Denuncia sanitaria

18 gennaio 2014 – Convegno “Cosa ci fa ammalare e come prevenire le malattie?” (Dr. Roberto Gava)



inquinamento
L'inquinamento di cibo, aria e acqua sta superando i limiti di sopportazione del nostro organismo e non siamo assolutamente coscienti della sua gravità

Cosa ci fa ammalare e come prevenire le malattie?”. È questo il titolo del convegno che si terrà a Padova il 18 gennaio prossimo. Gli obiettivi sono di fornire le conoscenze necessarie per saper interpretare tutti i messaggi che il nostro corpo ci invia prima di ammalarsi, quali esami ematochimici e strumentali eventualmente fare e come utilizzare i più potenti strumenti di cui disponiamo per non ammalarci: una corretta igiene di vita, una corretta alimentazione, il modo per vivere sereni anche in mezzo alle difficoltà della vita e moltissimi consigli di Medicina Naturale per salvaguardare il nostro corpo e proteggerlo dagli insulti della vita quotidiana (stress, inquinamento, fretta, stanchezza, poco sonno, dispiaceri, ecc.).

L'inquinamento di cibo, aria e acqua sta superando i limiti di sopportazione del nostro organismo e non siamo assolutamente coscienti della sua gravità. L'inquinamento ambientale, l'uso eccessivo dei farmaci, lo stress familiare, lavorativo e sociale, la cattiva alimentazione e più in generale una scorretta igiene di vita minacciano tutti, ma i particolare i bambini.

L'organismo di un soggetto adulto ha iniziato ad essere squilibrato da queste sostanze patogene da grande e cioè dopo che era già ben strutturato, mentre i bambini vengono squilibrati fin da subito, anzi da prima ancora di nascere. Pertanto, è doveroso chiedersi: Cosa sarà di loro tra 10-15 anni?

Ci sono degli oncologi che sostengono che, se non modificheremo drasticamente la tendenza attuale a scaricare nell'ambiente milioni di tonnellate all'anno di nuove e vecchie sostanze tossiche, entro 15-20 anni saremo tutti colpiti dal cancro.

Nell'attesa che qualcosa cambi a livello sociale, ogni individuo ha il dovere di far qualcosa subito, cioè oggi stesso, per cambiare e migliorare la sua condizione personale perché, con le conoscenze di cui oggi disponiamo, ci sono molte cose che si possono fare per proteggere sia noi stessi che, in modo particolare, i nostri figli.

Tutto questo, però, è possibile solo se si conoscono la realtà attuale, gli errori più comuni che possiamo evitare e i fattori protettivi che ci possono difendere.

Non possiamo aspettare di ammalarci gravemente per fare qualcosa. L'informazione e l'acquisizione di sempre nuove conoscenze sanitarie oggi sono non solo un diritto, ma anche un dovere per ogni persona.

Proprio in quest'ottica le relazioni del convegno che si terrà a Padova saranno organizzate in modo da lasciare grande spazio a domande e interventi degli ascoltatori. L'obiettivo finale, infatti, non è quello di parlare ex cathedra, ma di fornire stimoli di riflessione sul tema della prevenzione delle malattie, affinché anche gli ascoltatori intervengano ponendo domande, aggiungendo la loro esperienza e contribuendo ad arricchire in questo modo le conoscenze di tutti.


---> L'ISCRIZIONE E' OBBLIGATORIA. CLICCA QUI PER EFFETTUARLA E PER MAGGIORI INFORMAZIONI



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccinazioni - Lettera aperta all'onorevole Alessia Morani 9 AGO 2017 VACCINAZIONI
L'inquinamento uccide le proteine. Quali rischi per le persone? 4 AGO 2017 DENUNCIA SANITARIA
Erbicidi e pesticidi aumentano il rischio di disturbi respiratori 4 AGO 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come evitare le intossicazioni alimentari in vacanza 4 AGO 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura di agosto: ecco i prodotti di stagione 2 AGO 2017 ALIMENTAZIONE
Uso di antibiotici e antibiotico-resistenza: Efsa conferma il legame 2 AGO 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, Assessore Coletto: nessun bambino resterà a casa 31 LUG 2017 VACCINAZIONI
Ritirati antidepressivo e antinfiammatorio Pfizer 31 LUG 2017 SALUTE
Bambini: un pisolino migliora la memoria 31 LUG 2017 SALUTE
Demenza: ecco i nove fattori di rischio 25 LUG 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Salute delle ossa, anche un minuto di corsa al giorno fa bene 25 LUG 2017 SALUTE
Aifa: online i dati sulle reazioni avverse dei farmaci 24 LUG 2017 SALUTE
Vaccini: a Milano e Roma in migliaia contro l'obbligo 24 LUG 2017 VACCINAZIONI
Alimentazione: basta poco per ridurre la mortalità 21 LUG 2017 ALIMENTAZIONE
Diabete e scelte alimentari: 5 consigli per prevenire la malattia 21 LUG 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini, Zaia: "ricorreremo anche se il decreto è legge" 21 LUG 2017 VACCINAZIONI
Antibiotico resistenza: il nuovo piano dell'Ue 19 LUG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Parkinson e Alzheimer, il potere terapeutico della musica 19 LUG 2017 SALUTE
I tatuaggi all’hennè sono innocui? 19 LUG 2017 SALUTE
Anche in Italia i rimedi omeopatici diventano farmaci per legge 19 LUG 2017 OMEOPATIA
Dopamina: l'ormone della felicità aiuta il sistema immunitario 17 LUG 2017 SALUTE
Vaccini: Veneto presenta ricorso contro “decreto coercitivo” 17 LUG 2017 VACCINAZIONI
Cioccolato fondente: ecco perché fa bene anche al cervello 14 LUG 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini: slitta l'approvazione del decreto 14 LUG 2017 VACCINAZIONI
Dilagano i prodotti “free form”: senza conservanti, zuccheri e olio di palma 14 LUG 2017 ALIMENTAZIONE
Abbronzatura artificiale e melanoma: brutte notizie dall'Oms 12 LUG 2017 DENUNCIA SANITARIA
“La salute nelle città è un bene comune”: lettera aperta ai sindaci 12 LUG 2017 SALUTE
Olanda: a 12 anni rifiuta la chemioterapia e il giudice gli dà ragione 12 LUG 2017 SALUTE
Troppo zucchero in gravidanza? Ecco perché fa male al bambino 10 LUG 2017 SALUTE
I cambiamenti climatici provocano 12,6 milioni di decessi ogni anno 7 LUG 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione