Alimentazione

Cibo-spazzatura: dove nasce il desiderio?


CATEGORIE: Alimentazione

junk-food
Cibo-spazzatura: dove nasce il desiderio?

Voglia di junk-food? Basta guardare l'immagine del cibo spazzatura per desiderarlo. È quanto emerge da una ricerca dell'Università della California del Sud diretta dalla dottoressa Kathleen Page e presentata alla riunione della Endocrine Society di Houston.

Lo studio ha coinvolto un gruppo di donne obese dai 15 ai 25 anni, tipologia di volontari  particolarmente sensibile alle immagini di cibo-spazzatura, che hanno preso parte ad un esperimento in più fasi. Mentre venivano analizzate tramite risonanza magnetica, le volontarie osservavano immagini di alimenti molto calorici come fritti, hamburger, biscotti e torte. La seconda fase prevedeva la visione di cibi a basso contenuto calorico come frutta e verdura.

Durante la visione dei diversi cibi e a metà delle due sperimentazioni, alle donne è stato fatto bere prima un bicchiere di bevanda contenente 50 grammi di glucosio; a metà della seconda fase, un bicchiere di bevanda contenente 50 grammi di fruttosio.

Le donne hanno quindi utilizzato una scala da 1 a 10 per descrivere il senso di fame e la voglia di cibo dolce o salato. confrontando tali dati con i risultati della risonanza è diventato evidente come, quando la donna osservava immagini di junk food, si attivavano le aree celebrali della ricompensa. Inoltre, il consumo di fruttosio e glucosio faceva aumentare la fame e la voglia di cibo salato. Infine, il consumo di fruttosio, ma non glucosio, faceva salire il desiderio di cibo salato.

Sebbene il meccanismo sia poco chiaro, la ricerca ha mostrato che le immagini di cibo poco sano spingono verso tale prodotto, anche contro i buoni propositi del soggetto.

“Avevamo ipotizzato – ha spiegato la dottoressa Page - che le aree di ricompensa nel cervello delle donne sarebbero state attivate quando stavano guardando il cibo ad alto contenuto calorico, ed è ciò che è accaduto. Quello che però non ci aspettavamo era che il consumo di glucosio e fruttosio ha fatto aumentare la loro fame e la voglia di cibo salato”.

E per combattere l'obesità infantile recentemente la Walt Disney ha dichiarato guerra al cibo spazzatura. L'azienda statunitense ha annunciato che tutti i prodotti che verranno pubblicizzati sul suo canale televisivo, su quello radiofonico e sul sito web dovranno conformarsi a nuovi strettissimi standard nutrizionali. Un'ampia gamma di caramelle, cereali zuccherati e cibo da fast food non saranno dunque più accettati dall'azienda come materiale pubblicitario. Le restrizioni, che partiranno dal 2015, saranno applicate per tutti i cartoni e telefilm dedicati ai bambini al di sotto dei dodici anni.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Latte artificiale: nuova inchiesta per prescrizioni indebite 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e tumori: il Codacons lancia una class action 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Radiazione del dottor Gava: torna l’Inquisizione in Italia (#iostocongava) 24 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Tribunale di Ivrea: l'uso scorretto del cellulare causa di tumore 21 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini gonfiati per intascare i bonus: Procura di Trieste indaga per falso e truffa 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, caso Report. Garattini: “Serve trasparenza” 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Ictus: ecco come l'attività fisica influisce sulla qualità della vita 14 APR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi uccidono 200.000 persone ogni anno 13 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: il magnesio protegge dalle fratture 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Avocado, sai perché fa bene? 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini: Demicheli lascia la sanità piemontese 13 APR 2017 VACCINAZIONI
Il Dr. Roberto Gava invia una segnalazione alla Commissione Centrale dei Medici 12 APR 2017 VACCINAZIONI
Grecia: Novartis avrebbe corrotto migliaia di persone 10 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Depressione in aumento: “la malattia più invalidante al mondo” 7 APR 2017 SALUTE
Vuoi dormire bene? Ecco cosa mangiare a cena 7 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol fuori pasto: consumo in crescita 7 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori: il Tar dell'Emilia Romagna chiede chiarezza al Ministero della Salute 5 APR 2017 VACCINAZIONI
Alzheimer: scoperta l'origine della “malattia del secolo” 5 APR 2017 SALUTE
“Vaccini? Deve esserci una scelta”. Le voci della manifestazione nazionale 3 APR 2017 VACCINAZIONI
Gravidanza: in Italia troppi cesarei e controlli inutili 3 APR 2017 SALUTE
Così gli allevamenti intensivi distruggono la biodiversità 3 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Autismo: diagnosi solo per 1 bambino su 2 3 APR 2017 AUTISMO
La vitamina D previene raffreddore e influenza 31 MAR 2017 SALUTE
Bambini esposti al piombo: quali effetti sul cervello? 31 MAR 2017 INFANZIA
Banche del latte: al via una nuova tecnica per preservarlo 31 MAR 2017 INFANZIA
Sai perché lo sport fa bene alla salute? 31 MAR 2017 SALUTE
Il Regno Unito verso una tassa sulle bevande zuccherate 29 MAR 2017 SALUTE
Qual è la migliore cura dopo un infarto o ictus? 29 MAR 2017 SALUTE
Medici e infermieri: 1 su 3 teme gli effetti avversi dei vaccini 29 MAR 2017 VACCINAZIONI
Inutili e dannosi: ecco la lista dei farmaci da evitare 27 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione