Salute

Il ciclo mestruale tra scienza e letteratura

Fonte: terranauta.it


CATEGORIE: Salute

ciclo mestruale

Si può senza dubbio affermare che dal mestruo, sangue naturale non dovuto a ferita, si sono sviluppate nel corso dei tempi, una serie di teorie “scientifiche” e credenze popolari che hanno contribuito alla creazione di un atteggiamento negativo nei confronti della donna e della sua naturale regolarità.

Dal punto di vista storico, prima dell’avvento del Patriarcato, le civiltà primitive consideravano il ciclo mestruale e il corpo femminile generatore di vita. Il mestruo scandiva il passar del tempo; di mese in mese le mestruazioni ricomparivano con le fasi lunari e ciò rappresentava uno stretto legame con la natura ciclica delle cose, con le energie sacre. Si pensi che il primo calendario fu lunare e non solare: un anno era composto da 13 mesi invece che da 12, in concomitanza con i 13 cicli mestruali della donna. Si riteneva dunque che le donne fossero creature divine, dotate di linfa vitale per l’accrescimento del feto.

Successivamente, con l’entrata in vigore del Patriarcato, il simbolo sacro del corpo femminile venne totalmente trasformato e si diffusero credenze e superstizioni circa il ciclo mestruale.

Il grande pensatore Democrito, nei primi trattati di medicina comparsi nel V secolo a.c., studiò il mestruo della donna in considerazione della sua elevata tossicità, affermando la necessità di purificazione. Le donne mestruale cominciarono ad essere considerate impure per la loro natura oscura, per la loro “imperfezione” genetica e il ciclo venne associato alla vergogna e alla stregoneria.

Una delle più importanti esplorazioni etnografiche delle pratiche di magia cerimoniale, condotta dallo studioso italiano Ernesto De Martino, ha sottolineato l’esistenza di una serie di riti magici che usavano il sangue mestruale come elemento di unione delle anime mediante la sua assunzione. In Sicilia era diffuso questo tipo di incantesimo: il sangue mestruale di una fanciulla, mescolato con il sangue tratto dal suo pollice, era capace di legare per l’eternità il giovane che avrebbe bevuto la pozione.

La prima celebre dottoressa che la storia della medicina ricordi, Trotula De Ruggiero, vissuta intorno al 1050, insegnante di chirurgia e ostetricia, cercò di dare una spiegazione scientifica al fenomeno del mestruo nella donna. Secondo la sua ipotesi, per la fragilità insita, la donna non era in grado di eliminare attraverso il sudore le sue sostanza nocive e gli umori superflui, per tale motivo l’espulsione della tossicità avveniva secondo un diverso procedimento naturale: la perdita di sangue. Nonostante la teoria della dottoressa Trotula De Ruggiero, l’immagine femminile più frequente era quella dell’essere impuro, tanto che l’ingresso in chiesa, durante quei giorni, era sconsigliato.

Ancora oggi, alcune credenze nei confronti del ciclo mestruale sono diffuse tra le donne, come la convinzione di essere più deboli durante il periodo mestruale, di evitare il contatto con l’acqua, di evitare sforzi, preoccupazioni ecc.

In realtà le mestruazioni nella donna sono forse l’elemento più persistente, di quella forza creatrice e generatrice, che da sempre coinvolge l’uomo. Il menarca non è perciò sintomo di una grave imperfezione, ma simbolo di un’energia vitale che pervade il cosmo.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione