Salute

Il concetto di malattia


CATEGORIE: Salute

salute
La salute è una condizione di benessere, cioè di armonico equilibrio, fisico, psichico e sociale dell’individuo

Oggi si parla tanto di salute e di malattia, anzi, pare che siamo un po’ tutti malati, ma conosciamo veramente cosa significhi malattia, come ci stiamo approcciando ad essa (sia personalmente sia con la politica sanitaria nazionale), e come dovremmo invece accostarci per ripristinare o comunque per salvaguardare la nostra salute?
Ho affrontato anche questo tema in un mio recente testo (Muldisciplinarietà in Medicina) e, data la grande importanza che questo argomento riveste, desidero riprendere alcuni concetti essenziali in modo da diffonderlo in questa sede.

La salute è una condizione di benessere, cioè di armonico equilibrio, fisico, psichico e sociale dell’individuo e non consiste solo in un’assenza di malattia o di infermità.

Tutti gli organismi, per rimanere nella condizione di salute, devono mantenere un complesso equilibrio dinamico od omeostasi, in quanto sono costantemente sottoposti a sollecitazioni da parte di forze avverse interne ed esterne definite stressors.
La risposta adattiva dell’organismo, per mantenere l’omeostasi in risposta agli stressors, può essere definita ‘allostasi’, termine che significa ‘capacità di mantenere la stabilità attraverso il cambiamento’.

Il termine ‘eustasis’ viene utilizzato per indicare una risposta appropriata, quello di ‘cacostasis’ indica un adattamento non ottimale, in quanto caratterizzato da una risposta inadeguata, eccessiva e/o prolungata.

I mediatori prodotti dal sistema immunitario, dal sistema nervoso autonomo e dall’asse ipotalamo-ipofisi-surrene possono produrre usura a livello del soma e del cervello, che pertanto vanno incontro a quello che è stato definito “carico allostatico”.

Il termine ‘malattia’ deriva da mala-actio, ossia malattia indotta per azione errata, dovuta all’ignoranza della mente del soggetto(ego/io).
La malattia intesa come vissuto del malato è caratterizzata dalla sensazione, dall’esperienza totalmente personale e soggettiva della perdita della salute. Spesso è accompagnata dalla presenza della malattia “oggettiva”, ma non necessariamente.

La malattia intesa coma ‘modello medico’ è caratterizzata da un processo patologico, da una deviazione da una norma biologica. Intrinseca in questa definizione vi è una oggettività che permette ai medici di vedere, toccare, misurare il processo patologico. Di solito è accompagnata dalla malattia come esperienza soggettiva, ma non necessariamente.

In generale, con il termine malattia viene definito uno stato patologico per alterazioni delle funzioni di un organo o di tutto l’organismo. Attualmente, viene intesa come un’alterazione dei fenomeni biochimici o fisiologici dell’organismo, provocata da un fenomeno esterno all’organismo stesso o da un fenomeno interno di natura genetica.

Secondo W. E. Boyd (I970), “la malattia è il cambiamento di una condizione in cui l’organismo è in completo accordo con il suo ambiente; essa è un’entità con una causa riconosciuta, cambiamenti morfologici e manifestazioni cliniche”.
Secondo I. E. Perry e R. Gibson Miller (1978), “malattia è ogni modificazione della struttura e della funzione dell’organismo”.

Il concetto di malattia può essere inteso secondo due modelli principali: quello ontologico e quello funzionale o relazionale.


I modelli di malattia
1 - Il modello ontologico (proprio della medicina accademica)

Il modello ontologico considera la malattia come un ente, come qualcosa di autonomo ed esogeno rispetto all’organismo. Mira ad identificarla e a localizzarla nello spazio, ne ricerca i fattori eziologici e causali, ne prevede l’evoluzione temporale, si esprime in termini prognostici e, in generale, fa prevalere la nozione di spazio su quella di tempo e la nozione di organo su quella di organismo.
La concezione ontologica risulta fondamentalmente rassicurante sia per il paziente, sia per il medico. Essa deresponsabilizza il paziente, in quanto lo esonera da eventuali responsabilità inerenti alla sua comparsa e non lo invita, in modo chiaro e sollecito, a prendersi cura della propria salute e a collaborare con il medico. Essa deresponsabilizza in parte anche il medico, in quanto non lo invita a ricercare le cause di disarmonia più profonde in ogni paziente, ciò che rappresenta il suo personale concetto di “bene” e ciò che gli consente di raggiungere, anche attraverso la malattia, uno stato di benessere.
Il paziente è portato a temere la malattia, a considerarla come un temibile nemico che lo ha aggredito o che lo può aggredire. Egli assume pertanto il ruolo di combattente o quello di vittima di un destino avverso. Cerca nel medico la figura del tecnico e dell’alleato contro la malattia, ma spesso si affida a lui passivamente, lo lascia combattere da solo o lo abbandona e non ne segue i consigli.
Il medico è portato ad assumere il ruolo del tecnico che deve localizzare la malattia e deve perfezionare i suoi strumenti d’indagine per giungere a brillanti diagnosi. Questo ruolo spesso lo induce a trascurare l’aspetto umano del paziente, la necessità di comprenderlo e di condividerne l’aspetto emozionale e i vissuti interiori.
La concezione di malattia, secondo il modello ontologico, inevitabilmente distorce anche il rapporto medico-paziente. Esso risulta disumanizzato e filtrato dall’intervento di ultraspecialisti, o diventa un’alleanza diretta unicamente a ricercare e a combattere la malattia e ad eliminare i sintomi che rivelano “il male” del paziente.


2 - Il modello funzionale o relazionale (proprio della medicina omeopatica e della psicoanalisi)
Il modello relazionale considera la malattia come endogena, reattiva e complessivamente benefica, la valuta in senso dinamico e ritiene che sia il risultato di situazioni di armonia e di disarmonia, di equilibrio e di non equilibrio e, in definitiva, una reazione di difesa dell’organismo. Riconosce un’unità tra psiche e soma, fa prevalere la nozione di tempo su quella di spazio e la nozione di organismo su quella di organo.
La concezione relazionale risulta fondamentalmente piuttosto impegnativa, sia per il paziente, sia per il medico. Essa infatti responsabilizza il paziente, in quanto gli impedisce di attribuire unicamente a cause esterne i motivi della sua sofferenza e delle sue sensazioni di disagio, lo invita ad intraprendere un cammino introspettivo, a riconoscere dentro di sé l’origine della malattia e quindi, a conquistare lo stato di salute. Essa responsabilizza il medico, in quanto gli impedisce di limitare la sua ricerca a cause genetiche od infettive, lo costringe a risalire sempre a quelle condizioni che hanno permesso l’instaurarsi della malattia, che non consentono un adattamento “armonico” del paziente e lo predispongono a complicanze, ricadute o ad ulteriori malattie.
Il paziente è portato ad assumere un ruolo attivo nel processo curativo. Prende coscienza di ciò che avviene nella sua psiche e nel suo corpo, riconosce nei disturbi dei segnali di disagio più profondo ed è indotto a modificare i suoi comportamenti. Cerca nel medico la figura dell’alleato che lo aiuti a riesaminare la sua vita, non solo per curare la malattia, ma anche per ricercare una nuova strada atta a ristabilire armonia ed equilibrio.
Il medico è portato ad esaminare la malattia in senso dinamico, a rilevarne la funzione reattiva e benefica e a rispettare il significato dei sintomi. Egli deve cercare di comunicare con il paziente; ne deve comprendere l’aspetto umano e condividerne i pensieri, i sentimenti e le emozioni. Deve cercare le situazioni di disarmonia e di sofferenza che lo hanno allontanato dallo stato di salute. Inoltre, nell’assumere il compito di curare il paziente, deve avvertire anche il dovere di confortarlo, di farsi carico dei suoi eventi di crisi, di favorirne la crescita e la trasformazione in senso evolutivo, anche indipendentemente dal risultato immediato dell’atto terapeutico.
La concezione di malattia, secondo il modello funzionale o relazionale, consente che il rapporto medico-paziente diventi una vera cooperazione. Essa infatti, essendo diretta ad esaminare fatti obiettivi, situazioni e vissuti interiori, consente di evidenziare i momenti di crisi di ogni paziente, ma anche i suoi possibili errori di comportamento e la necessità di operare alcuni cambiamenti. Questo processo interattivo permette di attivare meccanismi di autoguarigione del paziente, lo prepara a ricevere l’intervento terapeutico e amplifica le sue risposte alla cura.



Bibliografia
- Gasparini L. Multidisciplinarietà in Medicina. Metodologia, Scienze biomediche, Posizione dell’omeopatia in ambito scientifico. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2011
- Gasparini L. Studio di Materia Medica omeopatica. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2000



Hai un account google? clicca su:




Prodotto Consigliato
Multidisciplinarietà in Medicina  Lucia Gasparini   Salus Infirmorum

Multidisciplinarietà in Medicina

Metodologia - Scienze biomediche - Posizione dell’Omeopatia in ambito scientifico

Lucia Gasparini

La ricerca scientifica è tesa ad un'incessante soluzione di problemi e la conoscenza scientifica cresce e opera nel continuo dissenso, ma sempre orientata verso la teoria vincente. Il metodo scientifico, mediante il percorso delle congetture e delle confutazioni e quindi della falsificabilità fattuale delle teorie, è la… Continua »
Pagine: 832, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
63,67 € 74,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (2)

Articoli di Lucia Gasparini

Tessuto adiposo e regolazione della risposta immunitaria 13 APR 2016 SALUTE
La regolazione dell’assunzione di liquidi 18 NOV 2015 SALUTE
Immunologia: interleuchina 1 (IL-1) 29 OTT 2015 SALUTE
Il metodo della fisica 15 OTT 2015 SALUTE
Genetica: gli oncogeni 8 OTT 2015 SALUTE
Strategie elementari di interazione sociale 5 OTT 2015 SALUTE
Immunologia: generalità sulle citochine 23 SET 2015 SALUTE
La scienza sperimentale e il suo metodo 23 SET 2015 SALUTE
I fitoestrogeni 10 SET 2015 SALUTE
Modalità di assunzione di rimedi omeopatici nelle patologie acute 2 SET 2015 OMEOPATIA
Gestione e trattamento della sindrome metabolica 26 AGO 2015 SALUTE
Dominanza sociale e immunità negli animali 24 LUG 2015 SALUTE
Gli antiossidanti 17 LUG 2015 SALUTE
Risposta immunitaria in alcune malattie cutanee croniche 13 LUG 2015 SALUTE
Malattie cutanee come manifestazioni di un quadro sistemico 20 DIC 2013 SALUTE
Aromatasi 12 DIC 2013 SALUTE
Mitocondri ed esercizio fisico 25 NOV 2013 SALUTE
Psoriasi e dermatite atopica, la risposta immunitaria nelle malattie cutanee croniche 6 NOV 2013 SALUTE
Cellule Natural Killer 30 OTT 2013 SALUTE
La sindrome metabolica 18 OTT 2013 SALUTE
Adiponectina 15 OTT 2013 SALUTE
Cos'è la leptina 14 OTT 2013 SALUTE
Sistema dello stress e concetto di allostasi e di carico allostatico 23 APR 2013 SALUTE
Ritmo circadiano degli ormoni e loro proprietà immunomodulatorie 16 APR 2013 SALUTE
Tessuto adiposo, obesità viscerale e infiammazione 12 APR 2013 SALUTE
Emozioni negative 9 APR 2013 SALUTE
Stress cronico: disfunzioni dell’asse HPA, alterazioni immunitarie e disturbi della sfera affettiva 3 APR 2013 SALUTE
Immunità innata e Toll-like receptors (TLR) 15 MAR 2013 SALUTE
Schema, struttura e processo dei sistemi viventi 1 MAR 2013 SALUTE
Steroidi sessuali e immunità 20 FEB 2013 SALUTE

Tutti gli articoli di Lucia Gasparini







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione