Alimentazione

Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera)

Fonte: Valori (Rivista)



spreco cibo
Il 30% degli alimenti viene perso tra campo e tavola

Il 30% degli alimenti viene perso tra campo e tavola. La soluzione? Ridisegnare il sistema: reti locali, mappe di domanda e offerta, nuovi stili di consumo.

Anti-economico, anti-etico, illogico, anti-ecologico. È difficile rintracciare un motivo razionale che possa giustificare un sistema agroindustriale che perde lungo la filiera un terzo del cibo prodotto ogni anno nel mondo: un’enormità pari a 1,6 miliardi di tonnellate (per capirci: immaginate 160mila Tour Eiffel). Che fa gridare vendetta agli economisti (il suo controvalore è di 400 miliardi di dollari), alle organizzazioni che combattono contro la fame (che colpisce ancora oggi oltre 800 milioni di persone), agli esperti di cambiamenti climatici (dagli sprechi alimentari deriva il 7% dei gas serra). E rende, se non risibile, quantomeno debole la proposta, sostenuta dalle multinazionali del cibo, di puntare ancor più sulle produzioni intensive.

Anche perché la Fao calcola che i sette miliardi di abitanti della Terra potrebbero contare già oggi sul 15% in più di alimenti rispetto a quello disponibile per i quattro miliardi del 1980, visto che il sistema produce 2.720 chilocalorie a testa ogni giorno.

IL PESO DELLA COLPA
La vulgata sullo spreco alimentare punta spesso il dito contro la superficialità domestica. Che ha senz’altro un peso non trascurabile e chiama ogni famiglia, soprattutto del mondo ricco, a ripensare i propri stili di consumo. Ma è pur vero che, quando il cibo arriva in casa, 4/5 dello spreco sono già compiuti: vittime di surplus produttivi che rendono antieconomiche le raccolte, fattori ambientali, limiti nei processi di trasformazione, logiche commerciali della Gdo, errori nella gestione degli imballaggi.

UNA STRATEGIA ANTISPRECHI

Una situazione intollerabile. Il lavoro da fare per riorganizzare a fondo il sistema non manca. A più livelli: dal piccolo Comune alle politiche internazionali. A voler essere ottimisti, non mancherebbero nemmeno le iniziative e i casi pratici che fanno guardare al futuro con qualche (fondata) speranza. In tutta Europa, la Commissione ha conteggiato un centinaio di progetti per ridurre gli scarti alimentari.

Il più delle volte si concretizzano in campagne di sensibilizzazione, misurazione degli sprechi, strategie di miglioramento della logistica. Le attività rivolte ai consumatori finali portano senz’altro risultati: una campagna triennale nel Regno Unito del Waste & Resources Action Programme (WRAP) ha registrato una riduzione del 13% sullo spreco familiare.

Ma è il lavoro oscuro lungo tutta la filiera a premiare di più: l’esigenza è sottolineata anche dal Pinpas (Piano nazionale di prevenzione prevenzione degli sprechi alimentari), realizzato dal ministero dell’Ambiente. Prima ancora che pensare a donazioni del cibo in eccesso o la sua destinazione per alimentazione animale e trasformazione in compost, bisogna intervenire a monte, evitando sovrapproduzioni e perdite nella fase di stoccaggio e distribuzione: cruciale in tal senso incentivare la costruzione di filiere agricole territoriali «per diminuire gli scarti legati ai passaggi che separano produttori e consumatori».

Per raggiungere l’obiettivo, il segreto è nel conoscere bene offerta e domanda dei beni alimentari in una certa regione, per organizzare meglio la distribuzione e consentire alle imprese agricole di orientarsi sui prodotti per i quali la richiesta è maggiore.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE
Gas contro biogas: uccidono l'agricoltura 13 GEN 2012 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione