Alimentazione

Cibo industriale: gli additivi alimentari che aumentano il rischio di malattie autoimmuni



cibi industriali
Cibo industriale: gli additivi alimentari possono aumentare il rischio di malattie autoimmuni

Gli additivi che vengono utilizzati durante la preparazione dei cibi industriali possono aumentare il rischio di sviluppare malattie autoimmuni. Gli alimenti industriali indebolirebbe la resistenza dell'intestino a batteri, tossine e altri elementi ostili, che a loro volta aumentano il rischio di sviluppare malattie autoimmuni.

È quanto emerge da una meta-analisi condotta dal prof. Aaron Lerner della Facoltà di Medicina Rappaport dell’Istituto di Tecnologia Technion di Haifa in Israele e del Carmel Medical Center e dal Dr. Torsten Matthias dell’Istituto Aesku-Kipp in Germania. Il loro studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Autoimmune Reviews.

“Negli ultimi decenni – ha osservaro Lerner - c’è stata una diminuzione dell’incidenza delle malattie infettive, ma allo stesso tempo c’è stato un aumento dell’incidenza di malattie allergiche, cancro e malattie autoimmuni. Poiché il peso dei cambiamenti genetici è insignificante in un così breve periodo, la comunità scientifica sta cercando le cause a livello ambientale”.

Il gruppo di ricerca ha esaminato gli effetti degli alimenti trasformati sull'intestino e sullo sviluppo delle malattie autoimmuni - malattie nelle quali l'organismo attacca e danneggia i propri stessi tessuti. Ne sono state identificate più di cento, tra cui le più note e diffuse sono il diabete di tipo 1, la celiachia, il lupus, la sclerosi multipla, l'epatite autoimmune e il morbo di Crohn.

Come hanno spiegato i ricercatori, molte malattie autoimmuni derivano da danni al funzionamento delle “giunzioni strette” che proteggono la mucosa intestinale. Quando funzionano normalmente, le giunzioni strette fungono da barriera contro batteri, tossine, allergeni e sostanze cancerogene, proteggendo il sistema immunitario da essi. I danni alle giunzioni strette (noti anche come “intestino permeabile”) portano allo sviluppo di malattie autoimmuni.

Dall'analisi dei ricercatori è emerso che almeno sette additivi alimentari comuni indeboliscono le giunzioni strette – glucosio (zuccheri), sodio (sale), solventi grassi (emulsionanti), acidi organici, glutine, transglutaminasi microbica (un enzima speciale che funge da proteina alimentare “colla”) e particelle nanometriche.

“Le agenzie di controllo come la FDA sorvegliano rigorosamente l’industria farmaceutica, ma il mercato degli additivi alimentari rimane senza controllo”, ha spiegato Lerner. “Speriamo che questo studio e studi analoghi aumentino la consapevolezza sui pericoli insiti negli additivi alimentari industriali e sensibilizzino sulla necessità di un controllo su di essi”.





Prodotti Consigliati
Guida Tascabile agli Additivi Alimentari  Corinne Gouget   Macro Edizioni

Guida Tascabile agli Additivi Alimentari

La verità su coloranti, E 621, E 951 & Co.

Corinne Gouget

PORTALA CON TE A FARE LA SPESA Guida Tascabile agli Additivi Alimentari è una guida tascabile – pratica, facile da consultare e da portare con noi al supermercato – per imparare finalmente a fare la spesa scegliendo consapevolmente quali cibi acquistare in base a ciò che realmente contengono. Perchè dovremmo aver bisogno… Continua »
Pagine: 168, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
7,51 € 7,90 € (-5%)
 
Gli Additivi Alimentari. Che effetti hanno sulla nostra salute?  Marina Mariani Stefania Testa  Macro Edizioni

Gli Additivi Alimentari. Che effetti hanno sulla nostra salute?

Conservanti, edulcoranti, coloranti, addensanti e aromatizzanti...

Marina Mariani, Stefania Testa

Cosa mangiamo veramente? Rispondere a questa domanda oggi non è facile. I problemi di sicurezza alimentare, infatti, sono ormai all'ordine del giorno: i pericoli degli OGM, gli alimenti alla diossina, gli ormoni usati in maniera incontrollata, ecc. Ma c'è qualcos'altro, di altrettanto pericoloso per il nostro benessere, di cui… Continua »
Pagine: 200, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
12,26 € 12,90 € (-5%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

“Il cellulare ha causato il tumore al cervello”: sentenza storica della Corte d'Appello di Torino 15 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci usati in combinazione aumentano l'antibiotico-resistenza 13 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Sindrome premestruale? I rimedi omeopatici alleviano i sintomi 10 GEN 2020 OMEOPATIA
Il fumo danneggia anche la salute mentale. I rischi per i giovani 10 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Catania: ex primario che impiantava stent con farmaci scaduti nel cuore dei pazienti 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione