 9 SET 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione