Omeopatia

Comportamento anormale dei bambini - 2° parte


CATEGORIE: Omeopatia , Infanzia

Comportamento anormale dei bambini - 2° parte
Alcuni tipi di comportamento anormale che è possibile riscontrare nei bambini nella seconda infanzia

SECONDA INFANZIA

Psicosi dell’infanzia
- Il bambino è fissato in modo abnorme su certi giocattoli, oggetti o persone (monomania).
- È presente una risposta atipica e spesso imprevedibile agli stimoli sensoriali.
- La mobilità è alterata o bizzarra: quando è seduto sul pavimento, il bambino si dondola avanti e indietro per molto tempo oppure agita ripetutamente le mani.
- Ci possono essere alcuni particolari disturbi del linguaggio: mutismo elettivo, frasi bizzarre o che hanno poco senso, ecolalia, ecc.
- Il bambino si incanta con alcuni movimenti: come quelli di un ventaglio, di oggetti che ruotano, ecc.
- Ha un deterioramento della socializzazione: il bambino si ritira, si mette in disparte ed evita il contatto visivo.
- La valutazione del pericolo non è corretta: o è eccessiva o assente.
- È presente un ritardo intellettivo, ma con un’abilità normale o anche eccezionale in alcune aree ben definite.
- Il bambino manifesta una certa resistenza ai cambiamenti nell’ambiente che lo circonda.
- Apparentemente, non ha consapevolezza della sua identità personale e ha un’idea confusa del suo corpo: esamina ed esplora il proprio corpo oppure tenta di ferirsi.

Episodi maniaco-depressivi dell’infanzia
- Il bambino dà risposte atipiche e spesso imprevedibili agli eventi sensitivi.
- È disperato per il futuro, diventa indifferente e passivo, interrompe le sue abitudini per quanto riguarda il mangiare e il dormire, ha poca stima di se stesso e tende a rimproverarsi.
- È presente un comportamento motorio alterato o bizzarro: quando è seduto sul pavimento, il bambino si dondola avanti e indietro per molto tempo oppure agita ripetutamente le mani.
- Si fissa su certi giocattoli, certi oggetti o determinate persone (monomania).
- In caso di depressione, ha un umore cupo e generalmente infelice.
- Ha una valutazione del pericolo non corretta: può avere una paura eccessiva oppure non aver paura.
- È presente un ritardo intellettivo, con abilità normale o anche eccezionale in certe aree definite.
- Può arrivare alla pazzia (in questo caso, il bambino presenta gli stessi sintomi visti nel precedente paragrafo della “Psicosi dell’infanzia”).
- Il suo umore è costantemente alto, esaltato, esplosivo o irritabile.
- Vi è una resistenza ai cambiamenti nell’ambiente che lo circonda.
- Non ha consapevolezza della sua identità personale e ha un’idea confusa del suo corpo: esamina ed esplora il proprio corpo oppure tenta di ferirsi (ad esempio, sbatte la testa contro qualcosa).

Disturbi del comportamento
- Comportamento aggressivo con iperattività.
- Il bambino incolpa gli altri o fa il prepotente con loro; ha un atteggiamento crudele e provocatorio; è in collera, è ostile e offende.
- Nel tipo di comportamento non aggressivo, il paziente si sente debole, abbandonato, maltrattato, inutile, indifeso e senza speranza.
- È presente una mancanza di interesse per gli altri; vi è una certa insensibilità.
- Il bambino è disadattato e ha un comportamento antisociale; si vanta; tende al narcisismo.
- Ha un’enuresi persistente.
- Continua a mentire e ad essere disobbediente; spesso marina la scuola, ruba, fa vandalismi o atti osceni in pubblico (esibizionismo sessuale).
Il disturbo comportamentale può presentarsi in due modi:
a) Il bambino è pieno di paure e timido, sta sempre disteso, si lascia maneggiare senza reagire, è emotivamente immaturo e ha un comportamento puerile (ad esempio, piagnucola, continua a chiedere le cose, si arrabbia, è diffidente).
b) Il bambino è egoista, sfrutta e manipola gli altri e ha un atteggiamento superficiale.

Dislessia
- Il bambino ha difficoltà nella lettura. Contemporaneamente alla dislessia, è comune riscontrare anche disturbi dell’apprendimento, del linguaggio, dell’acquisizione dell’aritmetica e della pronuncia.

Disturbi relativi all’opposizione
- I sintomi che spesso si riscontrano associati al comportamento di opposizione sono: enuresi, encopresi, mutismo elettivo, fuga, marinare la scuola, problemi con il mangiare e il dormire.
- In casi estremi, il bambino diventa litigioso, ribelle e combattivo e può arrivare ad atti delinquenziali. Questo lo porta a perdere gli amici e a sviluppare relazioni interpersonali carenti. Alla fine, mostrerà un abbassamento del rendimento scolastico e un deterioramento dei rapporti sociali.
- Il bambino è ostinato, temporeggia, disobbedisce, si disinteressa, è negativo, bighellona, provoca gli altri, è resistente ai cambiamenti e si sottrae alle regole.
- Il bambino esprime ostinata opposizione e disobbedienza ad ogni forma di autorità.
Tutti questi disturbi si verificano quando il bambino, crescendo, cerca di esprimere la propria autonomia che si esprime con atteggiamenti di sfida ai genitori, con un’aggressività esagerata basata su una percezione di pericolo e su sforzi per stabilire un proprio ruolo tra i suoi pari.

Disturbi psicosomatici
- Asma.
- Disturbi di conversione (rappresentano una trasformazione, dovuta a nevrosi isterica, delle pulsioni non realizzabili in manifestazioni somatiche, per esempio cecità isterica, paralisi funzionale, ecc.).
- Disturbi dell’alimentazione.
- “Pica” (ingestione di sabbia, malta, vernice, tessuto, capelli, ecc., che caratterizza alcune patologie psichiatriche): questa può essere dovuta ad un rapporto inadeguato con la madre, che porta a bisogni orali insoddisfatti.
- Colite ulcerosa.

Nanismo psico-sociale
- Comportamento auto-eccitante come il dondolarsi, il picchiare la testa, l’urinare, lo stuzzicarsi la cute, ecc.
- Statura diminuita con aumento di peso.
- Espressione di spavento.
- Ipocinesia, ottusità mentale, disattenzione e attività diminuita.
- Mancanza di reciprocità o diminuita risposta agli stimoli.
- Malnutrizione.
- Addome sporgente, feci di cattivo odore, marasma, scarso tono muscolare, cute fredda, pallida e marezzata.
- Espressione triste, infelice, mesta e sofferente.

Fobia della scuola
- Il bambino, quando è il momento di andare a scuola, è preso dal panico e presenta una reazione fisica (ad esempio, vomita solo al pensiero di recarsi a scuola). Questo, nei bambini più piccoli, è indice di ansia da separazione. Nei più grandicelli la reazione può essere causata da problemi in famiglia, a scuola, nei rapporti con i coetanei o dalla paura dell’autorità.

 

Tratto da "Osservazioni cliniche sui rimedi pediatrici omeopatici" di Farokh Master



Hai un account google? clicca su:




Prodotto Consigliato
Osservazioni cliniche sui rimedi pediatrici omeopatici  Farokh Master   Salus Infirmorum

Osservazioni cliniche sui rimedi pediatrici omeopatici

Farokh Master

A proposito di questo libro, Dr. Luc De Schepper di Santa Fe (USA) così si esprime:“I bambini sono il nostro futuro. Il nostro futuro comincia con il procurare ai bambini il miglior modo di prendersi cura della loro salute. Il Dr. Farokh Master spiega con chiarezza e con molti dettagli il modo più giusto per avvicinarsi ai bambini e le qualità che un medico deve possedere per essere un buon pediatra… Continua »
Pagine: 608, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
42,50 € 50,00 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione