Denuncia sanitaria

CO2: emissioni sottostimate in Cina

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

cina inquinamento
In uno dei Paesi più inquinati al mondo, la Cina, è normale passeggiare con una mascherina

La Cina, è noto, è uno dei Paesi al mondo che maggiormente contribuiscono al cambiamento climatico e all’emissione di sostanze inquinanti nell’atmosfera. E se già i dati ufficiali non possono che preoccupare, la notizia che il governo cinese sottostimerebbe le proprie emissioni di biossido di carbonio (CO2) di ben 1,4 miliardi di tonnellate annue, può davvero lasciare di sasso. La quantità di CO2 non dichiarata da Pechino, infatti, sarebbe pari a quanto emesso ogni dodici mesi da un Paese come il Giappone.

A rivelare l’inquietante sospetto è stata, il 10 giugno scorso, la rivista Nature Climate Change, che ha spiegato come le cifre “mancanti” siano state individuate in un modo estremamente semplice: sommando le emissioni dichiarate da ciascuna provincia dell’immenso territorio cinese e paragonandole con quelle, complessive, indicate dal governo centrale. Va detto, tuttavia, che il dato reale relativo alla produzione di biossido di carbonio da parte del gigante asiatico potrebbe essere una cifra più bassa rispetto a ciò che indicano le amministrazioni locali.

L’Istituto per lo Sviluppo sostenibile e le Relazioni internazionali di Parigi (Iddri) ha spiegato che, da un lato, le autorità centrali hanno interesse a presentare dati rassicuranti sul fronte ambientale; dall’altro, al contrario, le province hanno interesse a “esagerare” nelle cifre relative al proprio consumo di energia, dal momento che il giudizio sul loro operato si basa sulle performance produttive.

Secondo quanto riportato dal mensile Alternatives Economiques, il governo cinese è cosciente della distanza tra i dati, e la creazione unilaterale di un mercato del carbone andrebbe proprio nella direzione di controllare meglio le emissioni di CO2. Ma occorrerà verificare i risultati alla prova dei fatti dal momento che, finora, Pechino non ha dato prova di grande attenzione nei confronti della tutela dell’ambiente.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Andrea Barolini

Il clima rovente affamerà il mondo 30 MAG 2016 ATTUALITà
Fukushima, il disastro costa 50 miliardi 10 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi: le alternative esistono (e funzionano) 30 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Le centrali a carbone "rischiano" di farla franca 10 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
In Bretagna l’eolico è cittadino e cooperativo 8 APR 2015 ATTUALITà
In Giappone si coltiva al chiuso. Vicino a Fukushima 21 GEN 2015 ALIMENTAZIONE
Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti? 17 DIC 2014 ATTUALITà
Antartico, in mille anni mai così a rischio 4 SET 2013 ATTUALITà
Gioco d'azzardo. Se il banco lo tiene la mafia 7 GIU 2013 ATTUALITà
Il solare da record negli Emirati Arabi 21 MAG 2013 ATTUALITà
Energia pulita al servizio del sociale 15 MAG 2013 ATTUALITà
Chi continua a puntare sull’energia pulita? 2 GEN 2013 ATTUALITà
Lo sporco business delle cavie umane 12 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Privatizzare non ci salverà dalla crisi 6 DIC 2012 ATTUALITà
Le attività umane prosciugano il Pianeta 28 NOV 2012 ATTUALITà
A Portland il primo edificio a 'triplo zero' 4 SET 2012 ATTUALITà
Brasile, nelle favelas cibo in cambio di rifiuti 23 AGO 2012 ATTUALITà
Banche nere come il carbone 8 GIU 2012 DENUNCIA SANITARIA
Patagonia cilena, la rivolta contro il carbone 5 GIU 2012 ATTUALITà
Africa: gli speculatori all’attacco della terra 4 OTT 2011 ETICA
G20 Agricoltura. Un fallimento annunciato 3 OTT 2011 ALIMENTAZIONE
Gli scheletri finanziari della banca pubblica europea 4 LUG 2011 ETICA
Diversificare e allarmare. Big Pharma cerca nuove vie per il profitto 24 AGO 2010 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione