Salute

Consigli contro il caldo


CATEGORIE: Salute

L'Italia soffoca sotto il peso del caldo desertico, particolarmente marcato al Sud e nelle grandi metropoli. L'afa record potrebbe tradursi in cifre drammatiche. Nella calda estate del 2003 furono registrati 7.600 decessi in Italia, 35 mila in tutta Europa. Per ogni grado di temperatura si calcola la crescita della mortalità del 3%. Queste cifre sono contenute nel rapporto "Cambiamento climatico e salute in Italia" presentato dall'Oms (Organizzazione Mondiale di Sanità) e Apat (Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici).

Tutti siamo a rischio.  Il mix inquinamento e caldo può pertanto costituire un'ondata mortale non solo per i soggetti più deboli, come anziani e bambini, ma anche per giovani e adulti che in condizioni normali ignorano d'avere patologie cardio-circolatorie. Occorre tener presente che l'innalzamento delle temperature incide indirettamente anche sulla crescita delle malattie infettive e alimentari, causate dalle punture degli insetti o dal cibo avariato dal caldo. Ad esempio, ogni grado in più sulla temperatura aumenta del 5-10% i casi di salmonella. Il rischio è serio e ignorarlo sarebbe irresponsabile.

Cosa fare? Prevenire è meglio che curare. E' uno slogano datato ma sempre valido. L'estate scorsa il governo francese ha calcolato di aver salvato 4 mila vite umane grazie alle misure di prevenzione.

I consigli contro il caldo. Quest'articolo di servizio vuole contribuire alla divulgazione di alcuni consigli pratici per evitare malori.

* Bere due litri e mezzo di acqua al giorno

* Mangiare cibi leggeri, frutta e verdura

* Evitare di uscire nelle ore più calde, dalle 11:00 alle 18:00

* Vestirsi con abiti leggeri

* Avere a portata di mano il telefono e i numeri del pronto emergenza, del proprio medico curante, di amici e conoscenti per chiedere aiuto

* Evitare i parchi urbani dove si registrano alti valori di ozono

* Evitare l'attività fisica e gli sforzi

* Ventilazione e riparo dal sole

* Applicare retine contro gli insetti a porte e finestre, sono efficaci ed economiche, evitando il ricorso a prodotti chimici

* Attivare il climatizzatore ma con moderazione, non creare eccessivi sbalzi di temperatura negli ambienti diversi della casa

Quali sono i sintomi del caldo sullo stato di salute? I primi sintomi del malore da caldo sono l'insorgere del mal di desta e di un senso di debolezza, quasi di svenimento, nausea e sete intensa. Possono presentarsi anche crampi, tachicardia e dolori al torace. Il ministero della Salute ha attivato dal 1 giugno un call center 1500, tutti i giorni dalle 8 alle 20, per chiedere consigli e informazioni.

Al primo sintomo di malore contattare il proprio medico curante.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o o o x  | Votazioni (1)

Articoli di Toso Fulvio

Se si tratta di Omeopatia Clinica 17 NOV 2008 OMEOPATIA
E' scomparso il dott. Ruben Techiouba - Medico Omeopata 17 OTT 2008 OMEOPATIA
L'omeopatia è un atto medico! 15 MAG 2008 OMEOPATIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione