Denuncia sanitaria

“Coca Cola ha pagato medici e ricercatori per negare i legami con obesità”


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

coca cola
Fonte: Pixabay

“Coca-Cola ha pagato 8 milioni di euro per smentire i legami con obesità”. È quanto rivela un'inchiesta del quotidiano Le Monde secondo cui in Francia la multinazionale per diversi anni a partire dal 2010 avrebbe pagato medici e ricercatori per smentire il legame tra bevande zuccherate e l'insorgenza di patologie come l'obesità ed il diabete.

 

Come riporta il giornale francese, l'azienda ha riunito scienziati influenti per diffondere una ‘soluzione’ all’epidemia globale dell’obesità attraverso articoli pubblicati su riviste mediche, discorsi a conferenze e social media. Ecco la soluzione propagandata: fare più esercizio fisico senza preoccuparsi di ridurre l’apporto calorico.

 

Queste rivelazioni derivano da un'altra indagine relativa alla Coca Cola condotta nel 2015 dal New York Times che aveva svelato la pesante influenza della Coca Cola nel finanziare studi scientifici volti ad offrire un diverso punto di vista sul tema dell’obesità.

 

In poche parole la strategia di marketing consisteva nel cercava di distogliere l’attenzione dei consumatori sugli effetti per la salute legati all’assunzione ripetuta di bevande come Coca, Sprite, Fanta e altre come Minute Maid, tutti di proprietà di Coca-Cola.

 

Le conclusioni del quotidiano francese si basano anche su uno studio accademico condotto da Sarah Steel, professoressa di Cambridge, che ha esaminato i contratti tra Coca Cola e accademici canadesi e americani.

 

Molti professionisti, medici e ricercatori, secondo quanto ricostruito da Le Monde, hanno avuto a vario titolo dei sovvenzionamenti dalla Coca-Cola per produrre ricerche scientifiche. Ecco alcuni esempi riportati dal quotidiano: la ricercatrice universitaria che ha ricevuto 2.000 euro per un articolo che si conclude dicendo che il legame tra il consumo di bevande zuccherate e l’aumento di peso non esiste “necessariamente”; l'ex presidente della Società francese di medicina dello sport, ora direttore medico dell’International Cycling Union, che ha confessato “di aver ricevuto 4.000 euro da Powerade, un marchio di bevande energetiche” che possiede Coca-Cola, per una conferenza “sulle regole di idratazione dello sportivo”.

 

La cifra più alta sarebbe stata assegnata a CreaBio per un “progetto di ricerca sui dolcificanti intensi” nel 2014-2015. I risultati di questo studio, pubblicato nel 2018, sottolineano che non vi è alcuna differenza tra acqua e bevande con “edulcoranti ipocalorici” in termini di effetti sull’appetito, assunzione di energia e scelte alimentari”.

 

Inoltre, tra il 2010 e il 2014, ricostruisce Le Monde, sono stati versati 720.000 euro all’Istituto per le competenze europee in Fisiologia (Ieep) per un altro “progetto di ricerca sugli dolcificanti intensi”. Il testo sostiene l’inesistenza degli effetti del consumo di bevande analcoliche sulla sensibilità all’insulina o la secrezione di questo ormone che regola la quantità di glucosio nel sangue.

 

Ricordiamo che in una lattina da 33 cl di Coca-Cola ci sono circa 35 grammi di zucchero. A dispetto dell'operazione sostenuta dalla multinazionale americana dei soft drink, i dati scientifici prodotti in questi anni hanno dimostrato l’implicazione delle bevande zuccherate nell’esplosione dell’obesità e del diabete di tipo 2 in tutto il mondo.

 

Un ampio studio condotto nel 2015 denunciava il numero di decessi legati al consumo di bevande zuccherate e sollecitava i governi ad intraprendere politiche sanitarie efficaci e interventi mirati a ridurre il consumo di tali bevande.

 

Di recente cardiologi e pediatri americani hanno lanciato un appello chiedendo una tassa sulle bevande zuccherate per combattere l’obesità infantile e altre patologie sempre più diffuse tra bambini e ragazzi. Secondo gli specialisti le iniziative devono essere intraprese con urgenza perché è ormai sempre più comune vedere bambini anche piccolissimi con problemi di steatosi epatica e diabete di tipo 2, un tempo patologie della terza età.

 

“Serve una mobilitazione generale come quella iniziata nel 1971 contro il fumo, perché i danni alla salute dei cittadini sono diventati ormai troppo ingenti”, affermano.



Hai un account google? clicca su:




Prodotto Consigliato
Sugarblues. Il Mal di Zucchero  William Dufty   Macro Edizioni

Sugarblues. Il Mal di Zucchero

Lo zucchero nuoce gravemente alla salute

William Dufty

Un libro sconvolgente che ti insegna ad eliminare la "Dipendenza da Zucchero" e a riscoprirti più sano e più snello Se siete grassi, se soffrite di emicranie, di ipoglicemie o di acne, il flagello Sugarblues vi ha colpiti. Proprio come l'oppio, la morfina e l'eroina, lo zucchero è una droga distruttiva, che dà assuefazione,… Continua »
Pagine: 327, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
6,75 € 13,50 € (-50%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Bambini: troppe ore davanti allo schermo aumentano il rischio di Adhd 23 MAG 2019 INFANZIA
Il cancro non arriva per caso né per sfortuna 23 MAG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L'Europa è sempre più obesa 23 MAG 2019 ALIMENTAZIONE
I parchi giochi dei bambini sono contaminati dai pesticidi 22 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Aumentano i casi di epatite: esami su integratori alla curcuma 22 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Nei broccoli una nuova possibile arma contro il cancro 20 MAG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Umore, cuore, fertilità: “Non sottovalutiamo il ruolo della tiroide” 20 MAG 2019 SALUTE
Ormesi: uno studio spiega la modalità d'azione dell'Omeopatia 20 MAG 2019 OMEOPATIA
Pesticidi e interferenti endocrini: la vera minaccia è l'effetto cocktail 17 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le infezioni ospedaliere fanno strage in Italia. Ogni anno 49mila morti 17 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
È chimica: svelato il meccanismo dei farmaci omeopatici 17 MAG 2019 OMEOPATIA
I bambini hanno bisogno di vitamine, ma quasi 1 su 2 mangia male 15 MAG 2019 ALIMENTAZIONE
Mantenersi in forma con l'avocado 15 MAG 2019 ALIMENTAZIONE
Il cibo dei bambini: a Treviso la conferenza di Franco Berrino 13 MAG 2019 INFANZIA
Monsanto ha schedato illegalmente politici e giornalisti 13 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Usa: “Una cospirazione storica per gonfiare i prezzi dei farmaci” 13 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, genitori portano a Montecitorio le ragioni della protesta 10 MAG 2019 VACCINAZIONI
OMS: bimbi fino a 2 anni mai davanti ad uno schermo 8 MAG 2019 INFANZIA
Troppo tempo al chiuso. Così aumentano gli asmatici 8 MAG 2019 SALUTE
Ibuprofene: perché non assumerlo in caso di infezioni 8 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Allenarsi per una maratona: l'ideale per ringiovanire le arterie 6 MAG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Tumori: scoperto il meccanismo che può farli "morire di fame" 6 MAG 2019 SALUTE
Un paziente su dieci contrae infezioni in ospedale 6 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Da ricercatori a professori: pubblicazioni a pagamento per fare carriera 3 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Epigenetica, i danni del glifosato sulle generazioni del futuro 3 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Omeopatia e cancro della mammella. In Toscana l'oncologia è sempre più integrata 3 MAG 2019 OMEOPATIA
Vaccini: “I ministeri, Salute e Giustizia, si dimenticano tutto” 29 APR 2019 VACCINAZIONI
Vaccini, il 46% degli italiani teme effetti collaterali. Ma a Rimini è linea dura 29 APR 2019 VACCINAZIONI
Lo sport di squadra è un antidepressivo per gli adolescenti 24 APR 2019 SALUTE
Saltare la colazione e cenare tardi? Due abitudini mortali 19 APR 2019 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione