Salute

Denti storti, glutei e naso: i ritocchi più richiesti al chirurgo


CATEGORIE: Salute

ritocchi
In alcuni casi i ritocchi possono diventare una 'droga'

La parte del corpo che più si chiede di cambiare al chirurgo estetico è il volto. Per 50 intervistati su 100 il desiderio “più grande” è quello di cambiare una parte del corpo o del viso o sembrare più giovane agli occhi di chi ti guarda (15%). I denti storti sono per il 34% grande fonte di insoddisfazione e disagio, così come la forma del naso (27%) e quella dei glutei (29%).

Questi i dati principali emersi da un'indagine Eurisko condotta su 10mila persone in 5 nazioni: Italia, Germania, Stati Uniti, Cina e Corea del Sud.

L'idea comune è per il 40% che un bell'aspetto offra vantaggi, ma in Cina si arriva al 65%. L'indagine mette poi a fuoco notevoli differenze tra gli intervistati: per oltre la metà degli americani l'obesità rappresenta la più grande paura e in Germania la teme ben il 60%. In Asia, invece, è particolarmente temuta la perdita di tono e volume di seni, glutei e addome. In Europa il problema dell'invecchiamento è  meno sentito rispetto agli USA, ma rughe e borse sotto agli occhi sono l'incubo di tutti gli intervistati nella fascia over 50.

In Italia l'età della bellezza viene considerata in un arco di tempo più lungo rispetto agli altri Paesi, dai 15 ai 44 anni, mentre c'è più severità negli Stati Uniti, in Germania e in Cina che la restringono tra i 25-29 anni e, addirittura, in Corea del Sud è solo fra i 15-24 anni.

In generale il problema estetico non riguarda soltanto l'universo femminile: anche tra gli uomini ben il 50 per cento dichiara di non piacersi.
Inoltre circa il 55% dei 10mila intervistati si è detto disposto a scegliere procedure estetiche, ma nei cinque paesi coinvolti dall'indagine soltanto il 20% negli Stati Uniti e il 22% degli europei vi ha fatto ricorso, contro il 37% in Asia.

Ritocchi estetico, con filler o botulino, o gli interventi di chirurgia come lifting o la liposuzione possono però 'creare dipendenza': ci sono pazienti che dopo la prima volta non riescono più  smettere. Come ha spiegato Nicolò Scuderi dell'Università La Sapienza di Roma, vi è infatti un 10% di persone che dopo il primo trattamento, magari fatto motivatamente, non riesce a smettere e continua a sottoporvisi senza ragione. Il fenomeno, sottolinea l'esperto, è più frequente nelle persone giovani e di sesso femminile anche se non mancano gli uomini.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Il tasso di fertilità mondiale si è dimezzato 12 NOV 2018 ATTUALITà
Vaccini: ai medici di Bologna un modulo di consenso o rifiuto 12 NOV 2018 VACCINAZIONI
Morbillo a Bari, l'Ordine Nazionale dei Biologi: “Procurato allarme... a mezzo stampa” 12 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Interferenti endocrini: la strategia Ue contro le sostanze pericolose 9 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Marketing del latte artificiale: “Pressioni fortissime” 9 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
I nostri capelli sono pieni di pesticidi 9 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lo smog aumenta il rischio di artrite reumatoide 7 NOV 2018 SALUTE
Cereali da colazione: glifosato in tutti i campioni esaminati 7 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
L'obesità infantile si combatte con gli amici 5 NOV 2018 INFANZIA
Gravidanze ravvicinate mettono a rischio mamma e bambino 5 NOV 2018 SALUTE
Tumore del seno: tre semplici regole per prevenire (anche) il ritorno 31 OTT 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Giovani superconnessi: sempre più vicini, sempre più lontani 31 OTT 2018 ATTUALITà
Vaccini, D'Anna: “Si vergogni chi prende soldi da Big Pharma” 31 OTT 2018 VACCINAZIONI
L'inquinamento ambientale è una minaccia per tutti 29 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini non obbligatori: gli indennizzi spettano a tutti i danneggiati 29 OTT 2018 VACCINAZIONI
Allevamenti: Ue vieta uso preventivo di antibiotici 26 OTT 2018 ANIMALI
Il cibo biologico riduce il rischio di cancro? 26 OTT 2018 ALIMENTAZIONE
Lo stress annebbia e restringe il cervello 26 OTT 2018 SALUTE
L'antibiotico resistenza ucciderà più di cancro e diabete 24 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Trovate microplastiche anche nell'uomo 24 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Aumentano le reazioni allergiche a farmaci e mezzi di contrasto 22 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Asma grave in aumento: in Italia 300mila casi 22 OTT 2018 SALUTE
Il 90% del sale da cucina è contaminato da microplastiche 19 OTT 2018 ALIMENTAZIONE
Farmaci: uso eccessivo di antibiotici ad Sud 19 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Allevamenti: “Stop agli animali in gabbia” 17 OTT 2018 ANIMALI
Una sugar tax contro obesità e diabete: l'appello al ministro Grillo 17 OTT 2018 ALIMENTAZIONE
Gravidanza: i cibi da mangiare e quelli da evitare quando si aspetta un bambino 17 OTT 2018 SALUTE
Omega 3 e cacao proteggono la vista 15 OTT 2018 ALIMENTAZIONE
Un terzo delle sostanze chimiche in commercio è irregolare 15 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Bimba di due anni muore a 24 ore da vaccino esavalente 15 OTT 2018 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione